Al Caffè Rainer di Firenze è possibile trasformare un semplice pranzo di lavoro in un vero appuntamento gourmet. Specialità austriache, tirolesi, venete e vegetariane accolgono gli affamati clienti del locale, con piatti che hanno rubato i sapori all’orto e i colori alla montagna.

Che il Caffè Rainer sia uno degli indirizzi preferiti da chi ha voglia di dolci buoni e belli a Firenze non è una novità, ma non tutti sanno che in questo angolo di Austria a due passi dal Mercato di San Lorenzo e dai Viali anche il pranzo acquista un sapore speciale, grazie a un’attenta ricerca delle materie prime e ricette che rubano i sapori all’orto e i colori alla montagna.

Il Caffè Rainer di Firenze, vicino al Mercato di San Lorenzo, offre menù salati con cui trasformare un pranzo di lavoro in un vero appuntamento gourmetAperto dalle 8.00 alle 15.00 dal martedì al giovedì e con orario prolungato fino alle 19 il venerdì (nel weekend, invece, il locale apre il sabato dalle 9 alle 15 e la domenica dalle 10 alle 15), questo elegante caffè fiorentino dotato di connessione Wi-Fi libera per i clienti, è rinomato per i macarons, le torte a fette e la pralineria, ma a pranzo si trasforma in uno chalet a cinque stelle, con piatti austriaci, veneti e vegetariani di grande effetto, ordinabili per telefono quando si hanno i minuti contati ma non si vuole rinunciare al comfort di cibi sani e ben preparati.

Le prime due linee di cucina sono un omaggio dei due titolari, Rudolf Rainer e Silvia Rabito, alle loro radici gastronomiche, che li ispirano tanto ai fornelli quanto nella cortesia e nell’efficienza del servizio, ma al tempo stesso, ci confermano in coro: “non era possibile trascurare una scelta di gusto ed etica che sta prendendo sempre più piede in città”. Sono in costante crescita i fiorentini e i turisti che si trovano a Firenze per business o interessi culturali e alla pausa pranzo chiedono qualità, discrezione e quell’ ospitalità Made in Tuscany arricchita di suggestioni internazionali.

In effetti, basta dare una rapida occhiata al menù salato per capire quanto i paesaggi e le sensazioni olfattive, tattili, gustative dell’infanzia siano essenziali nel determinare un imprinting culinario eccellente, da cui nascono piatti destinati a far emozionare chi li prepara, ma soprattutto chi li sceglie sulla scia del nome o di un ingrediente.

Austriaci, più precisamente tirolesi, sono gli spaetzle, piccoli gnocchetti fatti a mano da Rudolf con acqua, farina e uova freschissime, e poi saltati in padella con condimenti che ne esaltano la corposità. “Esiste anche una versione italiana, ma in questo caso – ci spiega Silvia – sono verdi, agli spinaci, invece i nostri sono bianchi.

Il Caffè Rainer di Firenze, vicino al Mercato di San Lorenzo, offre menù salati con cui trasformare un pranzo di lavoro in un vero appuntamento gourmet

Altro cavallo di battaglia della cucina alpina, adatto per un pranzo di lavoro sfizioso e nutriente, sono i canederli, polpette di pane, latte e uova, insaporite con speck, prosciutto e formaggio e cotte nel brodo bollente, perfetti per scaldarsi nelle fredde giornate invernali.

Per chi ama i sapori di alta quota, imperdibile è il piatto del rocciatore, servito nei rifugi e ideale per affrontare con la giusta carica le intemperie della vita urbana. La ricetta è semplice: patate e cipolle saltate in padella con speck abbrustolito e uova al tegamino, da alternare ai wurstel bianchi con i crauti e le altre tipicità della gastronomia tirolese.

Il Caffè Rainer di Firenze, vicino al Mercato di San Lorenzo, offre menù salati con cui trasformare un pranzo di lavoro in un vero appuntamento gourmet

Veneta è invece la polenta, che ispira piatti unici preparati in porzioni generose, accompagnati sempre da un’insalata rinfrescante. Gli abbinamenti sono molteplici e ognuno rappresenta un viaggio sensoriale a sè stante tra i profumi intensi di una terra che guarda al mare e respira l’aria di montagna, racchiudendo in un solo assaggio il meglio delle sue sponde. Ecco così che la polenta si sposa alla soppressa, ma anche al baccalà, nella sua variante veneziana, che impreziosisce un alimento considerato ‘povero’ grazie a una mantecatura a regola d’arte, capace di conquistare i palati più raffinati. Il tocco in più? Il formaggio: gorgonzola per la polenta di grano saraceno, asiago e radicchio con quella tradizionale.

Di città in città, le specialità cambiano, ma il grado di bontà resta invariato e ben al di sopra della media dei light lunch serviti abitualmente. Dici Padova, per esempio, e pensi ai tramezzini padovani, che “sono legati alla zona da cui provengo io – ci spiega Silvia – dove rappresentano uno stuzzichino salato molto diffuso. Ogni volta che torniamo in Veneto, con Rudolf li proviamo in quei due, tre posti che ci piacciono di più, in cerca di accostamenti inediti e ispirazioni, per offrire ai nostri clienti pietanze sempre nuove, ricercate, piacevoli alla vista e al gusto.

Il Caffè Rainer di Firenze, vicino al Mercato di San Lorenzo, offre menù salati con cui trasformare un pranzo di lavoro in un vero appuntamento gourmet

Un’attenzione verso il cliente che non si limita alla messa a punto di un menù basato sulle primizie di stagione, con piatti fissi e altri che si alternano e si arricchiscono di sapori sempre puliti e ben calibrati, ma che si sostanzia nella scelta forte e consapevolmente perseguita di introdurre una proposta di cucina vegetariana di qualità. In carta non manca mai una minestra molto sana, naturale, con legumi o cereali integrali e verdure in quantità.

Sfiziose sono anche le insalate e le preparazioni a base di prodotti dell’orto, che Rudolf sapientemente utilizza per preparare piatti poetici e 100% naturali: consigliatissimi la ratatouille d’autunno, con verdure stufate, crema di zucca e castagne, lo strudel vegetariano, gli sformatini e le torte salate con broccoli e cipolle, racchiuse in un involucro di pasta tipo brisée, con panna e uova a fare da legante.

Tutti piatti unici, ricchi di gusto e colore, bilanciati grazie all’utilizzo di ingredienti genuini, che Rudolf esalta con cotture accurate e la sua inesauribile creatività per offrire un pranzo di lavoro che nutra senza appesantire, perfetto per chi desidera affrontare il resto della giornata con la giusta carica di energia.

La cantina rispecchia la doppia anima del locale, con radici montane e desideri e progetti che l’hanno portata fin qui, a Firenze, culla del mangiare – e bere – bene. A seconda dei piatti e del gusto personale si può scegliere tra Chianti e Rosso di Bolgheri, Pinot grigio del Trentino, Müller-Thurgau e Gewürztraminer, per concludere con un caffè corretto o una grappa giovane o barricata.

E, naturalmente, il dessert.

Il Caffè Rainer di Firenze, vicino al Mercato di San Lorenzo, offre menù salati con cui trasformare un pranzo di lavoro in un vero appuntamento gourmet

 

La cioccolateria, con praline e piccoli bonbon che si sciolgono in bocca e predispongono ad affrontare con dolcezza il resto della giornata, i macarons storici di Firenze, i primi arrivati in città, le Fette prêt à manger, che ripropongono in formato monoporzione sia i classici della pasticceria austriaca e internazionale sia i dolci reinterpretati o inventati ex novo, infine gli éclairs

A queste bontà in miniatura Rudolf ha dedicato il suo primo libro, Éclair. Bignè e torte in pasta choux dolci e salati, seguito dal volume Donut & Bagel. Ciambelle dolci e salate (entrambi editi da Giunti Editore), in vendita nelle più importanti librerie d’Italia, ma disponibili presso il Caffè Rainer, con una sorpresa per chi li acquisterà direttamente in negozio: ogni copia sarà personalizzata dagli autori con dedica e firma autografa.

Un regalo esclusivo a conferma di una cultura del gusto che si nutre di ricerca, sperimentazione, studio, artigianalità, tutte qualità che si ritrovano intatte e sublimate in piatti capaci di trasformare un normale pranzo di lavoro in un inaspettato e goloso appuntamento gourmet.

Reportage fotografico realizzato da David Glauso per Caffè Rainer e TuscanyPeople (Photo n. 2 e n. 6).

Caffè Rainer Pasticceria

 

Caffè Rainer Pasticceria – Via San Zanobi, 97/r – Firenze – Tel. +39 055 5276634

Orari di apertura: Lunedì chiuso – dal Martedì al giovedì 08.00 – 15.00

Venerdì 08.00 – 19.00 – Sabato 09.00 – 15.00 – Domenica 10.00 – 15.00

Il Caffè Rainer di Firenze, vicino al Mercato di San Lorenzo, offre menù salati con cui trasformare un pranzo di lavoro in un vero appuntamento gourmet

Commenti

Commenti