A livello italiano il gioco del golf nacque proprio a Firenze alla fine dell’Ottocento, dove oggi sorge il Golf Club Ugolino: il circolo dell’Impruneta festeggia con un torneo su 4 prove, il “Race to Celebrate”.

Il primo golf club italiano è nato in Toscana

Non tutti lo sanno, in Toscana, a meno che non abbiano preso in mano un bastone o non frequentino il mondo del green. Eppure la pratica del gioco del golf, almeno a livello nazionale, è iniziata proprio sulle colline intorno a Firenze, all’Impruneta, dove oggi sorge il Golf Club Ugolino (mappa)

Se la paternità mondiale va alla Scozia e al St. Andrew’s Club, come noto, anche in Italia tutto è partito da un gruppo di inglesi esponenti della numerosa comunità anglofona presente in città a fine Ottocento. Era il 1889, infatti, quando una combriccola di inglesi appassionati di golf fondò il Florence Golf Club e realizzò un percorso di 18 buche nella zona di San Donato, su terreni che appartenevano ai principi Demidoff.

Il Golf Club Ugolino festeggia la nascita del golf con la gara di golf "Race to Celebrate"

Il Golf Club Ugolino

Dopo quasi mezzo secolo, nell’ottobre del 1934, su quegli stessi terreni venne inaugurato il circolo del Golf  Club Ugolino, sancendo l’inizio di un legame tra Firenze e il mondo del golf che ancora oggi si mantiene saldo. La mano degli esperti d’Oltremanica si percepisce anche nella realizzazione del percorso: furono infatti l’inglese Cecil Blandford e l’irlandese Peter Gannon a disegnare e progettare il percorso, cercando di mantenere il più possibile le caratteristiche paesaggistiche della zona e riuscendo a integrare perfettamente le diciotto buche con le colline ricoperte da vigneti ed oliveti, con casali e cipressi.

18 buche nelle colline del Chianti

Si tratta di un percorso non particolarmente lungo, soprattutto se paragonato agli standard attuali. Tuttavia il Golf Club Ugolino – che ha mantenuto i colori sociali originari scelti dagli inglesi, verde e giallo, in omaggio sia alle tonalità più diffuse della vegetazione locale che ai toni caratteristici dell’olio del Chianti – si presenta agli addetti ai lavori come un campo molto tecnico ed impegnativo, con green piccoli e ben difesi e fairway che seguono l’andamento collinare. Oggi il Golf Club Ugolino è una realtà consolidata, che ha affiancato al retaggio del primato storico italiano una serie di successi in gare nazionali e internazionali: all’ombra dei cipressi dell’Impruneta sono cresciuti infatti numerosi professionisti, mentre la club-house disegnata dall’architetto Gherardo Bosio e la piscina con i trampolini firmati da Pier Luigi Nervi completano l’offerta.

Il golf italiano nasce a Firenze dove oggi sorge il Golf Club Ugolino Impruneta: il circolo festeggia con un torneo: il "Race to Celebrate".

Race to Celebrate – 80° del Golf Ugolino

E adesso è il momento di festeggiare: a 80 anni dall’inaugurazione del circolo, l’attuale presidente Piero Montauti e il Consiglio Direttivo che lo sostiene hanno allestito un torneo articolato su 4 prove, il  “Race to Celebrate – 80° del Golf Club Ugolino” che si concluderà il 27 giugno 2014 con un dinner-party in piscina. Per l’occasione, in vista dell’arrivo di numerosi golfisti italiani e stranieri, si stanno concludendo i lavori di ristrutturazione dell’area caddie-master dove sorge la nuova segreteria, gli spogliatoi per gli ospiti, una palestra e un pro-shop più ampio. Inoltre è stata eseguita una manutenzione straordinaria del percorso e una rivisitazione completa del driving range.

 

Commenti

Commenti