Cosa vedere a San Romano in Garfagnana, l’antico borgo della famosa Fortezza delle Verrucole a due passi dal Parco dell’Orecchiella.

Tra i comuni più importanti della Garfagnana, in provincia di Lucca, troviamo San Romano in Garfagnana. Il borgo è famoso per la Fortezza di Verrucole, che comanda imperiosamente la valle circostante ed è parte del Parco dell’Orecchiella, ma nasconde molti luoghi interessanti sia per amanti della storia che dell’avventura.

Il borgo di San Romano in Garfagnana e la vicina Fortezza delle Verrucole

Il borgo di San Romano

Il piccolo paese di San Romano in Garfagnana si snoda intorno a due edifici principali: la chiesa di San Romano Martire e il Palazzo Pelliccioni Marazzini.

La chiesa di San Romano Martire

La prima, di origine romanica, è un classico edificio di culto con struttura ad oratorio, anche se l’interno presenta decorazioni di gusto tardo-barocco. Punto focale della chiesa è la statua lignea del santo, al quale deve il nome: presentato in abiti da legionario romano e con la palma del martirio.

Il Palazzo Pelliccioni Marazzini

L’edificio, anch’esso nel centro di San Romano in Garfagnana, è un esempio perfetto di architettura tipica garfagnina in arenaria. Al suo interno, oltre ad affreschi di vari artisti toscani, è ospitato il Museo Archeologico della Garfagnana. I reperti in mostra permanente percorrono la storia garfagnina, dall’Età del bronzo al Medioevo e provengono, specialmente, da scavi effettuati nella zona della Fortezza delle Verrucole.

La Fortezza delle Verrucole in Garfagnana sotto la neve

La Fortezza delle Verrucole, dalle origini ai giorni nostri

Nello scavo dell’area dove oggi sorge la Fortezza delle Verrucole, sono stati rinvenuti reperti risalenti al Neolitico. Questo luogo, da villaggio preistorico, piano piano, divenne baluardo di difesa per gli avvistamenti ad ampio raggio.

Una roccaforte estense sul colle di San Romano

Il complesso che vediamo oggi è databile al periodo estense della Garfagnana, anche se i conflitti per il dominio dell’ambìto punto strategico furono numerosi. In particolare, sono evidenti due costruzioni di epoche diverse alle due estremità del colle di San Romano: la “Rocca tonda” a sud, la parte più antica, e la “Rocca quadra” a nord.

Dopo un tribolato periodo, tra passaggi di proprietà e abbandoni, la fortezza inizia una seconda vita, intorno agli anni Duemila, grazie al Comune di San Romano che si è prodigato per riportare la Fortezza delle Verrucole al suo antico splendore.

👉 Leggi anche:Garfagnana: borghi, leggende e parchi naturali tra Apuane e Appennino

La Fortezza delle Verrucole e il vicino borgo di San Romano in Garfagnana

Vistare la Fortezza delle Verruole, archeopark in Garfagnana

La Fortezza di Verrucole si presenta da sola come una delle attrazioni culturali imperdibili in un tour della Garfagnana, ma il tocco finale per un’immersione totale nel passato è dato dal personale che accompagna i turisti nella visita. Da alcuni anni, infatti, il sito storico si inserisce in un progetto che lo rende un archeopark: un vero e proprio parco tematico medievale vivente.

Parcheggiando l’auto, inizia il viaggio nel tempo: la strada in salita per arrivare alla porta principale della fortezza è la stessa percorsa da cavalieri, capitani e dame delle epoche passate. Ad accogliervi oltre la soglia dell’imponente cinta muraria non troverete una classica biglietteria museale, ma attori in costume che vi faranno scordare di essere nel ventunesimo secolo.

Grazie agli interventi di restauro, sono stati recuperati edifici chiave: primo fra tutti il torrione a più piani, il quale era adibito a residenza del comandante del forte. In questa zona sono stati ricostruiti minuziosamente gli ambienti medievali: dalle cucine (con tanto di selvaggina cacciata appesa al soffitto) a stanze con armature ed abiti dell’epoca. Le guide-attori, animate da fervente passione nel loro lavoro, vi faranno provare la pesantezza delle armi usate dai cavalieri e i tessuti delle loro corazze da battaglia.

Una visita adatta a qualsiasi età che propone di rivivere la vita di fortezza del tredicesimo secolo. Scopo dell’associazione M.H.L., che se ne occupa, è coinvolgere qualsiasi pubblico e destare l’interesse storico anche nei visitatori più difficili. Un approccio alla storia in prima persona che prevede divertimento e praticità.

Fortezza delle Verrucole in una giornata di sole

La Selva del Buffardello a San Romano in Garfagnana

Chi dice che il bosco è solo meta per ritrovare la pace nella natura, non è mai stato a San Romano in Garfagnana. All’interno del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano si trova la “Selva del Buffardello”, un luogo che propone moltissime attività outdoor adatte a tutti.

Attrezzandosi con il giusto abbigliamento, è possibile avventurarsi in percorsi in quota, muovendosi da albero ad albero in tutta sicurezza. La difficoltà aumenta in maniera graduale e il personale esperto consiglierà con dovizia tutti gli step da compiere per affrontare il percorso più complicato. Il tutto si svolgerà mentre sarete sospesi tra alberi, ponti tibetani e carrucole.

Per gli amanti dell’avventura sono offerte anche altre attività come il trekking nei sentieri garfagnini e, per gli escursionisti esperti, vari itinerari da svolgere in bicicletta.

👉 Leggi anche:Il Buffardello, dispettoso folletto che popola i boschi della Garfagnana

Bambina su una carrucola nel Parco Avventura Selva del Buffardello

Ponte della Villetta, capolavoro dell’architettura ferroviaria

Il Ponte della Villetta è molto importante nella rete ferroviaria italiana e presenta ben 14 archi, con un’altezza massima di 54 metri. La sua funzione è collegare la stazione di Poggio – Careggine – Vagli a quella di Villetta – San Romano in Garfagnana, ma offre anche uno spettacolare scorcio della Garfagnana sia guardando dal treno, sia dalla strada.

Il ponte è, infatti, ben visibile da entrambe le vie di comunicazione della Garfagnana. Durante la Seconda Guerra Mondiale i tedeschi lo bombardarono; i resti di parte del ponte sono ancora inabissati nel sottostante fiume Serchio, a memoria delle sofferenze causate dal conflitto bellico. Dopo la ricostruzione, il Ponte della Villetta è stato fornito di una peculiarità: un camminamento pedonale percorribile anche se a 20 centimetri dal treno.

Il Ponte delle Villetta in Garfagnana

Vedendo la costruzione, a molti può ricordare qualcosa… Il Ponte della Villetta infatti è simile ad un suo collega immaginario: quello percorso dal Hogwarts Express nella saga di Harry Potter. In effetti, anche la Garfagnana ha la sua buona dose di magia.

📍 PER APPROFONDIRE:

👉 Il paese di Gallicano: il confine della Garfagnana

👉 Un percorso a piedi per scoprire Castelnuovo di Garfagnana

👉 Parco dell’Orecchiella in Garfagnana: un tuffo nella natura

La Toscana è la tua passione? Anche la nostra!

Teniamoci in contatto

 


Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti