Ad una settimana dall’inizio Pitti Fragranze 2016 parla sempre più una lingua internazionale: ancora in crescita i buyer dall’estero (+4%), trainano Francia, Spagna, Europa del Nord e Ucraina, conferme da Regno Unito, Stati Uniti e Middle East, così come nei numeri dei compratori italiani. In totale quasi 3.800 visitatori da più di 50 paesi: Firenze al centro della scena internazionale della profumeria artistica e della cultura del profumo.

Pitti Fragranze 2016, il profumo del successo

Impeccabile la declinazione del concept di Pitti Fragranze 2016, Numbers and Flowers, che ha puntato a rendere visibile ciò che è astratto, a dare forma all’invisibile; dall’allestimento ai workshop alle interviste, sono stati toccati temi come il ruolo delle spezie nell’ arte profumiera o il profumo come mezzo per abbattere pregiudizi di ogni tipo che hanno arricchito e reso molto interessanti tutti e tre i giorni della kermesse.

TuscanyPeople a Pitti Fragranze 2016, 14° edizione della kermesse fiorentina dedicata ai profumi, quest'anno intitolata Numbers and Flowers

Tantissime le maison e i brand che non hanno mancato di stupire per originalità, creatività oltre che per l’elevata qualità dei prodotti e la Toscana è stata una degna rappresentante di tutto questo. E’ stato emozionante poter passare da una passeggiata sul pontile del Forte dei Marmi, ai meravigliosi paesaggi e profumi ottomani, ritrovarsi nel mezzo di un fitto e odoroso bosco o in balia di una tempesta. I profumi quelli veri fanno proprio questo ti fanno sognare, desiderate viaggiare e spero che questo pezzo riesca a far sognare un po’ anche voi, miei cari lettori di Tuscany People.

Maison Torre

La Toscana è terra di profumi antichi e di moderne suggestioni odorose e la Maison Torre ne è senza dubbio una delle principali esponenti. Torre ricerca le suggestioni aromatiche delle terre toscane e ne fa profumi d’alta gamma. L’atelier opera da sempre una scelta di qualità assoluta, ricercando per le sue fragranze solo le migliori materie prime selezionate con rigore e sottoposte a metodi di lavorazione artigianale e dedicando grandissima attenzione allo stile e al packaging come la neo nata Mythical Woods.

TuscanyPeople a Pitti Fragranze 2016, 14° edizione della kermesse fiorentina dedicata ai profumi, quest'anno intitolata Numbers and Flowers

La notte si avvicina, una luce nuova trasforma questo microcosmo che può essere ovunque lo si desideri: nell’Oriente più intriso di misticismo, nel cuore di un inatteso Mediterraneo spazzato dal vento o ai piedi delle Alpi Apuane, che hanno visto nascere questo nuovo capitolo della storia di Profumi del Forte.

Maison Bereto

Emozioni di bellezza assoluta. Quelle della campagna toscana che non ha eguali al mondo e che tanto attrae per incanto e purezza. Un profumo di sentimenti inconfondibile. Da quest’universo intatto nasce la collezione di essenze per la casa Maison Bereto, dal nome di uno dei più bei poderi a Radda in Chianti, acquistato negli anni Ottanta da Lorenzo e Franca Pinzauti che ne hanno fatto un gioiello di azienda agricola che rispetta i ritmi e la cultura della natura, famoso per i suoi vini.

Candele fatte a mano, la cera dentro un’autentica bottiglia di olio da fattoria tagliata ad arte da un maestro vetraio pezzo per pezzo, immersa in un contenitore ad alto tasso di design: una boule color ebano di resina contemporanea solcata da cerchi pieni e vuoti che ricordano gli strumenti da lavoro per i bijoux che si usano ogni giorno nell’impresa di famiglia.

TuscanyPeople a Pitti Fragranze 2016, 14° edizione della kermesse fiorentina dedicata ai profumi, quest'anno intitolata Numbers and Flowers

Non un semplice contenitore, ma un oggetto d’arte, capace di conquistare la vista e il tatto, destinato nei prossimi mesi a essere interpretato dalla fantasia e dalla creatività di alcuni fra i più affermati artisti contemporanei. Due sono i profumi presentati a Pitti Fragranze 2016: Belvedere, che richiama l’odore dell’erba appena tagliata attorno ai vigneti di Colle Bereto, e Pavillon, che evoca il profumo di giardini di fiori.

Meo Fusciuni

Il progetto di Meo Fusciuni nasce nel 2010 dalla definizione artistica di profumo come memoria olfattiva con Trilogia di Viaggio: nomadismo, essenza, memoria. Ogni giorno nel nostro spazio creiamo fragranze che rimandano a momenti di vita vissuti attraverso gli odori prosegue poi con Il Ciclo della Poesia; una profonda ricerca interiore. Notturno e Luce rappresentano il ciclo compositivo di due anni l’uno vissuto nella durezza del buio, l’altro dell’equilibrio della luce.

TuscanyPeople a Pitti Fragranze 2016, 14° edizione della kermesse fiorentina dedicata ai profumi, quest'anno intitolata Numbers and Flowers

Ciclo della Mistica è un viaggio fisico e mentale in luoghi sacri e trasfigurati dell’odore, dell’animo umano che si concretizza con Narcotico inizio di questo cammino celebrazione di resine e legni per proseguire nell’immaginario onirico e fiabesco di Odor93. Meo Fusciuni è un viaggio alla continua introspezione di se stessi, una collezione emozionante, quella presentata a Pitti Fragranze 2016, la trasfigurazione olfattiva di un cammino percorso all’insegna della ricerca ossessiva attraverso luoghi, poetiche e sensazioni.

Silvia Monti

Per Silvia Monti farmacista di professione e fondatrice di Peccato Originale il profumo è il rimedio per contrastare i tumulti dell’anima, la medicina per guarire il mal d’amore, l’antidoto per curare le intossicazioni sentimentali. Il suo brand nato nel 2012 spicca nel panorama della profumeria artigianale italiana proprio per l’originalità del concept.

TuscanyPeople a Pitti Fragranze 2016, 14° edizione della kermesse fiorentina dedicata ai profumi, quest'anno intitolata Numbers and Flowers

Le fragranze percorrono un tracciato border line tra quello che si potrebbe definire il “mondo degli odori” e il “mondo dei profumi”.
 Quel solco olfattivo nel quale corrono anche, in buona parte,
le profumazioni delle preparazioni galeniche. Attraverso fragranze come Antidoto, Iniezione di Morfina, Tintura Spiritosa (a cucchiaini), Essenza Miracolosa, si possono percepire gli istinti passionali racchiusi nella filosofia di Peccato Originale.

Inspiritv

Dopo la cura del corpo si passa a quella dello spirito con l’eleganza della linea INSPIRITV creata dal talentuoso attore toscano Luca Calvani e da Olivia Mariotti co-fondatrice della pluripremiata agenzia di comunicazione e branding per la moda e il lusso Rem Ruini e Mariotti.

Il marchio ha esordito nel 2014 con una collezione di cinque candele, quattro delle quali rappresentano le virtù cardinali – Fortitvdo, Temperantia, Ivstitia e Prvdentia – mentre la quinta, Lvx, è la punta di diamante di tutta la collezione che metaforicamente rappresenta la coscienza universale.

TuscanyPeople a Pitti Fragranze 2016, 14° edizione della kermesse fiorentina dedicata ai profumi, quest'anno intitolata Numbers and Flowers

Alle candele si uniscono altrettanti profumi realizzati da nasi prestigiosi, contenuti in eleganti bottiglie squadrate in vetro accuratamente decorate con motivi floreali ed allegorici e sigillate con un tappo gioiello in bronzo monogrammato. Le fragranze fortemente connesse con le virtù alle quali sono ispirate rappresentano elementi chiave dell’esperienza umana come la chiarezza, la consapevolezza, la resilienza, la volontà.

Gabriella Chieffo

La bellissima Gabriella Chieffo ingegnere salentina stupisce senza dubbio non solo per la sua esclusiva collezione di profumi artigianali e di grande qualità, ma anche nella presentazione. In questa edizione di Pitti Fragranze 2016 presenta l’energia carnale di Taersìa – in salentino Tempesta – attraverso l’installazione artistica Filo Diretto, che mediante la simbolica figura dell’albero rappresenterà l’eterna dialettica tra il razionale e l’irrazionale, tra conscio e inconscio, tra anima e corpo: l’albero è legato alla terra, ma a dispetto di tutto e tutti tende verso il cielo, anelando a cambiamenti e innovazioni coraggiosi e stravolgenti.

TuscanyPeople a Pitti Fragranze 2016, 14° edizione della kermesse fiorentina dedicata ai profumi, quest'anno intitolata Numbers and Flowers

Taersìa esprime tutto questo; si apre con la freschezza marina del bergamotto e con la vitalità dello zenzero; ma poi, ecco arrivare tutta la voluttuosità, tutto l’erotismo della tuberosa, smorzata da calde e sofisticate note di caffè, incenso e mirra che la rendono ancora più conturbante.

Della collezione sono assolutamente degni di nota fragranze come Ragù, Hystera, Lye e Camaheu che nascondono mondi surreali quanto affascinanti, con piramidi olfattive in bilico tra l’onirico e il poetico, dove i sensi quasi non riescono a distinguere il confine tra realtà e fantasia.

Pitti Fragranza 2016

 

Commenti

Commenti