L’Isola d’Elba, per quanto piccola, ha una buffa peculiarità: è suddivisa in otto comuni diversi. Questa suddivisione ha origini storiche ben radicate nel tempo: alcuni dei comuni dell’Isola d’Elba basarono la loro economia sulla pesca, altri sull’agricoltura, altri ancora sulla pastorizia e l’estrazione del granito. Pur essendo minima la distanza che li divide, si differenziano tuttora per dialetto, tradizioni e cibo.

Comuni dell’Isola d’Elba: 8 borghi legati dal mare

Portoferraio, il più grande tra i comuni dell’Isola d’Elba

Tra i comuni dell’Isola d’Elba, Portoferraio è quello più grande, nonché capoluogo dell’isola. È il paese dove arrivano la maggior parte dei traghetti ed è quello che l’inverno rappresenta il fulcro della vita isolana: scuole, aziende, negozi e tutte le attività non turistiche restano attive anche al di fuori della stagione estiva.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Il toponimo “Ferraia” è dovuto alla passata attività di estrazione del ferro risalente all’epoca etrusco-romana. Fu fondata da Cosimo I de’ Medici Granduca di Toscana nel 1548, che la ribattezzò successivamente “Cosmopoli”: da allora divenne presidio militare con il fine di difendere la costa toscana dai nemici.

Forte Stella, Forte Falcone, la Torre della Linguella e le imponenti Fortezze Medicee sono la testimonianza visibile di tutto ciò. La città di Cosmopoli rimase sotto il controllo del Granducato di Toscana sino al 1714 quando l’Elba fu affidata a Napoleone Bonaparte, che la scelse come luogo per il suo esilio forzato.

Napoleone fu fondamentale per tutta l’isola a livello economico e culturale; se passate da Portoferraio non perdetevi le sue due ville: Villa Dei Mulini a Portoferraio e Villa di San Martino nella campagna a qualche km dalla città.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Gli 8 comuni dell’Isola d’Elba, tralasciato il trimestre giugno-luglio-agosto, sono tutti luoghi davvero tranquilli dove la vita scorre ad un ritmo molto particolare: non esistono traffico, inquinamento e criminalità…e non esiste suonare quando si è in macchina: “non siamo mica a Milano de!”.

Passeggiando per Portoferraio

Il lungomare portoferraiese è punteggiato da negozi e ristoranti: vi consiglio di fermarvi all’ Apino del Polpaio (il termine “apino” si riferisce all’Ape Car Piaggio, ndr) e ordinare una granfia di polpo lesso oppure un bel fritto misto da gustarvi per la strada. Tappa obbligatoria le Fortezze, dalle quali potrete avere una meravigliosa vista sul golfo; se vi appassiona la materia date uno sguardo pure al Teatro dei Vigilanti, piccolo gioiello storico della città.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Se avete voglia di rilassarvi consiglio un giro al Parco Termale dell’Airone, proprio di fronte alla città; un grande parco pieno di piante, alberi e animaletti selvatici dove un ponte in muratura divide il mare da un laghetto di acqua salata! Stupendo per chi ama fare sport all’aperto o perfetto per i bambini piccoli.

Sempre a piedi potrete arrivare alla spiaggia delle Viste e a quella delle Ghiaie, dal mare fantastico specialmente nei giorni di Scirocco (scopri le spiagge più belle dell’Isola d’Elba)

Portoferraio ha la fortuna di avere le spiagge dalle scogliere e ghiaie bianche, quelle che vedete nelle foto di Acqua dell’Elba per intenderci. Scegliete quella che più vi piace e buon mare!

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Campo nell’Elba

Nella parte a sud dell’isola, troviamo Campo nell’Elba, uno degli 8 comuni dell’Isola d’Elba nato come piccolo villaggio di pescatori, divenuto oggi uno dei paesi più popolati durante l’estate, grazie alla presenza di numerose attività turistiche: alberghi, ristoranti, bar e discoteche.

La spiaggia è la più lunga dell’isola, non a caso adibita infatti a spazio per feste e manifestazioni che richiamano ogni anno moltissime persone.

Questa estate 2017 è stata speciale per Marina di Campo: sulla lunghissima spiaggia bianca sono nate 103 tartarughe marine, un evento raro e fondamentale che fa ben sperare in termini di qualità e popolamento della fauna marina.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Nella località “La Pila” è presente l’unico acquario dell’Isola d’Elba, dove potrete portare i vostri bambini per fargli scoprire da vicino tutte le specie presenti nel nostro mare.

Dal paese, sulla destra del lungomare, partono i traghetti per le isole vicine: prima di tutte Pianosa (proprietà del comune), selvaggia e fantastica, insomma da vedere almeno una volta, ma anche Giglio, Capraia e Corsica!

Campo dell’Elba è l’unico degli 8 comuni dell’Isola d’Elba a potersi vantare del possesso dell’unico aeroporto di tutto l’Arcipelago Toscano, che la collega alle più importanti città italiane e al centro Europa.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Sulle colline

Allontanandovi dal golfo, troverete erti su due colline separate, le frazioni di San Piero e San’Ilario, caratteristici e piccolissimi borghi medievali: in entrambi i casi vi consiglio di visitare le rispettive chiese.

Alle spalle di questi due paesini si trova il Monte Perone, dal quale potrete partire per svariati percorsi di trekking e bike, e allo stesso tempo ammirare la Torre di San Giovanni e la chiesa dedicata al santo, il più antico tempio cristiano dell’Elba.

La costa del Sole fa parte del comune di Campo nell’Elba; Cavoli, Seccheto e Fetovaia sono le tipiche spiagge di questo tratto di costa: rocce di granito e sabbia bianca.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Frequentatissime durante l’estate, Cavoli a Ferragosto si trasforma in un’unica festa che attira ogni anno giovani da tutta Italia, con niente da invidiare alle altre località marittime.

Capoliveri

Tra gli 8 comuni dell’Isola d’Elba, Capoliveri è quello erto su una collina dalla quale, chiaro, si vede il mare attraverso ogni angolo e fessura si guardi.

Fondato come fortezza di protezione in epoca romana, l’antica denominazione “Caput Liberum” deriva dal nome del dio del vino Bacco (chiamato anche Libaro), in riferimento alla produzione di vino che da sempre caratterizza questo paese.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Agricoltura, vino e soprattutto estrazione di minerali: queste furono le tre fonti di sostentamento degli abitanti.

Sul monte Calamita è possibile ammirare i resti delle miniere e ripercorrere la storia dell’estrazione del ferro, così importante e ancora ben visibile: sono tantissime le visite guidate che quotidianamente portano alla scoperta di questo mondo apparentemente lontano, ma che fino a pochi anni fa rappresentava la grande forza economica di Capoliveri.

Gli eventi da non perdere a Capoliveri

Vicoli labirintici, negozi etnici, enoteche e ristoranti nascosti. Sicuramente uno dei comuni dell’Isola d’Elba più amati e frequentati dai turisti, grazie ai numerosi eventi che qui vengono organizzati ogni anno.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Da non perdere la Festa dell’Uva: manifestazione che si ripete annualmente a fine settembre in occasione della vendemmia e che vede la disputa fra i quattro rioni capoliveresi: Baluardo,Torre, Fosso e Fortezza. Tre giorni di festa fra tradizioni contadine, uva e cibi tipici; vince il rione che riesce a impersonare nel modo migliore un’epoca storica.

Ai piedi del comune di Capoliveri, si può scegliere tra tantissime calette: Barabarca, Innamorata, Naregno, Felciaio ecc ecc…il mio suggerimento è di noleggiare una barca e visitarle tutte via mare. Esperienza unica.

Porto Azzurro

Porto Azzurro nasce come paese di pescatori e soprattutto presidio militare per volontà di Filippo III Re di Spagna, che fece costruire un’ imponente fortezza denominata “Longone”, nonché primo nucleo abitato del paese.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Il nome originario del comune fu proprio “Porto Longone” per la lunghezza dell’insenatura, che restò tale fino al 1947 quando gli abitanti chiesero di mutarlo in “Porto Azzurro” per renderlo più orecchiabile e piacevole alle orecchie delle persone e staccare, una volta per tutte, il cordone ombelicale con il passato.

La piazza del paese è la più grande e bella di tutti gli 8 comuni dell’Isola d’Elba: il lungomare è un susseguirsi di locali, osterie e bar dove potrete gustarvi ottimi piatti di pesce fresco. La sera il paese si trasforma in un luogo di festa e vitalità: vi consiglio spassionatamente di fermarvi a fare una bevuta al Kurandero, bar conosciutissimo per i suoi cocktail, originali e soprattutto buonissimi! La Piñacolada più buona della mia vita l’ho bevuta proprio lì.

Nei dintorni di Porto Azzurro

Sulla parte sinistra del porto, si trova la “passeggiata Carmignani”, che lo collega alla vicina spiaggia di Barbarossa; 1 km di passeggiata attraverso la macchia mediterranea molto rilassante e piacevole anche per chi ha bambini.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Per gli appassionati di trekking vale la pena farsi una scampagnata per arrivare a vedere il Santuario della Madonna di Monserrato sulla collina vicina al porto.

Non troppo lontana dal centro, una delle mete più affascinanti dell’isola è il Laghetto verde di Terranera, un lago artificiale formatosi con l’estrazione del minerale di ferro di un vivissimo colore verde; la particolarità sta nel fatto che a pochi passi dal laghetto vi è anche la spiaggia, formata principalmente da ematite e pirite. Un tesoro per tutti gli elbani e un vero must se passate da Porto Azzurro!

Rio nell’Elba

Il nome deriva dal latino “rivus“, che significa torrente e viene attribuito al corso d’acqua che scorre nei pressi del paese e che fino a pochi anni fa serviva ad azionare i numerosi mulini idraulici.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Rio nell’Elba è stato costruito sul Monte Capannello ed è uno dei più antichi comuni dell’Isola d’Elba, che non a caso ha basato la sua economia sulla miniere di ferro.

Vi consiglio di fare una visita all’interno del Museo Civico Archeologico del Distretto Minerario di Rio nell’Elba: al suo interno sono esposti più di 700 minerali diversi provenienti da tutta l’isola! Se vi interessa la storia fate una visita anche ai Lavatoi, la Valle dei Mulini e alla Chiesa delle Anime.

Nei dintorni di Rio nell’Elba

Inoltre, uscendo dal paese, sulla sinistra, troverete l’Eremo di Santa Caterina, una piccola chiesa sconsacrata a cui è annesso “L’orto dei Semplici”, nato pochi anni fa con il fine di promuovere e diffondere la conoscenza delle piante spontanee dell’Arcipelago Toscano. 

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Ogni giorno l’orto è lavorato e curato dal Sig. Roberto Ballini, che è anche un esperto apicoltore: il suo miele è divenuto un’eccellenza a livello regionale e nazionale. Se passate da lì potrete acquistarlo a chilometro zero -o nullo direi-, altrimenti cercarlo nei vari negozi dei prodotti tipici dell’Elba.

Del comune di Rio nell’Elba fanno parte le spiagge di Nisporto e Nisportino, più selvagge e meno affollate rispetto a quelle del resto dell’isola, ma per questo amate ancora di più se possibile.

Sulla spiaggia di Nisporto al ristorante Aquasalata ogni anno lo chef Simone Rugiati organizza cene a menù fisso con prodotti di terra e mare provenienti esclusivamente dall’isola. Consigliatissimo …chiaramente obbligatoria la prenotazione.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Rio Marina

I colori di Rio Marina sono due: il rosso, come il ferro che in questo magnifico paesino veniva estratto dai tempi degli Etruschi e che ancora oggi caratterizza le spiagge, i fondali e le abitazioni stesse e il nero, luccicante, della polvere dei minerali che parte da Rio Marina e arriva fino alla frazione di Cavo. Caratteristica che ha fatto sì che questa parte del litorale venisse ribattezzato “La costa che brilla”.

Nei tempi del boom economico, è diventata una località balneare e ha disegnato nuovamente il suo essere, da sito di estrazione a meta di vacanza.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Tra i comuni dell’Isola d’Elba Rio Marina e la vicina Cavo, insieme a Portoferraio, sono i punti di connessione dell’Elba con Piombino: se scegliete di soggiornare su questo versante vi consiglio di approdare qui, onde evitare quasi un’ora di macchina dalla lontana Portoferraio!

Cosa vedere a Rio Marina

Da visitare: Chiesa di San Rocco, la Torre dell’orologio, il Parco Minerario e, a mezz’ora a piedi dal paesino di Cavo, immerso nella macchia, l’affascinante Mausoleo Tonietti.

Le spiagge di Rio Marina sono molte e davvero particolari: Cala Seregola, Topinetti, Malpasso di Rio, Fornacelle, Ortano ecc.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Una nota la merita il comprensorio di Capo d’Arco: vi può accedere solamente chi soggiorna all’interno delle case al suo interno; tantissimi VIP infatti hanno scelto di acquistare la loro casa sull’isola proprio qui. A Capo d’Arco sono presenti due piscine a picco sul mare, consigliatissime per chi preferisce stare lontano dal caos anche nei mesi più affollati.

Marciana

Marciana è un borgo medievale, alle pendici del Monte Capanne, la vetta più alta dell’isola d’Elba. Tra i comuni dell’Isola d’Elba senza dubbio è quello con il clima è più fresco, dove si respira un’aria montanara.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Gli Appiani la scelsero come residenza; oggi gli abitanti sono pochi e il tempo si è davvero fermato. Camminare per Marciana è un toccasana per la mente: silenzio, aria fresca, ogni tanto qualche gatto che vi studia, odore di stufato e panni stesi fra i vicoli antichi. L’imponente Monte Capanne è accessibile a tutti grazie alla Cabinovia; per i più impavidi ci sono diversi percorsi trekking per raggiungere la vetta.

A ottobre ogni anno si svolge la Sagra della Castagna, sia a Marciana che a Poggio, il paese vicino, manifestazione culinaria che attira persone da tutta l’isola. Ebbene sì all’Elba ci sono anche i castagni!

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Da Marciana si vede tutta la parte nord dell’isola: sedetevi in un bar del paese e prendetevi una birra dell’Elba, godetevi il panorama e ascoltate il meraviglioso silenzio.

Sempre del comune di Marciana fanno parte Sant’Andrea, Chiessi e Pomonte (se vi piace il diving, non perdetevi l’immersione al Relitto della barca Elviscot!).

Marciana Marina

Divenuto famoso ormai per la serie tv “I delitti del Barlume” e sede dell’unico laboratorio dei fantastici profumi di Acqua dell’Elba, Marciana Marina è il comune più piccolo della Toscana. Il paese è una chicca: fiori ovunque, strade curate, negozi di artigiani e ristoranti affacciati letteralmente sul mare, uno fra tutti Caponord.

I comuni dell'Isola d'Elba sono 8, tutti diversi l'uno dall'altro, ognuno con le sue tradizioni, il suo dialetto e luoghi magici da scoprire

Sulla destra si trova il Cotone, dal latino “cos, cotis” che significa scogliera. Un insieme di rocce, casette colorate e barchette appoggiate sugli scogli. Una cartolina vivente.

Marciana Marina con questo 2017 ha ottenuto per la settima volta consecutiva la Bandiera Blu della Fee per l’approdo turistico e per la spiaggia della Fenicia.

Le calette non mancano neppure qui, anzi: Ripa Barata, Le Sprizze, La Crocetta, Bagno le più conosciute ma mai troppo affollate. In primavera vi consiglio con il cuore di prendervi una giornata per fare una camminata tra le essenze naturali dell’isola, percorrendo il Sentiero dei Profumi, che parte dalla sinistra del paese guardando il mare.

Riproduzione Riservata © Copyright TuscanyPeople

Scopri come diventare “Ambasciatore di TuscanyPeople” ed essere premiato. Vedi link

Scopri come diventare “Ambasciatore di TuscanyPeople” ed essere premiato.

Commenti

Commenti