Interpreti di uno stile raffinato, contemporaneo ed informale, Ginevra e Ludovica Fagioli sono l’anima di Caftanii, un atelier che offre un modo affascinante e senza tempo per indossare il caftano. Un pezzo di ogni giorno, senza stagioni, le cui linee delicate fanno sentire le donne a proprio agio per la sua capacità di coniugare femminilità e comodità, eleganza e carattere.

Ginevra e Ludovica Fagioli:l’anima di Caftanii

Incontriamo Ginevra e Ludovica Fagioli nella loro Firenze, dove sono nate, vivono e lavorano. Le sorelle Fagioli sono proprietarie di Caftanii, atelier di moda, oltre ad essere due giovani donne molto intelligenti e piene di seduzione.

Cosa volevate fare da grandi?

Ginevra Fagioli: “In realtà volevo iscrivermi a Ingegneria aerospaziale ,ma alla fine ho scelto Economia, perché aveva più sbocchi…comunque fino al giorno di chiusura delle iscrizioni ero un po’ indecisa. Ho sempre avuto una passione per tutto quello che riguarda lo spazio…infatti sono rimasta con la testa tra le nuvole, un po’ disconnessa!

Caftanii, l'atelier di moda a Firenze di Ginevra e Ludovica Fagioli, propone nuovi modi per indossare il caftano, capo chic e contemporaneo

Ludovica Fagioli: “Ho fatto Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, avrei voluto essere una giornalista poi durante l’università ho pensato che mi sarebbe piaciuto un percorso in una organizzazione non governativa. In seguito ho fatto un master a Roma in giornalismo enogastronomico e poi è esplosa la passione per Caftanii e ci siamo ritrovate a Firenze.

Caftanii è silhouette eleganti ed esclusive, tessuti sofisticati e raffinati: questo è “made in Italy” nella sua forma migliore.

Curate attentamente ogni singolo dettaglio?

Ginevra Fagioli: “Eravamo entrambe laureate, avevamo appena finito le rispettive esperienze, io avevo iniziato a lavorare in azienda, poi però abbiamo sentito la necessità di fare qualcosa insieme. Caftanii è un’idea di lifestyle in cui le stoffe fanno il caftano, un capo di abbigliamento che da quando siamo nate è evoluto, oggi è una parte delle collezioni.

Ludovica Fagioli: “Il progetto nasce dal fatto che secondo noi tutto ciò che è bello, curato, rappresenta un certo modo di vivere. Il caftano è un abito che si sposa bene con tanti ambiti, è l’espressione di un modo di vedere casual, rilassato, ‘chicchetoso’. Il caftano per noi è espressione di un modo di vivere, di essere, è espressione di quello che noi volevamo comunicare, da solo è un total look, lo completi con gli accessori, volevamo raccontare la nostra storia attraverso quello che pensiamo.

Caftanii, l'atelier di moda a Firenze di Ginevra e Ludovica Fagioli, propone nuovi modi per indossare il caftano, capo chic e contemporaneo

L’idea nasce insieme, io disegno, poi ci affidiamo a dei modellisti. In questo sono abbastanza brava, a 5 anni ho anche vinto il Premio Pinocchio a Palazzi Pitti, bellino!

Nelle collezioni di Caftanii i colori sono all’insegna di una garbata semplicità, tra leggerezza e stoffe materiche.

Come li scegliete?

Ginevra Fagioli: “Quello che fa piacere è che le persone che vedono e toccano le collezioni di Caftanii capiscono che i capi sono cari ma sono diversi. Siamo abituate a vestire così noi, fin dalla prima fiera abbiamo cercato tutte le pesantezze, non tutti lo apprezzano ma abbiamo scelto di essere fedeli al nostro essere, di essere uniche specialmente oggi, un momento storico in cui c’è tanta offerta.

Il bianco è bianco, i colori che scegliamo sono abbastanza neutri, non c’è mai troppo, non osiamo, è il nostro gusto, tonalità non appariscenti, come anche la decisone di non utilizzare molte stampe.

Ludovica Fagioli: “Quando lo tocchi con mano, e anche indossato, si sente. Il tessuto è fondamentale.”

Proponete abiti che sono un passe-partout perfetto per ogni occasione.

Caftanii, l'atelier di moda a Firenze di Ginevra e Ludovica Fagioli, propone nuovi modi per indossare il caftano, capo chic e contemporaneo

Chi è la ‘donna Caftanii’?

Ginevra Fagioli: “La donna Caftanii è una persona che sa come indossare un abito, non fashionista, che non segue le tendenze, piuttosto le detta. Il nostro motto è ‘Style before fashion‘, la moda bisogna farla un po’ propria altrimenti significa non avere personalità, quando diventa troppo commerciale perde quell’esclusività. Per scelta non abbiamo mai collaborato con influencer, la nostra volontà è di non diventare in nessun modo commerciali, siamo di nicchia.”

Ludovica Fagioli: “È una donna disinvolta, educata, molto femminile, delicata, che sa stare in ogni situazione, charmant, con un abito anche ampio, con i suoi accessori, che può utilizzare dalla mattina fino a cena.

È difficile lavorare insieme?

Ginevra Fagioli: “Molto, però è davvero molto bello! Funziona, ci fidiamo molto l’una dell’altra, siamo libere di andare avanti senza che l’altra sia aggiornata. Io, avendo fatto economia, seguo più la parte contabile, i rapporti con i fornitori, lei più le PR e i contatti con la stampa, siamo talmente sulla stesa linea che lo possiamo fare in autonomia. La cosa buffa sono gli alti e bassi, quando sono più pessimista io, lei è ottimista e viceversa, ci equilibriamo!

Caftanii, l'atelier di moda a Firenze di Ginevra e Ludovica Fagioli, propone nuovi modi per indossare il caftano, capo chic e contemporaneo

Ludovica Fagioli: “Siamo molto unite, ma caratterialmente siamo opposte, le cose che facciamo e che ci piacciono sono diverse. Siamo gemelle, tutti pensano ai gemelli come individui simbiotici, siamo molto legate ma ognuna ha la propria personalità. Sole non sarebbe possibile, dove finisce una inizia l’altra. Quando andiamo in show room a Parigi è il momento più critico, c’è molta tensione, ci scanniamo, litighiamo ma poi dopo 10 minuti facciamo pace!

Quali emozioni ci tenete a trasmettere maggiormente a chi viene in contatto con Caftanii?

Ginevra Fagioli: “Un po’ di nostalgia, perché io sono romantica, non essendo un brand di massa penso che chi compra lo faccia per momenti, occasioni, momenti di vita molto genuini, senza orpelli.

Ludovica Fagioli: “Una certa sicurezza, una donna che veste un nostro capo dice sono a posto, sto bene, c’è buon tessuto, forme che mi stanno bene, confidenza. Quel pezzo che ti risolve tutte le situazioni. Io provo tutto, non mi va bene niente, il caftano invece è un jolly nell’armadio.”

Non solo Firenze, Caftanii trae ispirazione anche dalla Versilia e dalla bellezza del territorio toscano che da secoli è la culla dell’eccellenza italiana nell’artigianato.

Vi sentite eredi di una importante tradizione?

Ginevra Fagioli: “Cerchiamo di rimanere sempre qui, in Toscana davvero una regione che di geni ed artisti ne ha avuti tanti, nel tessile, nella manifattura, nella modellistica.

Caftanii, l'atelier di moda a Firenze di Ginevra e Ludovica Fagioli, propone nuovi modi per indossare il caftano, capo chic e contemporaneo

Persone da tutto il mondo vengono qui, per noi essere di Firenze è un vanto, siamo molto orgogliose, il made in Tuscany è davvero fatto tutto qua, ha un valore e speriamo di rendere merito a queste realtà. Purtroppo a volte è troppo usata l’espressione made in Italy o made in tuscany, anche senza rispetto di quello che realmente è e ha sempre rappresentato.

Ludovica Fagioli: “Sicuramente siamo lusingate di essere nate a Firenze, di essere cresciute in Versilia, anche tutte le nostre campagne fotografiche sono ambientate qui, abbiamo fatto shooting a Forte dei Marmi, alle cave di Carrara, nella campagna senese, al Golf Club Ugolino a Firenze, un circolo stimato e conosciuto a livello internazionale.

Oggi il mondo della moda è molto sfaccettato, vale tutto. Che cosa ne pensate dell’invenzione creativa che rifiuta regole e condizionamenti?

Ginevra Fagioli: “Da una parte diverte, è una forma espressiva di un momento storico, va bene ma noi scegliamo un altro percorso. È una bulimia eccessiva, in tutto bisognerebbe ritornare indietro, noi proponiamo lo ‘slow fashion’.

Ludovica Fagioli: “Come tutte le cose quando è troppo ad un certo punto si torna indietro. Penso l’evoluzione che ha avuto il mondo del food, tutto quello che era ‘cibo veloce’ si è affermato negli Anni ’80, oggi sempre di più si cerca il Km zero e si fa attenzione a quello che mangiamo, da dove viene la materia prima. C’è un discorso etico dietro ai colossi per capire come producono, quante persone fanno lavorare, la qualità di collezioni e di vestiti che poi magari non si fanno in tempo nemmeno a vendere.

Caftanii, l'atelier di moda a Firenze di Ginevra e Ludovica Fagioli, propone nuovi modi per indossare il caftano, capo chic e contemporaneo

Il 19 febbraio è venuto a mancare lo stilista Karl Lagerfeld, direttore creativo di Chanel e Fendi, cui ha dato un’impronta inconfondibile. Irriverente, inamovibile, insostituibile.

Come lo ricordate?

Ginevra Fagioli: “Ci sono degli artisti, uomini, stilisti che sono molto più che disegnatori di collezioni, la cosa bella è che nonostante arrivino dove arrivino ma rimangono molto sensibili, anche fragili, nonostante abbiano tutto. Rimangono immortali. Alcuni stilisti di oggi tra un po’ non se li ricorderà più nessuno, lui invece è stato un genio.

Ludovica Fagioli: “Ho avuto la fortuna di incrociarlo a Parigi sulla porta del negozio Colette, il cuore mi batteva fortissimo, l’ho visto da vicino, per me è immortale, c’è e ci sarà per sempre.

Viaggiate molto per Cafatnii. Che cosa rappresenta per voi e come influisce sul vostro lavoro?

Ginevra Fagioli: “Tutto quello che vediamo stimola ogni volta un’idea diversa, rimanendo fermi non puoi avere le stesse idee di quando viaggi, raccogliamo spunti che poi portiamo nelle collezioni di Caftanii. Da sempre viaggiamo d’estate, il periodo più facile quando tutto è chiuso; abbiamo sempre messo in valigia dei caftani, capi eleganti, sobri e leggeri, che permettono di essere chic con praticità. Quando abbiamo deciso di disegnare la prima collezione di Caftanii, non avremmo potuto immaginare qualcosa di diverso.

Caftanii, l'atelier di moda a Firenze di Ginevra e Ludovica Fagioli, propone nuovi modi per indossare il caftano, capo chic e contemporaneo

Ludovica Fagioli: “Fin da piccole abbiamo viaggiato tanto, abbiamo la testa aperta, abbiamo visto tanti paesi, è quello che ci rende oggi convinte di non essere commerciali, di creare un prodotto unico, che si differenzia.

Come trascorrete il tempo libero?

Ginevra Fagioli: “Stando molto fuori, mi piace moltissimo la natura, tutto quello che è lontano dalla confusione, prendo la macchina e vado, da sola o in compagnia. Giardini, spiagge: la prima cosa che guardo è il paesaggio, la natura, mi piace così, mi rilasso, ho bisogno dell’aria. Io sempre fuori, lei invece sempre dentro!

Ludovica Fagioli: “Fino ad un anno fa ogni weekend libero andavo a Parigi, anche da sola, è così vicina, è una città di cui sono innamorata, offre tantissimo, c’è sempre una mostra nuova. Musei, architettura, arredamento, per tutto quello che è design perdo la testa!

 

Ma quant’è bella Firenze? Se anche tu, come noi, se un appassionato di questa meravigliosa città, contattaci e ti terremo costantemente informato su ogni novità al riguardo. Scrivici

Hai una storia fiorentina da raccontare?

Clicca qui

 

Dal Febbraio 2014 in migliaia hanno cliccato qui sopra e centinaia hanno raccontato la loro storia. Vuoi conoscerne alcuni? (link)


Riproduzione Riservata ©Copyrighy TuscanyPeople

Commenti

Commenti