Stefano è il direttore della Locanda del Molino, un piccolo relais con piscina e ristorante appena fuori da Cortona. Originario del Monte Argentario, arriva a Cortona su invito della famiglia Baracchi, proprietari della Locanda e del pluristellato Relais Il Falconiere.

Locanda del Molino, un piccolo relais alle porte di Cortona

A Montanare, una minuscola frazione alle porte di Cortona sulle pendici dell’Appennino Umbro-Toscano, abbiamo incontrato Stefano, il direttore della Locanda del Molino. Questo piccolo relais offre un’esperienza indimenticabile riuscendo a coniugare perfettamente tutti gli aspetti di una vacanza perfetta: stanze lussuose e confortevoli, piscina privata immersa nel verde, ristorante con prodotti del luogo e cucina tipica, un grande patio per le colazioni estiva, la vicinanza a un’importante città d’arte, un naturale silenzio notturno, servizio impeccabile…potrei continuare per tutto l’articolo; meglio lasciare la parola a Stefano, il direttore della Locanda del Molino.

La Locanda del Molino è un piccolo relais e ristorante a Montanare, piccolo borgo toscano a 7 km da Cortona, crocevia di culture e tradizioni.

Stefano, come sei arrivato dal Monte Argentario a Cortona?

Direi quasi per caso. Conosco la famiglia Baracchi da molto tempo e, un giorno, chiacchierando, mi hanno proposto di venire a gestire questo piccolo relais vicino Cortona: la Locanda del Molino. Da subito mi sono sentito a casa, se avessi potuto portare il mare con me, sarebbe stato davvero perfetto!

Avresti mai pensato da ragazzo di diventare il direttore di un relais?

Mio padre aveva un ristorante di pesce a conduzione familiare a Porto Santo Stefano e, quando andò in pensione, decisi di continuare a lavorare nel settore. Non volevo però limitarmi alla ristorazione, ma volevo accrescere le mie conoscenze e capacità, lavorando in strutture alberghiere, sia in Italia che all’estero.

Quando sono arrivato qui alla Locanda del Molino, 5 anni fa, mi sono sentito perfettamente a mio agio: ho trovato in un ambiente che mi ricordava molto il mio ristorante, avendo una gestione familiare e in più, con la presenza delle camere, ho potuto mettere a frutto la mia esperienza in hotel.

La Locanda del Molino è un piccolo relais e ristorante a Montanare, piccolo borgo toscano a 7 km da Cortona, crocevia di culture e tradizioni.

Da dove viene il nome Locanda del Molino?

Fino ai primi anni del ‘900 l’edificio era un vero mulino, infatti le nostre finestre interne e la terrazza dove serviamo colazioni e cene in estate, si affaccia sul fiume Esse. La struttura in seguito venne acquistato dalla Sig.ra Gabriella Baracchi, la quale negli Anni ’60 aprì una vera e propria locanda, che faceva da punto di riferimento per i viandanti.

Qui siamo alle pendici dell’Appenino Tosco-umbro e Montanare, la località dove si trova la Locanda del Molino, era il primo borgo che si trovava scesi dalla montagna. E’ nata così in maniera molto semplice, offrendo ai clienti calore e atmosfera famigliare, caratteristiche che abbiamo mantenuto anche dopo la ristrutturazione.

Quando il ristoro per viandanti si è trasformato in un piccolo relais?

Nel 1998 la Sig.ra Gabriella è andata in pensione e la gestione è passata alla figlia, Silvia Baracchi, che ha ristrutturato completamente lo stabile creando l’albergo con 8 camere, piscina e un ristorante aperto al pubblico.

La Locanda del Molino è un piccolo relais e ristorante a Montanare, piccolo borgo toscano a 7 km da Cortona, crocevia di culture e tradizioni.

Che tipo di cucina offrite ai vostri clienti?

E’ una cucina molto tradizionale, cerchiamo di recuperare i piatti tipici della Val di Chiana, soprattutto quelli di questa zona che, come ti dicevo, essendo alle pendici dell’Appennino e luogo di passaggio era un crocevia non solo di persone, ma anche di cultura e tradizioni.

Avete degli arredi molto ricercati e curati, creano un’atmosfera davvero accogliente, ma da dove arrivano?

Buona parte degli arredi sono originali di inizio ‘900. Avendo a che fare con molti mercanti d’arte la signora Gabriella spesso offriva un pasto o un pernottamento alla Locanda del Molino in cambio di un armadio, di un servizio di piatti, di una madia.

Devo dire che lo spirito dell’attuale Locanda del Molino non è molto cambiato rispetto a ciò che era in origine: è un ambiente molto informale, come vedi io che sono il direttore non indosso la divisa e vengo a lavorare con il mio cane. Accogliamo i nostri clienti con genuinità, cortesia, senza troppi fronzoli: vogliamo che si sentano a casa e direi che questa formula funziona.

La Locanda del Molino è un piccolo relais e ristorante a Montanare, piccolo borgo toscano a 7 km da Cortona, crocevia di culture e tradizioni.

Chi sono i clienti della Locanda del Molino?

Lavoriamo molto con gli stranieri, soprattutto nel periodo estivo e siamo riusciti a fidelizzare molto, cosa che ovviamente non può farci che piacere. Grazie al ristorante invece riusciamo a lavorare con le persone del luogo, cosa che mi rende davvero orgoglioso.

Trovandoci a 7 km dal centro di Cortona, non arrivi alla Locanda del Molino per caso. Avendo una clientela molto abituale, del luogo, significa che le persone stanno bene qui e si sentono profondamente a loro agio, coccolati e tranquilli.

Un ambiente semplice, sempre curato, gentile dove gesti sono naturali e spontanei si intrecciano con confort moderni e un servizio impeccabile, per rendere il soggiorno, o la semplice cena, alla Locanda del Molino, un’esperienza davvero indimenticabile.

Riproduzione Riservata © Copyright TuscanyPeople

 

 

 

Informazioni sull'autore

Marta Pintus
Blogger & Ambassador of Tuscany, SEO, Web Editor

Commenti

Commenti