Percorsi Napoleonici all’Isola d’Elba, 4 sentieri di trekking per scoprire la maggiore delle perle dell’Arcipelago Toscano, seguendo le orme del grande imperatore.

Percorsi Napoleonici, scoprire l’Isola d’Elba sulle orme del grande condottiero

E’iniziata la primavera e voglio proprio attraversare il canale di Piombino e tornare sulla meravigliosa Isola d’Elba, per una nuova esperienza. Ad aspettarmi trovo il mio amico Stefano Luzzetti, guida escursionistica e turistica di ElbaTrek. In questa occasione mi porterà alla scoperta dei cosiddetti Percorsi Napoleonici.

Percorsi Napoleonici sull'Isola d'Elba, 4 sentieri per scoprire la maggiore delle perle dell'Arcipelago Toscano, sulle orme di Napoleone

Sono troppo curiosa, cosa vedrò? Stefano, dove mi accompagnerai? Mi descrivi i percorsi che faremo? Stefano mi dice: “I percorsi che andremo a fare insieme sono quattro e ora uno ad uno te li descrivo“.

I 4 Percorsi Napoleonici dell’Isola d’Elba

Il Bosco dell’imperatore 

S.Martino – Difficoltà: facile – Interesse: storico, naturalistico

Si racconta che Napoleone, per pensare e pianificare il suo ritorno dall’esilio in tranquillità e senza spie, amasse percorrere i sentieri nelle vicinanze della sua dimora di campagna di San Martino. Visiteremo le stanze della sua abitazione, “rustica” ma con tutti i comfort dell’epoca, con gli affreschi narranti le vicissitudini napoleoniche e con un invidiabile panorama, nonostante la posizione strategicamente nascosta, sul porto di Portoferraio.

Percorsi Napoleonici sull'Isola d'Elba, 4 sentieri per scoprire la maggiore delle perle dell'Arcipelago Toscano, sulle orme di Napoleone.

Dalla residenza vera e propria, passeremo quindi alla “Galleria Demidoff”, aggiunta successivamente per volere dell’omonimo principe in onore dell’imperatore, dove la statua della Galatea ci darà il benvenuto. Da qui ripercorreremo i passi napoleonici alla scoperta di una vallata scrigno di una delle più grandi e variegate foreste demaniali dell’Isola d’Elba, dove per secoli la lecceta è stata trasformata in carbone dalle sapienti lavorazioni dei carbonai del luogo.

Napoleone in vacanza

Marciana – Difficoltà: facile – Interesse: storico, geologico, naturalistico

Raggiungeremo il santuario della “Madonna del Monte”, il più importante santuario montano presente sull’isola; incontreremo l’eremo che ospitò il soggiorno estivo di Napoleone esiliato dove, tra la pace del castagneto e l’isolamento della montagna avvenne l’incontro tra l’imperatore e la sua amante polacca. Un itinerario sul versante nord occidentale del monte Capanne, alla scoperta del castagneto e della sua importanza nell’economia rurale della zona.

Percorsi Napoleonici sull'Isola d'Elba, 4 sentieri per scoprire la maggiore delle perle dell'Arcipelago Toscano, sulle orme di Napoleone.

Seguendo il percorso potremo osservare le particolari forme di erosione del granito che nel corso dei millenni hanno modellato le rocce con forme inconfondibili come il masso dell’Aquila, l’Uomo Masso, la Testa di Moro. Dopo aver fatto rifornimento d’acqua alla freschissima sorgente dell’esedra del santuario, il percorso proseguirà, con la possibilità di scorgere alcuni esemplari di mufloni e rapaci in volo, verso la panoramica terrazza sulla Corsica di Serraventosa e da qui sulla via del ritorno.

Nessun foresto governerà Capoliveri

Capoliveri – Difficoltà: facile – Interesse: storico, geologico, naturalistico

Capoliveri mi fa la guerra..un nido di corvi vuol resistere all’aquila imperiale”. Napoleone B.

Questo, secondo la tradizione popolare fu il pensiero di Napoleone di fronte all’unico paese in rivolta contro la sua dominazione “forzata” sull’Isola d’Elba. Seguendo il leggendario racconto della “Vantina”, la ragazza che salvò il paese dalle ire napoleoniche, scopriremo i caratteristici chiassi, i vicoli del centro storico di questo antico borgo minerario.

Percorsi Napoleonici sull'Isola d'Elba, 4 sentieri per scoprire la maggiore delle perle dell'Arcipelago Toscano, sulle orme di Napoleone.

Proseguiremo con una passeggiata sul monte Calamita, in quello che è il santuario delle orchidee dell’isola d’Elba, attraverso ombreggiate pinete e odorosa macchia mediterranea, caratterizzata dalle fioriture dei cisti, delle ginestre e della lavanda. Spaziando sulla costa toscana e l’abitato di Porto Azzurro, arriveremo alle vedute di ponente con il Golfo Stella, il maestoso monte Capanne e uno scorcio da cartolina sul paese di Capoliveri, dove faremo ritorno al termine dell’escursione.

Il tesoro dell’esiliato

Rio Marina – Difficoltà: facile – Interesse: storico, geologico, naturalistico

La principale fonte di finanziamento del “principato Napoleonico” dell’Elba era nascosta sotto terra: per secoli i giacimenti ferrosi della zona orientale dell’isola hanno fatto la fortuna di chi aveva la possibilità di sfruttarli, dagli albori con gli Etruschi, passando per la dominazione pisana, fino ad arrivare a Napoleone, che per primo fece progettare un impianto di trasformazione industriale del minerale direttamente sull’isola.

Percorsi Napoleonici sull'Isola d'Elba, 4 sentieri per scoprire la maggiore delle perle dell'Arcipelago Toscano, sulle orme di Napoleone

Ematite, pirite, limonite sono solo alcuni dei nomi dei numerosissimi minerali che costituiscono la varietà geologica dei cantieri minerari del versante riese che andremo a scoprire nel museo mineralogico del “Parco Minerario dell’Elba”. Successivamente, dotati di martelletti e picozze, come veri minatori, andremo alla ricerca dei brillanti tesori nascosti del sottosuolo e delle loro particolarissime e uniche cristallizzazioni.

Che meraviglia! Sono pronta, zaino in spalla partiamo!

Riproduzione Riservata © Copyright TuscanyPeople
Foto 2 © StevanZZ/Shutterstock.com
1421 Visite Totali 2 Visite Giornaliere

Comments

comments

About The Author

Barbara Noferi
Blogger Giornalista & Ambassador of Tuscany
Google+

Sono nata a Piombino e mi sono laureata in Conservazione dei Beni Culturali. Da sempre amo scrivere e ora posso farlo come giornalista pubblicista. Mi diverto ad inventare favole per bambini e nel 2002 ho pubblicato il libro "I fiori della Signora Ada". La vita senza i miei animali sarebbe vuota e monotona: ho un cane e due gatti e vorrei vivere in una fattoria

Leave a Reply

Your email address will not be published.