Certaldo è un ridente paesino di 16.000 abitanti in provincia di Firenze, nel bel mezzo della Valdelsa. La sua fortuna è quella di aver dato i natali a Giovanni Boccaccio, il cui passaggio nel paese sembra aver lasciato segni tangibili ed un’atmosfera che si respira ancora oggi.

Certaldo, il paese di Messer Boccaccio nel cuore della Valdelsa

Certaldo è un borgo medievale in provincia di Firenze, che si articola in due parti: Certaldo Alto la zona più prettamente medievale, nella quale troviamo il Palazzo Pretorio ed il Castello, raggiungibile anche con una funivia che parte da Piazza Boccaccio; Certaldo Basso, la parte più moderna, che ha visto un momento di grande sviluppo soprattutto con l’arte Barocca e nel Settecento (mappa)

Le origini di Certald0

Certaldo è il paese della Toscana, in Valdelsa, che ha dato i natali a Boccaccio

Le origini di questo affascinante paese risalgono all’epoca romana, quando l’area della Toscana era popolata dagli Etruschi; sul Poggio del Boccaccio, a nord-ovest del borgo medievale, sono anche stati ritrovati reperti di questi insediamenti, tra cui una tomba a camera ed un pozzo che in età ellenistica fungeva da granaio, probabilmente.

Da non dimenticare che per queste campagne passava l’importantissima via Francigena, collegamento di Roma con la Gallia, quindi il paese si rivela anche un punto strategico per i commerci e le risorse che affluivano qui grazie al passaggio di carovane cospicue. Certaldo è una città piena di storia: tutto è perfettamente intatto in tutti i luoghi che erano sede di abitazioni medioevali o rinascimentali.

Certaldo è il paese della Toscana, in Valdelsa, che ha dato i natali a Boccaccio

Certaldo: paese natale di Giovanni Boccaccio

Quando Boccaccio viveva a Certaldo, il paese era un graziosissimo borgo nel fiore dei suoi anni, di certo popolato da meno abitanti rispetto ai 16.000 odierni, ma non per questo meno vivo. Il letterato, infatti, scelse di ritornare proprio qui al termine della sua vita, dopo esser stato anni in attività a Firenze e Napoli, sicuramente grandi città per lo sviluppo del suo pensiero.

La calma di Certaldo e l’atmosfera che si respira tra le sue mura, però, non poterono esser dimenticate tanto facilmente da Boccaccio, che qui nacque, spingendolo a tornare tra le sue mura per il periodo più travagliato della sua vita, in cui presero forma il Corbaccio e la Genelogia Deorum Gentilium.

Certaldo è il paese della Toscana, in Valdelsa, che ha dato i natali a Boccaccio

La Casa di Boccaccio

La sua casa è ancora lì, splendida testimonianza che attraversa i secoli senza dar cenni di cedimento: anche se fu bombardata negli anni del fascismo e della Seconda Guerra Mondiale, il restauro condotto dalla marchesa Carlotta Lenzoni de’ Medici si rivelò fondamentale.

L’affresco del Benvenuti dedicato al letterato trecentesco si salvò ed ora la Casa di Bocaccio è stata abilmente portata a nuovo dalla gestione attuale. Questo luogo è perfetto per rivivere tutte le tappe della vita dello scrittore, aiutati dall’allestimento del primo piano della casa-museo: l’atmosfera è magica e sembra di fare un salto indietro nel tempo, approdando direttamente agli anni del vivo poetar del nostro artista.

Certaldo Alta

La Casa di Boccaccio, però, non è l’unico luogo di interesse di Certaldo: infatti, passeggiando per le stradine della parte Alta, si scorge il Palazzo Pretorio, il più importante segno lasciato dal Medioevo qui nella Valdelsa e del quale abbiamo notizie già dal 1164.

Certaldo è il paese della Toscana, in Valdelsa, che ha dato i natali a Boccaccio

La Torre dell’Orologio svetta imponente sui tetti sin dal 1484 e gli stemmi di tutte le famiglie del paese ci illustrano l’albero genealogico delle genti certaldesi. All’interno, ancora intatte, troviamo la sala delle Udienze e quella del vecchio Tribunale medievale; attigue, le carceri civili con le loro pareti conservate benissimo, ricche di incisioni che i rei qui rinchiusi calcavano con oggetti di fortuna, spesso anche solo per la conta dei giorni.

Proprio accanto al Palazzo, in un unico percorso museale, c’è la Chiesa dei Santi Tommaso e Prospero: ora qui non si celebra più la messa e non ci sono attività religiose, ma al suo interno splende ancora l’affresco del Tabernacolo dei Giustiziati. Pare anche che proprio all’interno delle sue mura vi sia, tra le tante, la tomba di Giovanni Boccaccio.

Certaldo è il paese della Toscana, in Valdelsa, che ha dato i natali a Boccaccio

Salendo fino alla cima del colle, arriviamo al Castello medievale: da qui partono le mura che cingono la parte alta del paese, con le tre porte di accesso al vecchio borgo (Alberti, del Sole e Rivellino). I mattoni rosa con cui è stato edificato il castello gli conferiscono un tono davvero romanzesco, come se spuntasse fuori direttamente da una fiaba: vale la pena visitarlo, anche per ammirare gli alloggi signorili e l’armeria, datati al periodo longobardo del X-XI secolo.

Eventi a Certaldo

Le origini e lo sviluppo della bella Certaldo sicuramente si fanno sentire e non possono passare inosservate le numerose testimonianze dei decenni passati sulla struttura ed architettura del paese. Tuttavia, anche oggi il borgo è più attivo che mai, con i suoi numerosi e prestigiosi eventi.

Nel mese di luglio

A luglio, ed esempio, le strade del paese si animano con Mercantia, la fiera medioevale dei mercanti che unisce la magia del teatro di strada alla maestria degli artigiani del posto, tutto contornato da spettacoli di musica e danza. Potrete assistere, semplicemente facendo una passeggiata tra le bancarelle allestite per l’occasione, a sceneggiate create ad hoc per essere recitate tra vicoli e monumenti certaldesi.

Mercantia 2016, la XXIX edizione del festival di teatro di strada: dal 13 al 16 luglio 2016 animerà il borgo toscano di Certaldo,

Le piazze saranno punto di incontro e ritrovo e la gastronomia locale potrà essere gustata in tutta la sua essenza, cullati dalle note suonate dalle bande ed orchestre cittadine.

Degna di nota è anche la Cena da Messer Boccaccio, che riporta il borgo all’esatto periodo in cui il poeta soggiornava qui. Non solo la cena, ma l’intera giornata sono una rappresentazione in perfetto stile medievale tra i vicoli tutti della Certaldo Alta; il momento conviviale, poi, sarà assaporato proprio come una volta, con stoviglie di coccio e posate in legno, in abiti d’epoca ed un’atmosfera unica.

I fuochi pirotecnici concludono in bellezza la serata: frutto della nostra epoca, certo, ma l’incanto che lasciano negli occhi di tutti ripagano sicuramente l’anacronismo!

Mercantia nel 2017 compie 30 anni e Certaldo, il borgo toscano che ospita questa kermesse di teatro di strada, festeggia con La Grande Festa

 

Nel mese di agosto

Non dimentichiamoci del Tuscany International Jazz Summer School And Arts Festival: un’intera settimana di corsi e spettacoli dedicati alla raffinatissima arte del Jazz, tutto made in Tuscany. Famosi musicisti e maestri arrivano a Certaldo e si dedicano all’insegnamento di questa disciplina per tutti gli abitanti del posto ed i turisti, disponibili come tutti i certaldesi d’origine.

Nel mese di settembre

Come non celebrare proprio qui, poi, un premio letterario dedicato a Giovanni Boccaccio? Il premio è importantissimo a livello nazionale ed internazionale: si tiene a settembre e può già annoverare vincitori illustri nel campo della letteratura, quali Indro Montanelli, Enzo Biagi, Aldo Busi ed Alberto Bevilacqua, ma anche tanti altri scrittori italiani e non.

Guida a 6 librerie in Toscana tra Firenze, Grosseto, Pisa, Arezzo e Pietrasanta

E se i certaldesi ed i conoscitori di Certaldo hanno da suggerirci qualche evento di cui non abbiamo parlato la redazione di TuscanyPeople è pronta a viverli ed a raccontarli in prima persona. Scriveteci a redazione@tuscanypeople.com

Informazioni sull'autore

Silvia Baldassini
Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti