Pisa, città dalle numerose attrazioni. C’è chi pensa che visitare un capoluogo d’arte in un weekend, sia un’impresa impossibile. E qui vi sbagliate, perché ci siamo noi di TuscanyPeople! Il nostro consiglio, è sempre quello di conoscere con calma le nostre incantevoli città ricche di storia, ma se il tempo tiranno non permette di prolungare i giorni di viaggio, ecco i nostri suggerimenti, per visitare Pisa in un weekend.

Visitare Pisa in un weekend? Tutto è possibile!

Attraverso un tuscany tour, appositamente studiato per soddisfare ogni vostra esigenza, scopriremo insieme come appagare tutti e 5 i sensi, visitando la meravigliosa e antichissima città di Pisa in un weekend.

Pisa, odi et amo

A proposito, sapevate che Pisa ha dato i natali ad illustri personaggi come Galileo Galilei, e Leonardo Pisano detto Il Fibonacci? E che Giacomo Leopardi, fosse perdutamente innamorato dei suoi lungarni?

Visitare Pisa in weekend permette di: esplorare la città, concedersi un pranzo di pesce alla foce dell'Arno e scoprire il Parco di San Rossore

Ma non è finita qui. Esiste un atavico livore che si perde dalla notte dei tempi, tra pisani e fiorentini, e tra pisani e livornesi. Se avrete occasione di parlare con un pisano DOC, durante il vostro weekend, fatevi raccontare dei numerosi aforismi ironici. Cari lettori, come avrete capito, qui in Toscana non ci facciamo mancare proprio niente!

Contrariamente alle antiche credenze, noi di TuscanyPeople amiamo indistintamente tutta la Toscana e non abbiamo quindi alcun tipo di preferenza tra una città e l’altra. Anzi, siamo sicuri che se la visiterete, ne rimarrete incantanti.

Come innamorarsi di Pisa in un weekend

Durante il nostro speciale Tuscany tour: Come innamorarsi di Pisa in un weekend, iniziate la visita dalla bella e curata Piazza Vittorio Emanuele II, dove primeggia centralmente il monumento a Vittorio Emanuele II, datato 1890.

Visitare Pisa in weekend permette di: esplorare la città, concedersi un pranzo di pesce alla foce dell'Arno e scoprire il Parco di San Rossore

Per la sua realizzazione avvenuta a fine XIX secolo, furono abbattute Porta di San Gilio, e le preesistenti mura medievali. Si distinguono due edifici di pregio, in stile neogotico del 1929: il Palazzo delle Poste e della Provincia, all’epoca chiamato Palazzo Littorio.

Se amate l’arte contemporanea, approfittate della vicinanza, per recarvi in Piazzetta Haring, dedicata all’artista omonimo Keith Haring. Osservate lo splendido murale intitolato Tuttomondo, realizzato sulla facciata della Chiesa di Sant’Antonio Abate. Non troverete in tutta Europa, un altro murale dell’artista di tali dimensioni, perché quello di Pisa, è l’unico concepito per essere permanente.

Percorrete Corso Italia, conosciuta anche come la via dello shopping che conduce al centro storico, il cuore della città. Tra una vetrina e l’altra, apprezzerete le palazzine storiche, che si susseguono ai lati del corso. Incontrerete tra gli anfratti dei vicoli che vi confluiscono, numerose tracce di streetart, spesso accompagnate da simpatiche frasi.

I lungarni di Pisa e Santa Maria della Spina

Visitando Pisa in un weekend, non perdete l’occasione di concedervi una bella passeggiata lungo i lungarni. Entrambe le sponde, offrono un’eccezionale visuale sull’architettura cittadina.

Visitare Pisa in weekend permette di: esplorare la città, concedersi un pranzo di pesce alla foce dell'Arno e scoprire il Parco di San Rossore

Visitate la Chiesa di Santa Maria della Spina, stupefacente esempio di architettura gotico pisana del 1230. Originariamente, sorgeva al livello del letto del fiume Arno. In seguito, fu letteralmente smontata e fedelmente ricostruita ad un livello superiore, per salvaguardarne la sua stabilità.

Lungo il cammino, incontrerete il prestigioso ed inconfondibile Palazzo Blu, che raccomandiamo di visitare, perché ospita costantemente importanti mostre internazionali.

Arrivate alla Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno, in stile romanico, conosciuta come il Duomo vecchio, risalente al 925 circa. Sul retro della chiesa, troverete la Cappella di Sant’Agata. La struttura, sempre in stile romanico, e dalla particolare pianta ottagonale a copertura piramidale, fu edificata nel 1063. Inizialmente era collegata ad edifici medievali, demoliti dopo la Seconda guerra mondiale.

Giardino Scotto e Fortezza Nuova

Scoprendo Pisa in un weekend, vi accorgerete che non è composta di soli splendidi monumenti, ma è anche ricca di curate aree verdi.

Visitare Pisa in weekend permette di: esplorare la città, concedersi un pranzo di pesce alla foce dell'Arno e scoprire il Parco di San Rossore

Suggeriamo di fare una pausa rilassante al Giardino Scotto, circondati dalla natura del parco cittadino. Ammirate la Fortezza Nuova o Cittadella Nuova, costruita dai fiorentini nel XVI secolo, a seguito della conquista di Pisa.

Piazza delle Vettovaglie

Superando Ponte di Mezzo, così chiamato perché idealmente posto al centro della città, arriverete a Borgo Stretto, caratterizzato da splendidi portici. Immancabile durante la vostra visita di Pisa in un weekend, è la sosta nella particolare Piazza delle Vettovaglie. Un tempo chiamata “Piassa de’ Porci”, era originariamente sede del mercato alimentare, e realizzata sul modello di un chiostro monastico quattrocentesco.

La pausa pranzo, è sempre un momento da assaporare con appagamento, per permettere di riprendere la visita di Pisa, con rinnovato entusiasmo. A questo proposito, abbiamo selezionato Pizzeria Il Montino, una vera istituzione in città, dove assaggerete la cecìna più buona di Pisa. Fate attenzione a non confondervi!

Visitare Pisa in weekend permette di: esplorare la città, concedersi un pranzo di pesce alla foce dell'Arno e scoprire il Parco di San Rossore

Questa specialità culinaria, si chiama cecìna a Pisa, mentre a Livorno torta (torta di ceci) e costituisce la base del 5 e 5, lo street food livornese per eccellenza. Mai invertire i due nomi, a meno che non vogliate far arrabbiare qualcuno e prendersi due zuppe (come si dice a Pisa).

Chiesa di San Nicola e Piazza dei Cavalieri

Durante il vostro viaggio alla scoperta di Pisa in un weekend, suggeriamo anche di visitare la Chiesa di San Nicola. La tradizione, vuole che fosse realizzata per volere del Marchese Ugo di Tuscia nel X secolo. All’interno del campanile, vi è una bellissima ed interessante scala a chioccola, che ripercorre il cilindro interno della struttura.

Non distante, arriverete a Piazza dei Cavalieri, il cui assetto attuale è merito di Giorgio Vasari, su commissione di Cosimo I de’ Medici nel 1558. La piazza, una tra le più importanti e più suggestive di Pisa, è sede di numerosi edifici prestigiosi, come Palazzo della Carovana, sede dell’autorevole Scuola Normale. Si succedono, la Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri, Palazzo della Canonica, Palazzo del Collegio Puteano, la Chiesa di San Rocco, ed il famoso Palazzo dell’Orologio. Parlando di quest’ultimo edificio, forse non tutti sanno, che in origine sorgevano due torri, successivamente unite per realizzare il palazzo in oggetto.

Visitare Pisa in weekend permette di: esplorare la città, concedersi un pranzo di pesce alla foce dell'Arno e scoprire il Parco di San Rossore

Una delle torri, chiamata Torre della Muda o Torre della Fame, divenne carcere nel 1289, ed ospitò il famoso Conte Ugolino della Gherardesca, menzionato da Dante Alighieri nel XXIII Canto dell’Inferno.

Piazza dei Miracoli: il complesso monumentale più grande d’Europa

Non dimenticate di fare una sosta all’Orto Botanico e al rispettivo Museo. Dal delizioso laghetto di ninfee, godrete di una particolare vista della Torre Pendente (ma lo sapevate che a Pisa ci sono ben 3 torri pendenti?).

Potevamo chiudere il tour Come godersi Pisa in un weekend, tralasciando l’intramontabile Piazza dei Miracoli? Impossibile! Il Duomo, il Battistero, il Camposanto Monumentale e  il bellissimo Museo delle Sinopie, simboleggiano i monumenti distintivi della città.

Visitare Pisa in weekend permette di: esplorare la città, concedersi un pranzo di pesce alla foce dell'Arno e scoprire il Parco di San Rossore

Piccola curiosità: si narra, che la piazza inizialmente si chiamasse Piazza del Duomo, e fu grazie a Gabriele D’Annunzio che prese il nome di Piazza dei Miracoli. Citandola in uno dei suoi libri, “Forse che sì, forse che no“, la definì dei miracoli, per la bellezza dei suoi monumenti. È infatti indiscusso il motivo, per cui siano così apprezzati e conosciuti. Dal punto di vista architettonico, rappresentano un capolavoro di stile romanico pisano, e costituiscono il complesso monumentale medievale più grande d’Europa, inserito tra i Patrimoni dell’Unesco nel 1987.

La Torre di Pisa

No, non abbiamo dimenticato il simbolo di Pisa, opera d’arte, ammirata ed apprezzata in tutto il mondo. Sì, stiamo parlando della meravigliosa Torre Pendente. Quanti di voi, hanno ceduto al fascino di rito, di fotografarsi nell’atto di reggerla con una mano? Non perdete l’occasione di salire sulla cima, apprezzando il bel panorama urbano sulla città. Avrete poi tutto il tempo che volete, per oziare nell’ampio prato che delimita la piazza.

Se vi piace camminare, durante la vostra scoperta di Pisa  in un weekend, percorrete le vecchie mura. Partendo da Piazza dei Miracoli, si estendono per circa 3 chilometri, lungo un agevole e gradevole camminamento.

Visitare Pisa in weekend permette di: esplorare la città, concedersi un pranzo di pesce alla foce dell'Arno e scoprire il Parco di San Rossore

Dove mangiare a Pisa

La sera si avvicina, ed arriva il momento, di dedicarsi ad una meritata e gustosa cena. Le nostre preferenze sono ricadute su due ristoranti, certi che incontreranno i vostri consensi. Ristorante Galileo, che in un bell’ambiente curato, offre piatti tipici e genuini, con pasta fresca fatta a mano. Altra proposta è La Pergoletta, dalla suggestiva pergola secolare all’interno della veranda, dove intrattenervi per una cena tipica, in ambiente ricercato.

Dove dormire a Pisa

Dubbi su dove dormire a Pisa? Abbiamo pensato anche a questo! La nostra scelta è l’incantevole Hotel Novecento. Posto in zona centrale all’interno di un edificio storico, dai sorprendenti affacci interni sul verde, e dall’arredamento realizzato da importanti designer.

Cosa vedere nei dintorni di Pisa

E il giorno dopo, vi chiederete voi? Le opzioni sono davvero tante!

Visitare Pisa in weekend permette di: esplorare la città, concedersi un pranzo di pesce alla foce dell'Arno e scoprire il Parco di San Rossore

Una visita al bellissimo Parco di San Rossore durante la mattinata, un ottimo pranzo di pesce lungo le sponde della foce dell’Arno e poi pennichella (ringraziamo gli amici romani per questo termine che racchiude tutta l’essenza del pisolino post pranzo) sulla spiaggia a Marina di Vecchiano. Se non siete amanti del mare, nel pomeriggio vi consigliamo di andare a visitare la spettacolare Certosa di Calci.

Che ve ne pare come programma?

Chi vive in Toscana non si domanda perché ci vive, o non se lo domanda spesso, noi sappiamo bene il perché. Ma se dovessi spiegarlo a chi non ci vive, aggiungeresti qualcosa di diverso da quanto abbiamo detto noi? Scrivici, siamo molto curiosi.

Hai un’attività in Toscana? cerchi visibilità?

Raccontaci la tua Storia

 

Dal Febbraio 2014 in migliaia hanno cliccato qui sopra e centinaia hanno raccontato la loro storia. Vuoi conoscerne alcuni? (link)


Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Commenti

Commenti