Santa Fiore è un antico borgo arroccato sulle pendici del Monte Amiata, nella Maremma Toscana. Il paese nasconde antiche rocche aldobrandesche, palazzi sforzeschi e un magico specchio d’acqua dove rifugiarsi per un rinfrescante weekend in Toscana.

Santa Fiora, un fresco weekend in Toscana

Vuoi raccontarci la tua Storia Imprenditoriale? Clicca qui

 

Il caldo si fa già sentire e per sfuggire alle prime giornate afose fuggo sul Monte Amiata, luogo ricco di paesaggi straordinari, antichi borghi arroccati e natura rigogliosa. Uno dei luoghi più conosciuti e meta di villeggiatura e’ il paese di Santa Fiora, dove gli stessi Piombinesi hanno la “seconda casa” per le vacanze.

La Peschiera di Santa Fiora è un magico specchio d'acqua custodito dal Monte Amiata, vicino all'omonimo paese, ideale per un rilassante weekend in Toscana

Non c’è niente di meglio che passare qualche settimana i questi luoghi salubri e puliti, dove il fisico pian piano si rigenera, per poi nuovamente affrontare la routine cittadina. Voglio proprio vivere questa bella esperienza e fermarmi almeno due giorni per visitare con calma quello che Santa Fiora può offrire.

C’è la “Peschiera” dove da piccola ero stata, ho un ricordo piacevole di un luogo ricco di verde e di acqua, una pace che è difficile trovare. Voglio assolutamente tornarci e vedere se le mie sensazioni “da grande” sono ugualmente positive. Seguitemi dunque in questa nuova piccola avventura alla scoperta di luoghi pochi conosciuti della Toscana, ma che meritano assolutamente di essere scoperti.

La Peschiera di Santa Fiora è un magico specchio d'acqua custodito dal Monte Amiata, vicino all'omonimo paese, ideale per un rilassante weekend in ToscanaFoto: www.santafiora.org

Santa Fiora

Santa Fiora è un comune ai piedi del Monte Amiata, distante da Grosseto circa 60 km (mappa), al centro del triangolo tra Roccalbegna, Arcidosso e Abbadia San Salvatore. E’ un luogo ricco di storia con tracce che risalgono addirittura al Neolitico. In antichità inoltre, si sfruttava il cinabro, una pietra dalla quale si ricavava il mercurio. Già nel 833 le prime fonti scritte, in una pergamena del 27 Giugno appare il toponimo “Santa Fiora“. Il paese veramente piacevole da visitare, è composto da tre Terzieri, denominati Castello, Borgo e Montecatino.

Il terziere di Castello, è la zona più antica del paese, il suo punto centrale è una piazza con la torre dell’orologio e la Rocca Medievale, che ci riporta agli antichi domini Aldobrandeschi.

La Peschiera di Santa Fiora è uno specchio d'acqua sul Monte Amiata, vicino all'omonimo paese, ideale per un rilassante weekend in Toscana.

Pieve delle Sante Flora e Lucilla

Questa pieve viene menzionata già in alcuni documenti del 1142 e nel corso del tempo fu poi restaurata e trasformata. I primi interventi risalgono alla metà del Quattrocento, mentre le più evidenti modifiche sono del Settecento. La sua struttura mostra una facciata tipica a capanna, suddivisa da una cornice orizzontale in due parti. Il portale di accesso presenta lo stemma della famiglia Aldobrandeschi.

Internamente è suddivisa in tre navate, con archi a tutto sesto ed un coro quadrangolare. Le opere più significative che si possono ammirare sono delle belle terrecotte robbiane, datate tra il 1465 e il 1490. Altra opera di rilievo un trittico che rappresenta l’Incoronazione della Vergine, le Stimmate di San Francesco e San Girolamo.

La Peschiera di Santa Fiora è uno specchio d'acqua sul Monte Amiata, vicino all'omonimo paese, ideale per un rilassante weekend in Toscana.

Palazzo Pretorio

Il primo edificio che si incontra sulla destra, nel Terziere di Castello,  è il Palazzo Pretorio, ristrutturato nell’Ottocento. Per anni è stata la sede dell’amministrazione comunale, mentre oggi è di pertinenza dell’Enel. Nel periodo estivo viene utilizzato per ospitare mostre, mentre il piano terra ospita la sede dell’Ufficio turistico e della Pro Loco. Guardando la sua facciata notiamo lo stemma degli Sforza e una lapide che ricorda la visita in questi luoghi del Cardinale Borromeo.

Palazzo Sforza Cesarini

Il Palazzo è stato costruito attorno al 1575 dove un tempo sorgeva l’originaria Rocca Aldobrandesca di Santa Fiora. La prima fortificazione, della quale rimangono attualmente 2 torri addossate al palazzo, sorse attorno all’anno Mille. Alla metà del Duecento a seguito della spartizione dei beni della famiglia Aldobrandeschi, divenne poi la sede della Contea di Santa Fiora.

La Peschiera di Santa Fiora è un magico specchio d'acqua custodito dal Monte Amiata, vicino all'omonimo paese, ideale per un rilassante weekend in Toscana

Un fatto molto curioso accadde nella prima metà del Quattrocento, quando le tre figlie di Guido Aldobrandeschi furono rapite dai senesi, con lo scopo di impadronirsi dei centri della Contea. Questo intento tuttavia non arrivò a compimento. Da quel momento, l’intera Contea di Santa Fiora divenne contea sforzesca e, nel corso del Cinquecento, gli Sforza fecero costruire nuovi edifici residenziali, come appunto il Palazzo Sforza Cesarini, la Villa Sforzesca nei pressi di Castell’Azzara e la Fattoria di Pomonte nei dintorni di Scansano.

Il Palazzo Sforza Cesarini si presenta come un’imponente struttura formata da più elementi gli uni addossati agli altri. Troviamo infatti due strutture murarie con finestre rettangolari e una serie di porte ad arco tondo che caratterizzano il piano terra.

La Peschiera di Santa Fiora è uno specchio d'acqua sul Monte Amiata, vicino all'omonimo paese, ideale per un rilassante weekend in Toscana.

La Peschiera di Santa Fiora

Il Parco della Peschiera, è un luogo veramente magico, quando sono arrivata la pace era ovunque e il paesaggio mi ha veramente rapito. La cosa che attrae subito lo sguardo è questo specchio d’acqua ampio, chiaro e cristallino.

Un gioiello accanto allo storico paese di Santa Fiora, luogo che consiglio proprio per passare alcuni giorni di relax e di riposo lontano dalla vita cittadina. Il verde del giardino ci avvolge e una passeggiata ci fa apprezzare tutte le essenze delle piante e della vegetazione rigogliosa.

Devo dire che il Parco della Peschiera rappresenta proprio un luogo unico immerso nella nostra bella Toscana, ricco di storia e di cose da scoprire.

La Peschiera di Santa Fiora è uno specchio d'acqua sul Monte Amiata, vicino all'omonimo paese, ideale per un rilassante weekend in Toscana.Foto: www.quadrifoglioonlus.it

Dalla Porta di San Michele, si raggiunge il terziere di Montecatino. Come suggerisce il nome (“catino” punto di raccolta dell’acqua) è caratterizzato dalla Peschiera che raccoglie le acque delle sorgenti della Fiora.

Sfruttando la forza motrice delle acque, sorsero nell’area diversi impianti e manifatture preindustriali (mulini, ferriere, laboratori artigiani). Successivamente si formò un vero e proprio nucleo abitativo dove vivevano le stesse maestranze degli impianti. In origine La Peschiera era un vivaio di trote degli Aldobrandeschi, formato dalle sorgenti del fiume Fiora trasformato poi in un parco-giardino per decisione della famiglia Sforza.

La Peschiera di Santa Fiora è uno specchio d'acqua sul Monte Amiata, vicino all'omonimo paese, ideale per un rilassante weekend in Toscana.

Nel 1851 per volere di Lorenzo Sforza-Cesarini ci fu l’ultima ristrutturazione che ha portato gli elementi che oggi possiamo vedere. Queste acque limpide partendo dalla Peschiera defluiscono poi in una vasca decorata con una bella scultura raffigurante due delfini con il tridente. La vasca un tempo veniva utilizzata come abbeveratoio per gli animali, ma anche come lavatoio pubblico.

La Peschiera

Ristorante Il Barilotto

Per apprezzare la buona cucina locale consiglio il Ristorante Il Barilotto, proprio all’interno del paese di Santa Fiora. Pierangelo Croci, coadiuvato dall’efficientissimo direttore di sala Kristjan, propone da anni un menu collaudatissimo molto apprezzato della clientela.

La Peschiera di Santa Fiora è un magico specchio d'acqua custodito dal Monte Amiata, vicino all'omonimo paese, ideale per un rilassante weekend in Toscana

In ogni periodo dell’anno si possono apprezzare antipasti come prosciutto di cinghiale condito con olio di Seggiano e limone, crostini con fegatini, crostoni con i funghi porcini, mentre tra i primi spiccano i tortelli e i ravioli fatti a mano sia con ragout di carne che con funghi. Da consigliare anche l’acqua cotta e gli straordinari i pici al barilotto con ragout bianco e finocchietto selvatico di cui Pierangelo custodisce gelosamente il segreto della preparazione.

Rappresenti l’Eccellenza Toscana e vuoi raccontarci la tua Storia? Clicca qui

 

Scopri come diventare “Ambasciatore di TuscanyPeople” e essere premiato.

Scopri come diventare “Ambasciatore di TuscanyPeople” ed essere premiato.

Riproduzione Riservata © Copyright TuscanyPeople

Commenti

Commenti