A Pontassieve (Firenze) è stato inaugurato il primo museo della storia del paese nel Centro Studi Museo GEO Bruschi in piazza Vittorio Emanuele II, 9.

Nuovo museo a Pontassieve: nasce il Museo Geo Bruschi

Un museo a Pontassieve, alle porte di Firenze, per l’esattezza “il primo” museo nel centro della cittadina è stato inaugurato al Centro Studi “Museo Geo Bruschi” in piazza Vittorio Emanuele II al numero 9. Un’esposizione permanente che contiene oggetti archeologici, fotografie di reportage e maschere provenienti da tutto il mondo.

Un nuovo museo a Pontassieve: antropologia e reportage dal Mondo

All’inaugurazione del 18 maggio erano presenti, oltre alle autorità locali, Andrea Pessina, Soprintendente per i Beni Archeologici della Toscana, Alessandra Marino, Soprintendente per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, per le Province di Firenze, Pistoia e Prato e Cristina Acidini, Sovraintendente per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico per il Polo Museale della Città di Firenze e il donatore Eugenio Bruschi.

Chi è stato l’ideatore di questo museo a Pontassieve di alto valore culturale e storico?

Il fotoreporter Eugenio Bruschi, appassionato di arte e viaggi, ha donato al Comune una collezione che contiene più di 200 reperti, tra cui vasi etruschi e vasellame di vario tipo e ceramiche provenienti dall’Italia meridionale databili IV secolo a. C. Sono inoltre presenti reperti in bronzo etruschi, anfore e unguentari in vetro del periodo romano.

La fotografia e il “Viaggio”come entrano a far parte di questa esposizione?

E’ stata fatta un’importante selezione di scatti fotografici degli innumerevoli e avventurosi viaggi di Eugenio Bruschi nei luoghi più selvaggi e affascinanti della Terra accompagnati da una raccolta di oggetti d’arte come, ad esempio, maschere di varia origine e nazione che il fotoreporter ha scovato nei paesi più remoti. Una collezione stimata intorno al milione di euro.

Un nuovo museo a Pontassieve: antropologia e reportage dal Mondo

Come è avvenuto l’incontro fra il Fotografo Eugenio Bruschi e la città di Pontassieve?

Nel 2012 Eugenio ha esposto le sue opere nella mostra “Emozioni di Viaggio” dove ha catturato l’attenzione del pubblico attraverso le sue foto le suggestioni delle sue esperienze avventurose fatte di vite e luoghi lontani. Ha deciso poi di donare la sua preziosa collezione affinché la sua passione per l’arte e la cultura sia messa a disposizione degli altri, e soprattutto degli studenti, al fine di diffondere il suo sentimento di “Cittadino del Mondo”. Il Fotoreporter ha inoltre contribuito totalmente alla ristrutturazione dei locali del Centro, circa 200 mq, permettendo la realizzazione di un progetto culturale senza sostenimento di costi da parte dell’Amministrazione comunale.

Un nuovo museo a Pontassieve: antropologia e reportage dal Mondo

Un progetto importante che può vantare anche la collaborazione dell’Università di Firenze?

Esatto, all’interno del museo a Pontassieve nascerà la sede dell’Associazione “I grandi viaggiatori” e sarà attivata in collaborazione con la Facoltà di Antropologia dell’Università di Firenze, in modo da realizzare percorsi e approfondimenti guidati rivolti, in particolare, alle scuole del territorio.

Un progetto ambizioso che ora è divenuto realtà e che contribuisce concretamente alla valorizzazione del territorio e della diffusione della cultura anche nei comuni limitrofi alla città principe dell’arte, Firenze.

 

Riproduzione Riservata © Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

FirenzeTurismo.it

Commenti

Commenti