Guardando al futuro per raggiungere nuovi traguardi: il Consorzio Chianti Colli Fiorentini quest’anno compie vent’anni. Tra ricordi e nuovi obiettivi in Toscana si brinda sempre con il buon vino e a quello delle aziende del Consorzio Chianti Colli fiorentini è davvero impossibile dire di no…

 

Consorzio Chianti Colli Fiorentini: 20 anni di successo

Il Consorzio Chianti Colli Fiorentini raccoglie 33 cantine del territorio fiorentino e da 20 anni rappresenta un sinonimo di qualità.

Il Consorzio Chianti Colli Fiorentini soffia sulle venti candeline con lo sguardo rivolto al futuro senza dimenticare gli anni della fondazione. E’ cambiato il mondo in vent’anni tante le cose che sono successe tante certezze che si sono sciolte come neve al sole eppure in vent’anni nella verde e ridente Toscana, in particolar modo, nelle valli del Chianti una realtà è diventata una certezza di successo e di prestigio.

Prestigio, qualità del prodotto, garanzia, spirito imprenditoriale sono le parole vincenti che hanno fatto del “Consorzio del Chianti Colli Fiorentini” un nome di successo nel settore del vino e dell’enogastronomia. Non c’è manifestazione dove il Consorzio Chianti Colli Fiorentini non abbia preso parte stando dal lato delle realtà di successo.

Dal Vinitaly al Vinexpo di Bordeaux, al Wine Town, solo per citarne alcune. Dall’America a Singapore, sempre portando ben in alto il nome della Toscana e della qualità dei prodotti che questa terra dona.

 

La fondazione del Consorzio

Il Consorzio Chianti Colli Fiorentini raccoglie 33 cantine del territorio fiorentino e da 20 anni rappresenta un sinonimo di qualità.

Nel verde delle dodici colline fiorentine, nelle valli del Chianti, nel lontano 1994, 33 cantine decisero di consorziarsi e dar vita a quello che oggi è un marchio sinonimo di qualità: il Consorzio Chianti Colli Fiorentini.

Una realtà di successo frutto dell’amore per la propria terra di questi produttori che, con maestria e sapienza, hanno lanciato, vincendola, una sfida in un settore non semplice. Tanti, infatti, sono stati i passi compiuti, tutti partiti dai vigneti della Toscana: è sulle gambe di questi imprenditori che si è portato lontano il vino “Made in Tuscany“, apprezzato per il sapore ed il gusto in tutto il mondo.

Consumare un pasto con i vini del Consorzio Chianti Colli Fiorentini vuol dire far impazzire il palato di gioia, sentire un senso di pienezza prendere possesso della bocca, inebriarsi di un profumo unico. L’amore per la propria terra rappresenta per gli imprenditori del Consorzio Chianti Colli Fiorentini un legame indissolubile tramandato di generazione in generazione.

 

33 cantine, un solo Consorzio

Il Consorzio Chianti Colli Fiorentini raccoglie 33 cantine del territorio fiorentino e da 20 anni rappresenta un sinonimo di qualità.

Ed in fondo solo dall’amore e dalla genuinità di certi rapporti possono nascere imprese straordinarie e vincenti come questo Consorzio arrivato al ventesimo anno di fondazione. 33 cantine che rappresentano, a pieno titolo, la quasi totalità della produzione del buon vino in Toscana.

In quella stessa terra che ha dato i natali a Dante Alighieri, lì dove si sono innamorati milioni di turisti, lì dove la vita ha un andamento diverso, questo consorzio ha messo le radici guardando al mondo. Non c’è luogo, in Italia e fuori da questa nazione, dove non si apprezzino e non si conoscano i vini nati e commercializzati sotto il marchio del Consorzio del Chianti Colli Fiorentini.

Il Consorzio Chianti Colli Fiorentini raccoglie 33 cantine del territorio fiorentino e da 20 anni rappresenta un sinonimo di qualità.

 

Un luogo magico che si estende per diversi chilometri comprendendo l’area collinare intorno a Firenze, stringendo dolcemente la città da sud-ovest a sud-est (da Montelupo Fiorentino fino a Fiesole passando per Lastra a Signa, Scandicci, Impruneta, Bagno a Ripoli e Rignano sull´Arno, Pontassieve), con tre propaggini che si calano o verso sud e che contengono: a ovest i comuni di Montespertoli, San Casciano Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa fino a Certaldo e Barberino Val d´Elsa; più a est, Incisa e Figline Val d´Arno e all´estremo est, una stretta fascia di territorio da Pelago a Reggello.

Luoghi da visitare per chi ama la vita all’aria aperta, il cibo buono, la serenità e la tranqullità, lontani dai ritmi frenetici e dallo stress che il mondo moderno impone. Paesaggi che per la loro bellezza sembrano usciti dal pennello di un pittore, dove è bello perdersi tra una visita ad una mostra d’arte, una passeggiata nei tipici borghi toscani e un buon bicchiere di vino.

Benessere del corpo e dell’anima, enogastronomia e salute. In questi vent’anni il Consorzio Chianti Colli Fiorentini ha stretto importanti partnerschip che hanno consentito di portare sempre più in alto il nome della propria terra d’origine, la Toscana.

 

La storica tradizione del vino in Toscana

Il Consorzio Chianti Colli Fiorentini raccoglie 33 cantine del territorio fiorentino e da 20 anni rappresenta un sinonimo di qualità.

Dal Touring Club ad altre associazioni il Consorzio ha sempre portato avanti azioni e percorsi tesi a valorizzare e a promuovere la propria terra. Turismo, cultura, ambiente, enogastronomia un pacchetto vincente che nasce da lontano, attraversando la storia.

Il buon vino fiorentino era apprezzato fin dai tempi del Rinascimento. Al Palazzo di Lorenzo il Magnifico non c’era banchetto che non fosse innaffiato da litri del buon vinello toscano. Da allora di secoli ne sono passati diversi, ma non quella sana e buona abitudine di accompagnare i pasti con del vino di qualità.

Vino e territorio sono un binomio perfetto che si intreccia senza mai sciogliersi e rappresentano la carta vincente di questo Consorzio che non conosce crisi e che dopo vent’anni di successi guarda con speranza al futuro. Tanti ancora sono i palati da conquistare, tantissimi i posti dove recarsi per promuovere il proprio prodotto senza mai fermarsi, tante le viti da coltivare e dalle quali ricavare l’oro viola o bianco che ha fatto del Consorzio Chianti Colli Fiorentini un sinonimo di alta qualità.

Informazioni sull'autore

Tommaso Baldassini
Publisher, Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti