Il 25 aprile le opere di Giampaolo Talani sanciranno l’esordio della rassegna Artimino Contemporanea che porterà pittori e scultori di fama alla Villa dei Cento Camini, patrimonio mondiale dell’Umanità

Le opere di Talani per il lancio di “Artimino Contemporanea”

Saranno come sempre i due temi guida “storici”, quello del mare e quello del viaggio, a ispirare le opere del pittore e scultore toscano Giampaolo Talani presenti dal 25 aprile alla villa medicea “La Ferdinanda” di Artimino (Prato).

Le opere di Giampaolo Talani aprono la rassegna Artimino Contemporanea che porterà molti artisti alla Villa dei Cento Camini

La mostra, organizzata dalla Villa insieme a LINEA Spazio Arte Contemporanea, laboratorio espositivo di Florence Biennale, andrà avanti fino al 3 maggio e intende portare nel borgo mediceo una serie di artisti di fama. Per il complesso di Artimino, un tempo residenza di caccia del Granduca e oggi inserita nella lista Unesco del patrimonio mondiale dell’umanità, è la prima tappa di un progetto espositivo che mira a trasformare la cosiddetta Villa dei Cento Camini in un luogo d’eccellenza dove far dialogare cultura, paesaggio e enogastronomia.

Il vernissage della mostra

Il vernissage della mostra di Talani è previsto per sabato 25 aprile, alle ore 18 nel Salone degli Armigeri della villa di Artimino: per l’occasione, verrà allestito un rinfresco con prodotti tipici locali. La mostra andrà avanti fino a domenica 3 maggio e sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 12 tranne il 26 aprile e il 1 maggio che sarà visitabile dalle ore 9 alle ore 19.

Le opere di Giampaolo Talani aprono la rassegna Artimino Contemporanea che porterà molti artisti alla Villa dei Cento Camini

Gli appuntamenti espositivi successivi vedranno alternarsi nei saloni di Artimino Andrea Roggi (dal 3 al 30 giugno) e Wessel Huisman (dal 28 settembre al 9 ottobre); quest’ultimo aveva presentato le sue opere nella Villa di Artimino l’anno scorso, in occasione della “Settimana della cultura toscana”.

L’idea di questo progetto – spiega Jacopo Celona, Direttore di Florence Biennale – nasce dall’intento di riproporre, in un territorio da sempre ricco di humus artistico e enogastronomico, le idee degli illustri mecenati che in passato hanno contribuito a sviluppare intorno a sé un ambiente prospero di artisti e uomini di cultura. Per noi tutto ciò rappresenta un punto di partenza dal quale sviluppare Artimino Contemporanea e portare in questo luogo alcuni tra gli artisti del panorama nazionale e internazionale, tra i più importanti. La scelta dei partecipanti a questa prima edizione è caduta sull’eclettico Giampaolo Talani, toscano di San Vincenzo, su  con le sue figure poetiche che rendono vivo il bronzo, e sull’artista olandese Wessel Huisman, le cui opere in bianco e nero e il sapiente uso della luce hanno la capacità di coinvolgerci in un tempo che sembra dilatato”.

Le opere di Giampaolo Talani aprono la rassegna Artimino Contemporanea che porterà molti artisti alla Villa dei Cento Camini

Artimino Contemporanea

Con Artimino Contemporanea – aggiunge Annabella Pascale, responsabile marketing del complesso mediceo – prevediamo di realizzare nei prossimi anni una serie di eventi tesi a dar vita a un luogo per la diffusione della cultura contemporanea, all’interno di una struttura che coniuga il passato di questi luoghi, ricchi di storia e suggestione, con le sue bellezze paesaggistiche, i piaceri enogastronomici e la cultura dei giorni nostri”.

Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Commenti

Commenti