Il Morellino di Scansano DOCG rappresenta uno dei grandi vini prodotti in Toscana e più precisamente nella zona collinare della provincia di Grosseto.

Morellino di Scansano mon amour!

Le caratteristiche organolettiche del Morellino di Scansano, differenti a seconda dell’etichetta, lo rendono un vino di alto pregio: un colore rosso rubino quasi granato, un profumo vinoso, intenso che, con l’invecchiamento si impreziosisce dell’aroma di frutti rossi, un sapore asciutto ed un’acidità minima.
Per essere apprezzato al meglio deve essere degustato, dopo un’ora dalla sua apertura, ad una temperatura di 18 gradi ed essere accompagnato, preferibilmente, da selvaggina, carne rossa e cacciagione in genere.
Ultimamente ho avuto il piacere di gustare tre etichette di questo rinomato vino: il “Morellino di Scansano Erik Banti”, il “Morellino di Scansano Poggio Argentiera” ed il “Morellino di Scansano 414″.
Il Morellino di Scansano è un tipico vino rosso toscano proveniente dalla Maremma
Il “Morellino di Scansano Erik Banti” è un vino unico prodotto dalla nota azienda Erik Banti, contenente l’85 per cento di uva Morellino (il tipico Sangiovese), 10 per cento Merlot ed il restante 5 per cento Cabernet Sauvignon. Il vino viene trattato per dieci giorni, vinificato in rosso usando un particolare trattamento delle bucce, accertandosi che vi sia una corretta estrazione delle sostanze polifenoliche tramite frequenti rimontaggi. L’imbottigliamento avviene circa un anno dopo l’ultimo rimontaggio, dopo l’affinamento di 12 mesi che deve avvenire in contenitori di acciaio inox.
Ho avuto il piacere di degustare il “Morellino di Scansano Erik Banti” presso il ristorante-enotecaL’Artista” a Pietrasanta, un locale pensato appositamente per la degustazione dei migliori vini toscani. La location, estremamente curata, mi ha immerso in un ambiente estremamente suggestivo che richiama molto la campagna toscana. Il ristorante è famoso per la sua cucina e per la selezione dei vini più interessanti ed innovativi della regione, con primi e secondi base sia di pesce freschissimo che di carne locale.
Etichetta di Morellino di Scansano di Erik Banti
Il “Morellino Erik Banti” mi è stato servito a regola d’arte, aperto al momento giusto ed a temperatura ottimale. Una volta versato, ho subito notato il suo colore rosso rubino estremamente limpido e brillante, ho percepito immediatamente il suo profumo vinoso e leggermente fruttato, assaporando il suo aroma che ha richiamato ai miei sensi una leggera presenza di viola ed amarena.
Il sapore è risultato asciutto, leggermente tannico, il corpo del vino aveva una fragranza perfetta da abbinare ad uno dei piatti che ho scelto, i pici al sugo di coniglio, una particolare pasta fatta in casa. L’ho sorseggiato anche con il secondo per accompagnare del pollo cucinato senza l’ausilio di salsa fortemente aromatica che avrebbe alterato il gusto del vino. La mia degustazione si è completata apprezzando un piatto con differenti formaggi freschi tipici toscani, il formaggio a pasta morbida esaltava e armonizzava il gusto del “Morellino di Erik Banti”. 
Morellino di Scansano DOCG 414
Il “Morellino di Scansano 414” è un altro vino tipico della provincia grossetana. La curiosa cifra attribuita alla sua etichetta 414, rappresenta il numero assegnato dall’ex-ente tramite la riforma fondiaria che ha redistribuito e frazionato diversi latifondi attribuendogli sia la proprietà che l’etichettatura di coltivazione vinicola. Simone Castelli è l’attuale proprietario della casa vinicola, azienda di produzione attiva da oltre sessant’anni, che ha ereditato una terra formata unicamente da boschi e pascoli, del tutto incontaminata e che, nel rispetto delle regole vigenti, ha deciso di mantenere inalterata quell’area, tanto da farsi riconoscere il marchio denominato Maremma Grossetana.
Il “Morellino Podere 414” nasce nel 1958, l’orientamento della sua azienda si limita alla produzione di solo questa etichetta interpretandolo come marchio di serietà e specialità. Il vino è costituito dall’85% di Sangiovese, 5% di Ciliegiolo, 3% di Colorino, 4% di Alicante ad alberello, il restante 3% costituito da altri vitigni di bacca nera.
Ho potuto degustare una bottiglia di “Morellino di Scansano Podere 414” presso l’enoteca Obsequium a Firenze in Borgo S.Jacopo. Un posto molto elegante con una buona atmosfera allietata dalla simpatia e dalla disponibilità del sommelier. Un locale raffinato e moderno in grado di richiamare un’atmosfera unica e tipica da degustazione.
Il Morellino Podere 414 di Scansano è un vino di colore rosso rubino estremamente intenso e completo, il profumo è molto evidente, estremamente fruttato, si può sentire una persistenza di frutta matura mischiata ad una nota di accento speziato ed una discreta legnosità.
Al gusto si presenta con una buona rotondità grazie alla docilità estratta dai tannini, leggermente acido ed estremamente pulito. Mi è stato servito in un bicchiere capiente a temperatura ambiente, intorno ai 18 gradi, accompagnato da scaglie di formaggio, che ne ha esaltato il sapore fruttato. Al primo sorso ho percepito la sua intensità che ha conferito al mio piatto un particolare gusto lasciando il mio palato asciutto. 
Il Morellino di Scansano Poggio Argentiera è uno dei migliori vini rossi toscani della Maremma
Il “Morellino di Scansano Poggio Argentiera” è una particolare etichetta del vino Morellino prodotto dall’azienda vinicola Poggio Argentiera. E’ un vino giovane, prodotto prevalentemente con vigne giovani, fermentato in appositi contenitori in acciaio inox a temperatura controllata. Il vino è composto da Sangiovese 85% e Ciliegiolo 15%. Il Poggio Argentiera può essere bevuto subito o, se si predilige l’invecchiamento, optando per bottiglie di 3-4 anni. Il vino è ideale accompagnato da prodotti tipici della Maremma come selvaggina quale cinghiale o lepre.
Ho degustato questo vino presso il ristorante La Spianatoia a Scansano, un locale completamente differente dai precedenti, molto casareccio, semplice, il miglior luogo dove essere accolti da un’atmosfera molto calda ed degustare diversi piatti locali tipici. Il posto è molto accogliente grazie anche al proprietario, una persona molto simpatica, che mi ha messo subito a mio agio.
Il “Morellino di Scansano Poggio Argentiera” è un vino dal colore rosso rubino con riflessi violacei, non tanto consistente e dal colore trasparente.
Il profumo è intenso, si possono sentire differenti accenti fruttati come la ciliegia matura, il floreale e la viola, lasciandolo nel bicchiere per circa un quarto d’ora si riescono a distinguere alcune note di cioccolato e spezie.
Il gusto è secco e molto caldo, una giusta inclinazione per la freschezza e delicatezza, il vino è morbido con la quantità adeguata di tannini. Ho degustato il “Morellino di Scansano Poggio Argentiera” accompagnato da un piatto di cinghiale in umido. Ho apprezzato l’abbinamento anche con formaggi di media stagionatura in quanto il vino ha esaltato il sapore del cibo senza coprirne il gusto. Ho percepito il suo sapore morbido, succoso ed il profumo integro.

Commenti

Commenti