Intervista a Elisa Gonfiantini, travel blogger di successo, che ci racconta tutti i segreti del suo bellissimo mestiere e dello storytelling.

Incontro Elisa Gonfiantini quasi per caso la prima volta al TTG di Rimini lo scorso Ottobre, ci scambiamo i biglietti con la promessa di incontrarci nuovamente. Chissà potrebbe nascere qualche collaborazione. Mi innamoro del suo modo di scrivere, fluente, semplice ma sempre accattivante e ricco di particolari come piace a me. Scopro che Elisa è anche relatrice all’Istituto Tecnico Aldo Capitini e presenta il suo lavoro di “Girandolina”, diciamo meglio di Travel Blogger che fa insieme a suo marito. L’11 novembre 2015 ha iniziato a scrivere per TuscanyPeople oggi la voglio conoscere meglio e la voglio intervistare. La incontro nuovamente dopo la sua relazione.

Intervista a Elisa Gonfiantini, travel blogger di successo, che ci racconta tutti i segreti del suo bellissimo mestiere.

Ciao Elisa come stai. La mia prima domanda verte la tua prima volta da relatrice, come è andata e quali sono state le domande più interessanti degli studenti?

Ciao Tommaso, sì, sono reduce dalle mie prime lezioni all’Istituto Tecnico Aldo Capitini di Agliana, che è la mia vecchia scuola superiore dove io mi sono diplomata ben 15 anni fa ormai!! Quindi pensa l’emozione che ho avuto ad essere lì, ma stavolta stando dall’altra parte della cattedra! Ripercorrere quegli stessi corridoi, rivedere anche i miei “vecchi” professori, è stato veramente bello e piacevole…

Le prime due lezioni le ho tenute nell’Aula Magna, davanti a ben 200 studenti, delle classi terza, quarta e quinta superiore, con gli indirizzi rispettivamente turistico e informatico. Sono state due lezioni introduttive nel mondo del blogging, e in special modo del travel blogging, ovvero quello che tratta appunto il blog di viaggi di Elisa Gonfiantini e Alessio Barontini, www.girandolina.it. Grazie all’ aiuto di diapositive e della mia esperienza lavorativa come agente di viaggio di qualche anno fa, nella prima lezione, ho introdotto i ragazzi nel mondo della promozione turistica in chiave web attraverso questo nuovo strumento chiamato blog.

Intervista a Elisa Gonfiantini, travel blogger di successo, che ci racconta tutti i segreti del suo bellissimo mestiere.

Nella seconda lezione invece sono stata un po’ più tecnica insegnando i primi rudimenti del programma WordPress, la piattaforma gratuita che permette la creazioni di siti internet. Il progetto poi riprenderà a breve con lezioni pomeridiane mirate!

La domande più gettonata fra gli studenti? “Ma si guadagna facendo il travel blogger”? Ovviamente come ho spiegato dipende tutto dall’impegno, la costanza la perseveranza che si investe nel proprio progetto, poi piano piano i risultati arrivano!

Perché hai scelto di fare la travel blogger?

E’ iniziato tutto per gioco, unendo la mia passione per la scrittura con quella per i viaggi che ho fin da quando sono piccola; ho iniziato a viaggiare con i miei genitori che avevo circa 8 anni, e poi si può dire non mi sono più fermata! Con loro ho fatto viaggi sempre più lontani e dopo essermi fidanzata con Alessio (mio attuale marito), ho iniziato a viaggiare con lui. Insieme abbiamo fatti viaggi bellissimi. Il primo sicuramente il nostro viaggio di nozze di un mese in Australia, di cui tuttora conservo un bellissimo ricordo! Poi la Crociera sul Nilo (un’altra delle mie passioni è lo studio della storia dell‘Antico Egitto) e poi ce ne sono stati tanti altri. Ogni volta è un ‘emozione diversa!!

Intervista a Elisa Gonfiantini, travel blogger di successo, che ci racconta tutti i segreti del suo bellissimo mestiere.

Quali sono i segreti per realizzare uno storytelling di successo e come fai a capire se il tuo articolo ha incontrato il pubblico?

Non credo ci siano veri e propri segreti per avere un ottimo successo di critica. Io quando scrivo mi limito a raccontare la mia personale esperienza, senza omettere niente, sia le cose belle che le cose brutte che ci sono capitate e, forse, è proprio questa sincerità la chiave che mi ha permesso finora di ottenere un discreto numero di visite giornaliere. Poi certamente ci sono tutti i vari strumenti come la SEO, o altri, per avere una maggior rendering degli articoli su Google, ma continuo a ripetere che la costanza e l’impegno premiano sempre!

 

So che collabori con “Turisti per caso” di Syusy Blady e Patrizio Roversi, ma come sei stata scelta?

Semplicemente ho iniziato a scrivere per il loro sito di viaggiche è in assoluto il website più importante d’Italia e che ha vinto anche quest’anno, per il quarto anno consecutivo il Macchianera Award, ovvero l’ oscar per i blog di viaggi! Poi alcuni miei diari sono stati scelti per essere pubblicati su Turisti Per Caso Magazine, la rivista cartacea mensile del sito e fino ad adesso sono stata pubblicata su quella rivista per ben 10 volte (5 delle quali con pubblicazioni di alcuni diari di viaggio, poi con citazioni, foto ecc). Mi è stato detto che piace il mio modo di scrivere e raccontare i viaggi, come se portassi con me i lettori!

Intervista a Elisa Gonfiantini, travel blogger di successo, che ci racconta tutti i segreti del suo bellissimo mestiere.

Hai vinto dei premi se non sbaglio, raccontami nei dettagli

Sì, sempre con Turisti Per Caso ho vinto anche dei premi, fra cui alcuni gadget ecc; ma il più importante è stata sicuramente una crociera privata su uno yacht di 25 metri, ancorato a Maratea; premio per un concorso indetto sul loro sito, in cui si doveva presentare con poche battute (stile tweet) un monumento o sito d’interesse sconosciuto vicino casa nostra.

Ebbene io ho vinto con il Museo Archeologico di Firenze che al suo interno racchiude il secondo Museo Egizio più importante d’ Italia dopo Torino. Strano a dirsi, ma la maggior parte delle persone non lo conosce!! Comunque siamo stati invitati a trascorrere sullo yacht 4 giorni, insieme a altri due vincitori il capitano e lo skipper, in tutto eravamo 6 persone. E’ stata una bellissima esperienza, soprattutto per il lusso di cui eravamo circondati e della simpatia delle altre persone!!

Consiglieresti di fare il tuo lavoro ad un ragazzo/ ragazza alle prime armi?

Certamente! Io sono dell’opinione (avendo avuto anche modi di girare un po’ il mondo), che l’Italia è uno dei paesi più belli del mondo, non a caso detiene il maggior numero di opere patrimonio dell’Unesco nel suo territorio. Va da sé che il turismo potrebbe diventare la principale fonte di reddito dell’Italia intera! Quindi perché non investire in un settore collaudato come il turismo con i nuovi strumenti che il web adesso mette a disposizione? Uno può tranquillamente iniziare anche per gioco e poi vedere mano a mano se la cosa fa per lui e impegnarsi sempre di più!

Intervista a Elisa Gonfiantini, travel blogger di successo, che ci racconta tutti i segreti del suo bellissimo mestiere.

L’ultimo viaggio da travel blogger?

Lo scorso dicembre, siamo stati invitati dall’Ente del Turismo di Lubiana, la capitale della Slovenia in occasione delle festività natalizie. Che dire è stato un week end bellissimo, Lubiana sotto Natale diventa magnifica e complice la sua piccola dimensione, viene addobbata così tanto e bene, che le sue luminarie sono fra le più belle d’Europa, quasi surclassando le “colleghe” capitali europee più famose come Parigi o Londra! Inoltre il trattamento con cui ci hanno accolto era da veri Vip, a partire dall’hotel centrale e il più lussuoso della città, ai vari servizi (guida privata nei dintorni di Lubiana), pranzi al ristorante del Castello ecc! Sicuramente uno dei più bei blog tour finora fatti!

Dimmi 7 cose (segreti) da sapere per un’attività da travel blogger di successo.

Umiltà, sincerità, costanza, intraprendenza, perseveranza, coraggio, e perché no un pizzico di fortuna che non guasta mai!

Grazie Tommaso per questa bella intervista, spero che questo possa servire a rendere la mia ed anche la tua professione sempre più apprezzata dagli imprenditori, artisti, artigiani toscani e di tutto il mondo.

Alla prossima Elisa

Commenti

Commenti