Luca Innocenti è il Marketing Manager della Fattoria I Veroni, produttori del Chianti Rufina, il vino di annata più presente nei ristoranti e nelle enoteche fiorentine. L’azienda esporta in più di 20 paesi e Luca, quando presenta il vino e l’olio I Veroni, diventa un testimonial della Toscana. “Oro verde e vino: l’anima della Toscana è racchiusa in gioielli nati dalla terra“.

Luca Innocenti: la Toscana in tasca

Luca, come hai cominciato la tua carriera e come sei arrivato ad essere il marketing manager della Fattoria I Veroni?

Luca Innocenti, wine marketing manager della Fattoria I Veroni: il Chianti Rufina, vino d'annata, più servito nei ristoranti fiorentini

La mia famiglia è una normalissima famiglia di Firenze, padre medico, madre insegnante, laureata in economia. Fra i due ho seguito le orme di mamma e mi sono laureato in economia agraria. Ho girovagato per un anno cercando la mia strada, fino a che nel 2001 ho fatto il Master organizzato dalle Facoltà di Agraria e Economia in Management del vino.

Da lì, grazie al Prof. Zampi sono riuscito ad entrare a Capezzana, dove sono diventato l’assistente di Beatrice Contini Bonacossi (proprietaria e direttrice commerciale). Ho lavorato due anni in questa antichissima azienda, due anni importanti e meravigliosi. A un certo punto però ho sentito il bisogno di mettermi alla prova in modo diverso: Capezzana mi aveva dato tantissimo, ma avevo bisogno di misurarmi con un progetto nuovo.

Quindi contattai Lorenzo Mariani, un mio amico di scuola, che stava pensando di ristrutturare la sua fattoria di famiglia e rilanciarla sul mercato. Sono 11 anni che lavoro come marketing manager alla Fattoria I Veroni. E’ stato ed è bello lavorare con Lorenzo, vedere l’azienda crescere, svilupparsi e diventare sempre più grande…

Fattoria I Veroni: il Chianti Rufina, vino d'annata, più servito nei ristoranti fiorentini

Quale è il ruolo di un wine marketing manager?

Il compito del wine marketing manager e del direttore vendite è quello di interpretare la volontà del produttore e renderla commerciale, il che significa che un’azienda vitivinicola non può imporsi su tutto, ma deve concentrarsi sui bisogni del mercato. Questo purtroppo, non lo dico io, ma si trova scritto in tutte le prime pagine dei libri di marketing: è il mercato che comanda.

Credo che il mondo del vino oggi sia in crisi, anzi lo è dal 2003, perché è un settore che lavora in modo antico: parte dal prodotto e non dal mercato. Per capirsi se ho un’azienda nel Chianti Rufina ma va di moda il Morellino, io non ci posso fare niente, non posso spostare la produzione dal Chianti Rufina al Morellino.

Quindi credo che il wine marketing manager di un’azienda vitivinicola la debba saper guidare la propria realtà per quanto possibile verso il mercato senza però snaturare il prodotto.

 

Come si è sviluppato il progetto della Fattoria I Veroni?

Siamo partiti dal territorio, in maniera molto semplice, producendo Chianti Rufina, Chianti Rufina Riserva e Vinsanto del Chianti Rufina. Quando ho cominciato a vendere questi prodotti, il Chianti Rufina era il “vino della casa” nei ristoranti fiorentini; adesso è un vino di lusso.

Cosa è successo? Sono entrati sul mercato tanti vini di fascia più bassa e sono tornati di moda bianchi e rosè. Ammetto che la cosa ci ha spiazzati un po’ e per rilanciare l’azienda abbiamo deciso di produrre una “linea giovane”: il Rosso di Toscana I Veroni e il Bianco di Toscana I Veroni.

Ti confesso che lavorare per questa azienda è stata e continua ad essere una soddisfazione immensa e un grande piacere: ad oggi, come Chianti Rufina d’annata, siamo il vino più presente nella ristorazione fiorentina.

 Fattoria I Veroni: il Chianti Rufina, vino d'annata, più servito nei ristoranti fiorentini

C’è veramente un’unione molto forte tra la tua vita e il mondo del vino. Ma come nasce la tua passione per l’agricoltura e per la vita in campagna?

Nasce da bambino, diciamo che ho sempre visto la mia vita a contatto con la natura. Non potrei immaginare di passare le mie giornate chiuso in ufficio di un palazzone a Milano a vendere, che ne so, saponette. E’ stata una grandissima soddisfazione essere riuscito a mettere insieme la mia grande passione con il lavoro: le mie ore scorrono liete, sono faticose, ma io sono felice e davvero raramente mi capita di guardare l’orologio, perché mi sto annoiando e voglio andare a casa.

 

Inoltre viaggi molto anche all’estero…

Sì, la Fattoria I Veroni esporta all’estero in oltre 20 paesi, quindi mi capita spesso di viaggiare in tutta Europa e in USA.

Oltre al vino, la Fattoria I Veroni produce anche un ottimo olio…

Anche questa è stata una grande sfida. Abbiamo puntato tutto sull’incrementare al massimo la qualità dell’olio, producendo un olio biologico confezionato in piccole bottiglie e distribuito principalmente in Italia.

L’olio è la Toscana: mi piace avere la valigia piena di oro verde, è come portare la propria terra sempre con sè, in tasca e nel cuore.

Informazioni sull'autore

Marta Pintus
Blogger & Ambassador of Tuscany, SEO, Web Editor

Commenti

Commenti