Danilo Venturi, Direttore del Polimoda, una delle più importanti scuole al mondo nella fashion industry, racconta come dare inizio alla propria carriera studiando le discipline del settore della moda.

A tu per tu con Danilo Venturi, il Direttore del Polimoda

Il Polimoda è la prima scuola di moda in Italia e tra le migliori dieci al mondo nella fashion industry. Un hub di idee innovative, attività e creatività che segna il passo e delinea il futuro della moda grazie ad una formazione professionale di qualità e una metodologia di lavoro e ricerca altamente specializzate. 2.300 studenti da tutto il mondo, di cui il 70% dall’estero con 68 diverse nazionalità, il 91% occupati dopo il diploma.

Direttore, che cosa fa il Polimoda per le nuove generazioni?

Danilo Venturi: “Polimoda è un grande laboratorio di idee che vive grazie alla diversità culturale, etnica e di genere dei suoi studenti. Insegniamo ai giovani a “diventare ciò che sono”, esprimere il proprio potenziale, la propria identità, ma anche a sviluppare il senso critico, la capacità analitica, il pensare fuori dagli schemi. Forniamo loro tutti gli strumenti per crescere personalmente e professionalmente, affiancati da docenti provenienti dall’industria, in un ambiente multiculturale, e quindi trovare la propria strada nel mondo del lavoro“.

Le sedi. Gli studenti hanno a disposizione tre campus a Firenze: la storica Villa Favard, il moderno Design Lab e la nuova sede presso la Manifattura Tabacchi. Studiare tra la bellezza?

Danilo Venturi: “Firenze fa parte del DNA del Polimoda, offrendo a studenti che arrivano da tutto il mondo un contesto ricco di bellezza e cultura ideale per la creatività. D’altra parte i nostri studenti contribuiscono a renderla più metropolitana. Questo è già successo con Villa Favard e il Design Lab e con Manifattura Tabacchi riporterà in vita un intero quartiere, all’interno di uno dei monumenti industriali più suggestivi della città“.

👉Villa Favard Polimoda dal satellite: Villa Favard

Danilo Venturi è il Direttore del Polimoda, la più importante scuola di moda in Italia.

Sono numerose le collaborazioni che Polimoda ha stretto con le più prestigiose aziende e rappresentanti del settore – da Missoni a Ferragamo, da Valentino a Gucci, da Richemont a LVMH. Quanto conta l’esperienza diretta?

Danilo Venturi: “La relazione con le aziende e l’esperienza sul campo sono tratti distintivi della nostra didattica, non a caso ci definiscono la scuola più vicina all’industria. Si tratta di una scelta strategica che consente di adattare i programmi alle reali esigenze del settore e di formare i professionisti di cui la moda ha più bisogno, creando continuità tra studio e lavoro“.

La nomina a Capo Dipartimento Design di Massimiliano Giornetti, ex direttore creativo di Salvatore Ferragamo che cosa porterà?

Danilo Venturi: “Il successo del Polimoda riflette la nostra capacità di comprendere lo spirito del tempo e possibilmente di anticiparlo. Presto la moda avrà bisogno di un ritorno alla creatività, al design, perché il settore possa evolversi. Massimiliano è un nostro ex studente e ha lavorato ad altissimi livelli, saprà guidare lo sviluppo creativo della scuola e definire una nuova cifra stilistica. Con lui la scuola sarà un po’ più maison“.

👉Leggi anche: Nasce il brand Toscana per le imprese: un’idea nuova per un’eccellenza antica

Studenti del Polimoda, la più importante scuola di moda in Italia, diretta da Danilo Venturi.

Polimoda Talent 2019. Un progetto particolarmente innovativo che l’ha colpita?

Danilo Venturi: “Il programma di business development Polimoda Talent è nato per dare un supporto concreto ai giovani talenti pronti a dar vita a un proprio progetto dopo gli studi. Ogni anno offriamo alle idee più innovative supporto economico, spazi di co-working e una mentorship personalizzata. Per sei mesi quindi li seguiamo mentre danno vita alla propria idea. Un esempio è la giovane imprenditrice Eleonora Bruno, couture hat designer fondatrice di Ely.B., le cui creazioni sono apparse su importanti magazine internazionali e indossate da celebrities del calibro di Jennifer Lopez“.

Ci parli di Polimoda Rendez-Vous

Danilo Venturi: “Ogni mese i nostri studenti hanno la possibilità di incontrare al Polimoda alcuni dei protagonisti del settore sulla scena internazionale, pronti a condividere la propria storia e la propria esperienza. Abbiamo avuto Renzo Rosso, Marco Bizzarri, Alber Elbaz, Laudomia Pucci, Margherita Missoni, solo per citarne alcuni. Per i ragazzi un’opportunità straordinaria di imparare direttamente dai migliori“.

Firenze, è sede ideale per ospitare visionari, manager e creativi fashion, tanto per prestigio e bellezza, quanto per posizione strategica e significato intrinseco che rappresenta. Qual è il rapporto della città con il Polimoda?

Danilo Venturi: “Il Polimoda svolge un ruolo importante per la città, è un modello culturale per una Firenze più contemporanea, dove pluralismo e inclusività sono moltiplicatori del talento e rendono il terreno fertile per la creatività. Siamo inoltre nel cuore di uno dei più importanti distretti produttivi per il Made in Italy, con il quale l’interazione e il confronto sono costanti“.

Un’iniziativa bellissima è il Junior Summer Camp, primo camp estivo interamente dedicato alla moda rivolto a bambini a favore della Fondazione Meyer, quest’anno uno speciale evento per i 60 anni della bambola Barbie.

Danilo Venturi: “L’idea è di creare un movimento solidale che va dai bambini ai bambini, nel quale mettiamo a disposizione la nostra esperienza nella formazione in un campo estivo sulla moda per bambini di 8-12 anni. L’obiettivo, dare un supporto concreto a un’istituzione fiorentina che è un punto di riferimento per la pediatria nazionale e internazionale“.

👉Leggi anche: Firenze racconta: il trasferimento dell’Ospedale Meyer

Studenti del Polimoda, la più importante scuola di moda in Italia, diretta da Danilo Venturi.

La sua visione sul futuro della moda italiana?

Danilo Venturi: “Si sente l’esigenza di un ritorno alla creatività e al saper fare. La standardizzazione indotta dalle dinamiche del mercato rischia di portare allo stallo, e si prospettano nuove grandi sfide come la digitalizzazione e la sostenibilità. Per questo abbiamo lanciato nuovi corsi come Knitwear Design e Digital Fashion: siamo qui per dare il nostro contributo verso un futuro migliore“.

Raccontaci di te

 

Studenti del Polimoda, la più importante scuola di moda in Italia, diretta da Danilo Venturi.


Photo Credits Polimoda, ph. Federica Fioravanti                                             Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

Stefania Bacchini
Web writer & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti