Instagram è il social network che negli ultimi anni ha registrato il maggior tasso di crescita e ha ottenuto di diritto il titolo di “social dei Millennials”. La piattaforma è in continuo mutamento per offrire ai propri user nuovi servizi e nuove esperienze, come prenotare viaggi tramite Instagram.

Instagram travelers: le immagini che mandano in vacanza

“Itempi cambiano“, si diceva un tempo. Ora non si dice più. Ora si dice solo: “Tutto cambia“. Molto velocemente. Troppo velocemente. Per alcuni. Altri invece vorrebbero addirittura che le cose andassero ancora più rapide. Dài, dài, dài, forza, forza. Di sicuro non facciamo più in tempo a registrare una novità, una tendenza, a tentare di abituarcisi, che  già è passata, che già è mutata. Che già è obsoleta.

Instagram è il social più usato dai Millennials. La piattaforma si sta innovando per offrire servizi sempre nuovi, come prenotare viaggi

Di sicuro non facciamo più in tempo a pensare una nuova strategia, una trovata, un’idea originale, che qualcuno, da qualche parte nel mondo, ci ha già preceduto. Di sicuro non facciamo più in tempo a comprare uno smartphone, e a pagarlo, che già è uscito il modello nuovo.

Nativi digitali

Quanto dura, adesso, una notizia prima che non sia più una notizia? Un battito di ciglia. Un amico che t’informa con un whatsapp. Un compagno che con un’alzata di spalle borbotta, ironico: “è roba di dieci minuti fa“. Come dicesse: si sa da ieri, ormai. E tu ti senti uno del secolo scorso. Uno che arriva sempre dopo, sempre in ritardo, uno che viaggia su un regionale quando tutti gli altri sfrecciano sull’Eurostar dell’altissima velocità. E in parte è vero. Perché, soprattutto i Millennials, o generazione Y, viaggiano a un altro ritmo, sono nativi digitali e tu sei nativo analogico.

Instagram è il social più usato dai Millennials. La piattaforma si sta innovando per offrire servizi sempre nuovi, come prenotare viaggi

È come se a un vecchio Pentium degli Anni ’90 si tentasse di espandere la memoria fino almeno a un terabyte, la ram fino almeno a 12 GB, di cambiare il processore con uno di ultima generazione, per installarci sopra un sistema operativo complesso. Niente da fare, non funziona, ormai sei fuori, sei out. Sei uno che prenota ancora i viaggi tramite le apposite agenzie, recandotici fisicamente, o al massimo perdendoti nei labirintici meandri di Google, consultando siti che non sai consultare. Sei uno del secolo scorso. Per te non c’è salvezza.

Instagram e i Millennials

Ormai i Millennials non vanno più neanche su Google, usano Instagram per i loro viaggi. Questa è la nuova tendenza. Per cui, chi si credeva che prenotare viaggi tramite il web fosse già un’operazione all’avanguardia si dovrà ricredere. È sempre del secolo scorso.

Instagram è il social più usato dai Millennials. La piattaforma si sta innovando per offrire servizi sempre nuovi, come prenotare viaggi

Instagram. Già. Un social network. Ninja marketing ci rivela – da una fonte del World Travel Market – che nel settembre 2011, alla domanda: “Quanto pensi che i social media saranno importanti tra cinque anni?”, il 15% degli intervistati rispondeva che i social media erano ormai al loro apice e che ritenevano la loro popolarità sarebbe diminuita. Il 37% credeva che i social media sarebbero cresciuti in importanza ma che sarebbero rimasti dietro al computer. Il 48% riteneva che i social media sarebbero diventati più importanti del PC.

Portrait of American Travelers 

Oggi, grazie all’indagine “Portrait of American Travelers 2018-19” (Ritratto dei viaggiatori americani 2018-19) condotta dall’organizzazione di travel marketing MMGY Global, apprendiamo che il 70% dei viaggiatori utilizza i social almeno una volta al giorno, per una media di 82 minuti. Un dato che aumenterebbe senz’altro se si prendessero in esame solo le abitudini dei Millennials, molto appassionati di viaggi e vacanze, che in media navigano sui social circa 113 minuti al giorno.

Instagram è il social più usato dai Millennials. La piattaforma si sta innovando per offrire servizi sempre nuovi, come prenotare viaggi

Dobbiamo inoltre annotare che il 46% dei viaggiatori americani che utilizzano i social network è attivo su Instagram, un trend che dal 2013 è in aumento del 350%. Mentre, per quanto riguarda i Millennials, ben il 60% usa la piattaforma, e quindi il dato va ulteriormente a incrementarsi segnando un +375% rispetto al 2013.

Un’altra statistica interessante ci rivela che il 18% dei viaggiatori, durante la fase di pianificazione delle vacanze, consulta su Instagram i post che riguardano destinazioni, tour operator o catene alberghiere. Il 21% di questi sono Millennials. In generale, prima del viaggio, gli utenti richiedono consigli e valutazioni, confrontano prezzi e caratteristiche e, in minor misura, effettuano prenotazioni.

Prenota i tuoi viaggi con…Instagram

Tutto questo ha logicamente indotto Instagram ad annunciare che presto aggiungerà una nuova funzionalità che renderà più semplice prenotare biglietti e vacanze attraverso la piattaforma, così da garantire alle aziende la possibilità di inserire pulsanti del tipo: “Prenota”, permettendo così di acquistare senza dover necessariamente lasciare il social network.

Instagram è il social più usato dai Millennials. La piattaforma si sta innovando per offrire servizi sempre nuovi, come prenotare viaggi

Quel che è certo è che i marketer, per attrarre i potenziali viaggiatori sui social media, dovranno creare campagne esclusive basate sull’esperienza intorno ai loro prodotti e servizi, dato che la maggior parte di loro si affida ancora ai motori di ricerca. In altre parole, nonostante la crescita esponenziale di Instagram, Google rimane tuttora il “sito di viaggi” più utilizzato, (il 41% degli internauti) per reperire informazioni e pianificare le vacanze.

Un altro dato interessantissimo, che ci viene da uno studio di Merkle and Levo, ci dice che per i Millennials sono importanti le esperienze, come i viaggi, ad esempio, più che il prodotto in sé. Il 72% afferma che è più felice a spendere per “acquistare” esperienze, mentre il 54% dice che, nella scelta degli acquisti più importanti del prossimo anno si lascerà guidare dalla user experience. Quindi, per aumentare le conversioni, viene da pensare che forse bisognerebbe coinvolgere gli influencer.

Condividere emozioni spontanee

Noi di TuscanyPeople, relativamente alla nostra esperienza diretta, non possiamo far altro che confermare il trend in grande ascesa di Instagram. Trasmetto un unico dato: in una sola settimana l’89% dei nostri fan osserva 196.000 foto (su 57.000 follower alla data del 07 Giugno 2018 riusciamo a raggiungerne normalmente 51.088). Numeri incredibiliInstagram è il social più usato dai Millennials. La piattaforma si sta innovando per offrire servizi sempre nuovi, come prenotare viaggi

Ho detto: centonovantaseimila. Uno, nove, sei, e tre zeri.  Circa 3,6 foto per ogni nostro fan. Capite lo strapotere di Instagram?

C’è qualcosa di magico in questo social network fatto di video e di immagini dal formato quadrato. C’è qualcosa di immediato, c’è il grande valore dell’esperienza di chi desidera solo condividere senza vendere nulla. C’è il valore dell’amicizia, del servizio disinteressato. C’è il valore di chi cattura immagini, non a scopo di lucro, ma per mostrare agli altri un proprio stato d’animo, una propria emozione. Ecco, in Instagram, senza tante chiacchiere, c’è il valore dell’emozione spontanea. Ci può essere anche il venditore, lì nel mezzo, certo, ma è facile smascherarlo. Perché, nonostante tutto, è il cuore che conta. E il cuore parla al cuore, come la mente razionale non sa fare.

Tutti i social hanno mostrato, in questi ultimi anni, gran parte del loro potenziale, mentre di Instagram, forse, la maggioranza del potenziale non è stata ancora scoperta. Chi vivrà vedrà.

Instagram è il social più usato dai Millennials. La piattaforma si sta innovando per offrire servizi sempre nuovi, come prenotare viaggi
Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Diventa “Ambasciatore di TuscanyPeople” e scopri come essere premiato. Vedi link

Scopri come diventare “Ambasciatore di TuscanyPeople” ed essere premiato.

Commenti

Commenti