Domenica 13 settembre 2015 a Incisa in Val d’Arno, si apriranno le porte della casa di Francesco Petrarca. Ad accogliere gli ospiti ci sarà l’ Accademia della Crusca, con una conversazione sull’evoluzione della lingua italiana, un ricco buffet e un concerto di “Galanterie Settecentesche, danze e minuetti.

 

Casa di Francesco Petrarca: a Incisa il luogo dedicato al poeta

Tutti a parlar di Dante, il sommo poeta ha monopolizzato così tanto l’attenzione letteraria che, spesso, ci si dimentica che la Toscana ha dato i natali a moltri altri illustri personaggi. Tra questi Francesco Petrarca, nato nel 1304 ad Arezzo per uno strano scherzo del destino (il padre viene mandato in esilio, per motivi politici). Ma non passa tutta la sua vita nella città natale.

Francesco Petrarca è uno dei più grandi poeti toscani di tutti i tempi

Francesco Petrarca sommo poeta toscano

Fino all’età di 7 anni vive a Incisa Val d’Arno (Firenze) che, all’epoca, era il granaio fiorentino. Si trasferisce in una residenza di famiglia ed è li che nasce il suo amato fratello, Gherardo. Ma perchè parliamo di Francesco Petrarca? Perché la casa di Francesco Petrarca verrà inaugurata il 13 settembre, dopo anni di lavori. E sarà un’inaugurazione con vista, dal momento che l’edificio sorge su uno dei punti più alti di Incisa Val d’Arno, Piazza Benassai in Loc. Castello, con affaccio sulle colline, oltre ad esser stato costruito proprio lungo le mura del Castello della città.

La casa di Francesco Petrarca ristrutturata e trasformata in museo, verrà inaugurata a Incisa Val d'Arno il 13 settembre 2015 con una grande festa di paese

Un vero privilegio, da cui si evince l’importanza della famiglia in quell’epoca – sottolinea l’Arch. Cristiana Pesciullesi, l’architetto che ha seguito i lavori di consolidamento dell’edificio e la sua prima fase di restauro, dal 2004 al 2013 (i successivi interventi, invece, sono opera dello Studio De Vita e Associati ndr) – “Era il 1124 quando il Comune di Firenze lo fece costruire, con precise finalità strategiche: un modo per assicurarsi il controllo sul territorio, dato che fu una delle prime città a nascere nel Valdarno superiore”.

L’inaugurazione della Casa di Petrarca

La festa durerà tutta la giornata, con partenza alle 10,30 nella sala polivalente. Si inizierà con una conversazione semiseria sull’evoluzione della lingua italiana, in compagnia del prof Alessandro Pancheri dell’Accademia della Crusca. A seguire il taglio del nastro, accompagnato da un buffet, ma anche da un concerto di “Galanterie Settecentesche: danze e minuetti”.

👉 Leggi anche: 25 Marzo 2020: nasce il Dantedì, la giornata in memoria di Dante 

3 grandi poeti toscani, o meglio rimatori toscani, che con la loro opera hanno segnato la letteratura italiana: Dante, Petrarca e Boccaccio

La festa proseguirà nel pomeriggio, a partire dalle 15,00, con musiche ed eventi a tema che proseguiranno fino alle ore 21,00. Ad esibirsi saranno musicisti e artisti di strada, con giocolieri, acrobati, mangiafuoco e contorsionisti, pronti a far rivivere le atmosfere medievali. In strada anche alcuni attori, con performance dedicate a Petrarca.

Spazio, inoltre, al fumetto e alle illustrazioni, cento delle quali (personalizzate) saranno regalate a grandi e piccini.

Chi vorrà, potrà partecipare pure ad una caccia al tesoro, che prevede la ricerca (e la vittoria) di duecento opere d’arte disseminate lungo il percorso storico che, in pochi minuti di cammino, porta da Via dell’Antica Porta a Casa Petrarca.

La casa di Francesco Petrarca ristrutturata e trasformata in museo, verrà inaugurata a Incisa Val d'Arno il 13 settembre 2015 con una grande festa di paese

La piazzetta antistante la Casa di Petrarca

Questo antico camminamento, da poco restaurato, ospita anche dei totem permanenti, con versi tratti dalle opere dello stesso poeta. Saranno presenti inoltre dei punti ristoro (panini, bibite e gelato), disseminati qua e là lungo tutto il percorso.

 

Nella piazzetta davanti all’edificio, invece, sarà allestito un piccolo buffet di benvenuto, oltre a diventare location dei concerti. Ci saranno anche dei laboratori per bambini, che spazieranno dalla costruzione della città in mattoncini al video-making.

Per l’occasione, sarà inoltre disponibile un doppio servizio navetta, con partenza da piazza della Repubblica e da via XX settembre (all’incrocio con via Laura), dalle 10 alle 12 e  dalle 15 alle 20.

 

📍PER APPROFONDIRE:

👉 Poeti toscani: i rimatori che hanno fatto la storia

👉 Castelfranco di Sopra: tra le Balze del Valdarno, uno dei Borghi più belli d’Italia

👉 Tenuta Sette Ponti, Valdarno di-vino

La Toscana è la tua passione? Anche la nostra!

Teniamoci in contatto

 


Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

Sonia Muraca
Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti