Perché vivere in Toscana? 10 punti su cui riflettere per aiutare coloro che vorrebbero trasferirsi in Toscana, ma ancora non hanno preso una decisione. Promettiamo di non essere troppo di parte anche se, come ben saprete, adoriamo la nostra terra delle meraviglie.

Perché vivere in Toscana? 10 punti su cui riflettere

Quando decidiamo di stabilirci in un luogo diverso da quello in cui viviamo compiamo una vera e propria scelta di vita. Talvolta, tutto sommato, può rivelarsi una buona scelta, talvolta meno. Non esiste il luogo perfetto per tutti, e forse neppure per ciascuno di noi considerato individualmente.

Perché vivere in Toscana? 10 punti per aiutare coloro che vogliono trasferirsi in Toscana: dal clima al lavoro, dai servizi al paesaggio

Come non esiste il partner perfetto, il lavoro perfetto e così via. Esiste però un luogo che fa per noi, un luogo in cui ci troviamo meglio rispetto ad altri, un luogo che per qualche ragione ci rispecchia e che consideriamo casa nostra. Ma come fare a sapere dov’è? Come trovarlo?

Potrebbe essere la Toscana? La nostra regione è senza dubbio un gran bel posto dove vivere, però, come al solito, tutto dipende da cosa si cerca. E allora, forse, l’idea migliore è rispondere in pochi punti alla domanda: Perché vivere in Toscana?, illustrando ciò che la Toscana offre, nel bene e nel male, in modo che poi ciascuno possa trarre le proprie conclusioni.

Clima

Perché vivere in Toscana? Iniziamo dal clima. Essendo la Toscana una regione dell’Italia Centrale che si affaccia sul Mar Tirreno, è caratterizzata da un clima mediterraneo, lungo le coste, che assume attributi progressivamente continentali verso le pianure e le vallate interne. Le maggiori cime appenniniche della Toscana presentano un clima tipico di alta montagna.

Perché vivere in Toscana? 10 punti per aiutare coloro che vogliono trasferirsi in Toscana: dal clima al lavoro, dai servizi al paesaggio

La complessa orografia determina comunque forti differenze microclimatiche all’interno della regione. Le precipitazioni in genere non sono abbondanti e raggiungono il massimo durante le stagioni intermedie e il minimo in estate, soprattutto sulla Toscana settentrionale e verso le aree interne. Le temperature sono influenzate dalla presenza mitigatrice del Mar Tirreno sulle coste e sulle zone sublitoranee. Le estati sono calde con valori che superano diffusamente i 30°C.

Sui rilievi il clima è mitigato dell’altitudine con nottate fresche e giornate non troppo calde, mentre sulle coste le brezze moderano gli eccessi di calore. In inverno le aree costiere restano abbastanza miti, mentre nelle zone interne e montuose i giorni con temperature negative si fanno più frequenti. In conclusione in Toscana il clima è vario ma, tranne rarissime eccezioni, e global warming permettendo, non raggiunge mai pericolosi estremi e nella media è abbastanza mite.

Cibo

Sicuramente il cibo è una bella freccia al nostro arco. Perché vivere in Toscana? Bé, perché in Toscana si mangia e si beve splendidamente e con gran varietà (vi dicono niente: Chianti, Montalcino, Bolgheri, Montepulciano, Maremma?).

Perché vivere in Toscana? 10 punti per aiutare coloro che vogliono trasferirsi in Toscana: dal clima al lavoro, dai servizi al paesaggio

Materie prime sane e di qualità prodotte nella regione (abbiamo 16 DOP e 15 IGPottimi ristoranti, grandi alberghi, tutto contribuisce all’eccellenza del territorio sotto questo aspetto. Non è certo possibile in un articolo simile riassumere, neanche per punti, la gran quantità di piatti tipici toscani, e quindi solo in maniera puramente esemplificativa, ricordiamo: la fettunta, i coccoli, la ribollita, la panzanella, i pici senesi, i ravioli maremmani, i tortelli alla mugellana,  la cecìna, il cacciucco alla livornese, il prosciutto, il salame toscano, il lardo di Colonnata, la finocchiona, la soprassata, il sanguinaccio, il castagnaccio, il panino col lampredotto, la trippa e la bistecca alla fiorentina, e sono costretto a fermarmi qui per esigenze di spazio, dovendo rimandare, per eventuali approfondimenti, ai tanti articoli redatti da TuscanyPeople sulla nostra gastronomia nonché offerta culinaria.

Bellezza/Arte

Be’, se c’è un punto che senza dubbio gioca a nostro favore sul perché vivere in Toscana, è proprio la straordinaria bellezza della regione. Dal paesaggio, alle città, all’arte in genere, la Toscana è senz’altro uno dei luoghi più belli e visitati del pianeta.

Perché vivere in Toscana? 10 punti per aiutare coloro che vogliono trasferirsi in Toscana: dal clima al lavoro, dai servizi al paesaggio

Anche in questo caso non è possibile riassumere in modo neppure vagamente esaustivo la quantità di tesori che vi si possono trovare. Basti dire che se l’occhio vuole la sua parte, da queste parti l’occhio ha una gran parte, da protagonista assoluto. Per una lista molto sommaria rimandiamo all’articolo precedente (Come si vive in Toscana: tra sogno e realtà) e a quello successivo in cui esamineremo un po’ più diffusamente perché la Toscana è famosa nel mondo. Ma in genere è la nostra stessa rivista che narra costantemente la bellezza della Toscana in ogni sua forma: basta che cerchiate attraverso la lente e troverete tantissimi articoli sui più vari argomenti.

Varietà del paesaggio e dei luoghi

In Toscana c’è tutto nella sua massima espressione: mare, montagne, colline, pianure, fiumi, laghi, bellissime città e paesi a misura d’uomo. Dalla costa che si affaccia sul Tirreno alle meravigliose isole dell’Arcipelago toscano, dagli Appennini, alle Apuane, alle dolci colline del Chianti, del senese, della val d’Orcia, dalle distese di verde della Maremma alle oasi naturali che vi sono disseminate dappertutto, qui non manca davvero nulla e ce n’è per tutti i gusti. In altre parole, perché vivere in Toscana? Bè, perché qui si incappa in una tale varietà di dimensioni umane, climatiche, paesaggistiche che è quasi impossibile non trovare quella adatta.

Perché vivere in Toscana? 10 punti per aiutare coloro che vogliono trasferirsi in Toscana: dal clima al lavoro, dai servizi al paesaggio

Dolce vita

La dolce vita è senza dubbio un aspetto che caratterizza la Toscana. Questa è la regione adatta per chi vuole godersi l’esistenza in tranquillità, ai ritmi che sono più consoni all’uomo: in poche parole la Slow Life nel senso più stretto del termine. Eppure non mancano la dinamicità né l’internazionalità. In città come Firenze, Siena, Pisa, Lucca, Arezzo, Grosseto, Massa, ma anche nei tanti paesi dislocati in tutta la regione, si lavora sodo e bene, ma senza quella frenesia che caratterizza certe metropoli industriali.

Diciamo che si lavora per vivere e non si vive per lavorare. La bellezza diffusa tutt’intorno, il dolce clima che perdura almeno per sei-sette mesi l’anno, i ritmi non esasperati, permettono salutari pause di rilassamento, mentre la vita notturna, che sia vera e propria movida come a Firenze o sulla costa, o magari più rilassata come nelle piccole città e nei paesi, offre tra ristoranti, locali, pub e discoteche il meglio di quanto si possa trovare in giro.

Le social dinner di TuscanyPeople sono eventi costruiti con la massima cura, scegliendo con attenzione i migliori fornitori made in Tuscany

Quindi, ricapitolando: perché vivere in Toscana? Semplice, perché in Toscana si sta bene.

Costo della vita

Il costo della vita non è invece un punto a favore della Toscana. Qui la vita è cara. Facendo sempre i necessari distinguo e le doverose eccezioni, secondo l’Istat la Toscana è seconda per l’aumento del costo della vita a famiglia, con un rincaro dello 0,9% che implica un’impennata pari a 411 euro all’anno, ed è terza nella top ten delle regioni più costose.

Ovviamente ad alzare i costi e i prezzi contribuiscono molto le città turistiche come Firenze, Siena, Pisa, ma in assoluto non è una regione low cost.

Servizi

Altro punto a favore del perché vivere in Toscana, sono i servizi che, in generale, funzionano sufficientemente bene. I trasporti pubblici sono buoni, così lo smaltimento dei rifiuti, la sanità e la qualità dell’istruzione.

Perché vivere in Toscana? 10 punti per aiutare coloro che vogliono trasferirsi in Toscana: dal clima al lavoro, dai servizi al paesaggio

Ovviamente ognuno di noi avrà avuto esperienze più o meno negative per quanto riguarda la viabilità, una disavventura in un ospedale o al pronto soccorso, una classe in cui il proprio figlio si è trovato male, ma non emergono, tranne casi specifici e isolati, particolari criticità se non legate alla fitta burocrazia che una regione particolarmente tutelata sotto l’aspetto artistico/culturale si trova costretta a scontare.

Lavoro

Il lavoro in Toscana è particolarmente legato alla ristorazione, al turismo in ogni sua forma, e al commercio mobiliare e immobiliare. Nonostante ci siano molte aree industrializzate non è, da questo punto di vista, una regione paragonabile a quelle del nord Italia. Si può pensare di venire in Toscana e mettere su una propria attività o divenire dipendenti d’una attività altrui, ma non è un territorio che offra chissà quali opportunità lavorative. Qui il lavoro chi ce l’ha se lo tiene stretto e il naturale ricambio generazionale spesso incontra difficoltà superiori alla norma.

Perché vivere in Toscana? 10 punti per aiutare coloro che vogliono trasferirsi in Toscana: dal clima al lavoro, dai servizi al paesaggio

Sicurezza

Sorprendentemente, in una regione ritenuta abbastanza tranquilla come la nostra, per quanto riguarda la criminalità, non emerge un quadro edificante. Nelle prime 10 posizioni, secondo la classifica stilata su base nazionale da Il Sole 24 ore su dati forniti dal Ministero dell’Interno relativi al 2017, ci sono ben 3 città toscane, in ordine: Firenze, Prato e Livorno. Firenze, compresa la provincia, è al quarto posto a livello nazionale nell’indice della criminalità nelle province italiane.

L’indice vede nelle prime dieci posizioni anche Prato, al sesto posto con 5.348,52 denunce, e Livorno, al nono posto, a quota 5148,49. Nel complesso, 8 province toscane su 10 sono nelle prime 40 posizioni. Riguardo alle tipologie di reato, Prato è prima a livello nazionale per denunce per riciclaggio di denaro, segue Firenze, che a sua volta è quarta a livello nazionale per i furti. Mentre Livorno è quinta a livello nazionale per gli omicidi, Pisa è invece quinta per le denunce legate alla droga.

Perché vivere in Toscana? 10 punti per aiutare coloro che vogliono trasferirsi in Toscana: dal clima al lavoro, dai servizi al paesaggio

Logicamente bisogna tener conto che in molte altre regioni, per motivi storico/culturali, la tendenza alla denuncia dei reati è molto inferiore alla nostra.

Cultura

Infine, per concludere questa carrellata sul perché vivere in Toscana, ci giochiamo la carta della cultura. Regione di grande storia e grande arte, la Toscana è per questo anche una delle culle della cultura mondiale.

Solo per fare un esempio, senza considerare i musei, a Firenze ci sono la Biblioteca Nazionale, la biblioteca più grande d’Italia, una della maggiori d’Europa, l’Accademia della Crusca, una delle più prestigiose istituzioni linguistiche del paese, il Gabinetto Vieusseux, che ha sempre ospitato tanti grandi scrittori e artisti da tutto il mondo, a Pisa e a Firenze si trovano le sedi della famosissima Scuola Normale Superiore, senza considerare molte altre bellissime e prestigiosissime centri di ricerca e luoghi di studio che richiamano studiosi da ogni dove.

Perché vivere in Toscana? Meditate, gente, meditate.

Sei un Eccellenza Toscana? Clicca qui

 

Scopri come diventare “Ambasciatore di TuscanyPeople” ed essere premiato.

Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Commenti

Commenti