Chi ha detto che i giovani d’oggi non hanno spirito imprenditoriale e voglia di lavorare, probabilmente dovrebbe fare la conoscenza di Ginevra e Ludovica Santedicola e Aurora Rossi, le tre giovani ragazze fiorentine che gestiscono lo Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant. Pensate che la somma delle loro età è 75 anni.

Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant: un secret restaurant nel cuore di Firenze

L’appuntamento è presso lo Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant uno dei secret restaurant di Firenze. Perché secret restaurant? Perché il ristorante non è visibile dall’esterno, è custodito all’interno del bellissimo edificio in stile barocco, che un tempo accoglieva il Tribunale di Firenze. Lo troverete al piano terreno in un’intima saletta, con annesso il rilassante dehors allestito nel cortile.

Ai piani superiori dell’incantevole struttura, si trova la sede della Fondazione Zeffirelli, da cui prende il nome il ristorante, dove è possibile visitare il Museo dedicato al Maestro, la Biblioteca ed il Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo. La loro realizzazione, è stata fortemente voluta dal compianto Maestro Franco Zeffirelli, recentemente scomparso, e a cui Firenze ha dato i natali. Sarà lo stesso capoluogo, città a cui è sempre rimasto legato, ad accoglierlo; riposerà infatti, nella cappella di famiglia del cimitero monumentale delle Porte Sante, a San Miniato al Monte.

Abbiamo fatto due chiacchiere con Aurora, Ginevra e Ludovica le tre giovani imprenditrici alla guida dello Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant.

Zeffirelli's Tea Room Bar&Restaurant: un locale chic nel vecchio Tribunale fiorentino

Come è nata questa attività e da chi è composta?

Ludovica: La società che gestisce lo Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant è mia e di Ginevra. Abbiamo conosciuto questo spazio, tramite mia mamma, Anna Maria Tossani (n.d.r. nota giornalista enogastronomica), che contattata da Pippo Zeffirelli per un consiglio sull’arredo e sul bon-ton, si innamorò della location. Parlandone con Ginevra, pensammo di fondare una nostra società, proponendo a Pippo Zeffirelli, di organizzare il catering per gli eventi, gestendo anche il ristorante e bar.

Avevo già esperienza nell’organizzazione di catering, perché sono titolare di una società operante nel settore, che gestisco personalmente. La proposta piacque, ed eccoci qui! Successivamente abbiamo invitato in squadra nostra cugina Aurora, più sorella che cugina. Siamo cresciute insieme e ci unisce un affetto profondo.

Gli Stati Generali della Ristorazione

Ginevra: Aurora tra l’altro, si laureerà a luglio in scienze della comunicazione con il Prof. Ciuffoletti. La sua tesi si basa su un’iniziativa imprenditoriale nata recentemente, Gli Stati Generali della Ristorazione. Ludovica aderisce al progetto, in qualità di membro più giovane.

Ne fanno parte anche il Presidente Marco Stabile (Chef dell’Ora d’Aria), e Annie Feolde (Enoteca Pinchiorri). Io invece sono laureata in filosofia, e sebbene mi appassionino molto i miei studi, sentivo la necessità dopo la laurea, di fare qualcosa di più attivo. La proposta di Ludovica inoltre, ha permesso di realizzare quello che fin da bambine, era il nostro grande sogno in comune: creare un’attività famigliare.

Zeffirelli's Tea Room Bar&Restaurant: un locale chic nel vecchio Tribunale fiorentino

Cosa significa diventare imprenditrici a vent’anni?

Ludovica: Bella sensazione, anche se con qualche difficoltà iniziale, soprattutto il primo anno. Gestire lo Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant, solo noi tre, è stata una sfida. Non avevamo una guida che ci indicasse cosa fare. Ho anche sopperito alla figura mancante in cucina, condizione tutt’altro che semplice, considerando che non avevo esperienza specifica. Non mi sono persa d’animo. Ho iniziato a preparare piatti gustosi e di facile realizzazione. Mi impegno costantemente nell’affinare la tecnica.

Ero consapevole di come funzionasse l’attività di un ristorante, ma non dal punto di vista imprenditoriale. Ho iniziato a lavorare come cameriera all’età di 17 anni, presso il Four Seasons, Chalet Fontana e Villa Cora.

Contemporaneamente studiavo per diventare organizzatrice di eventi, lavorando anche per un’agenzia di catering, che poi mi propose di aiutarli nell’organizzazione delle loro manifestazioni. Mi concentrai esclusivamente su questa attività. Con l’avventura dello Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant, ho presto capito, che la ristorazione ed il bar, hanno un meccanismo totalmente diverso.

Zeffirelli's Tea Room Bar&Restaurant: un locale chic nel vecchio Tribunale fiorentino

La vita del ristoratore impegna molto, festività incluse, riuscite a conciliare lavoro e vita sociale?

(sorridono all’unisono)

Ludovica: Vita sociale? pressoché inesistente, soprattutto durante il periodo degli eventi e degli spettacoli, che si svolgono prevalentemente da primavera in poi. Il nostro impegno inizia la mattina, e termina quando è tutto pronto per la riapertura. Insieme al catering, ci occupiamo anche di posizionare tavoli, mise en place, addobbi floreali e rassettare a fine manifestazione.

Aurora: Abbiamo libero il lunedì, che poi si trasforma nel giorno più frenetico, per il numero delle commissioni da sbrigare. Nonostante tutto, Ginevra è anche riuscita a sposarsi lo scorso agosto.

Ginevra: Ma non sono ancora andata in viaggio di nozze! Scegliendo di fare tutto da sole, il tempo disponibile è limitato. Ci siamo inizialmente appoggiate a professionisti, ma  apprendere personalmente sul campo, è molto più formante.

Zeffirelli's Tea Room Bar&Restaurant: un locale chic nel vecchio Tribunale fiorentino

Avete fornitori di fiducia per l’acquisto delle materie prime?

Ludovica: Non abbiamo fornitori, compro personalmente ciò che serve. Amo scegliere i prodotti affidandomi a piccole realtà, perché sinonimo di genuinità. Fanno eccezione, Caffè Mokarico e LP Carni di Lelio Cellai, che commercia prodotti provenienti dal Mugello. Per quanto riguarda i vini, ci avvaliamo di Cupelli Spumanti, gestita al femminile da ragazze come noi, dell’Azienda Bulichella e Tenuta Agricola Torre a Cenaia. 

A quest’ultima ci accumuna il motto “Per non dormire”, appartenuto ai Marchesi Bartolini Salimbeni, primi proprietari della tenuta, da cui discende mia mamma. Il motto, oltre ad essere il nome di un loro vino, peraltro scoperto casualmente da mio padre, è anche il nome della mia attività di catering. Entusiaste della scoperta contattammo l’azienda, e così nacque la nostra collaborazione. 

Parliamo del menu dello Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant, chi ispira i vostri piatti?

Ludovica: Io gestisco il menu che cambio mensilmente, basandomi sulla stagionalità e quello che detta il mio estro. Molti piatti anche vegani, sono ideati da me.

Ginevra: Studia le combinazioni la notte e ce le propone.

Aurora: Riceviamo messaggi anche alle 3 di mattina con le idee per nuovi piatti, che poi ci sottopone all’assaggio e commentiamo insieme.

Zeffirelli's Tea Room Bar&Restaurant: un locale chic nel vecchio Tribunale fiorentino

È vero che nel menu, proponete piatti del ricettario della Vige, la storica tata del Maestro Zeffirelli?

Ludovica: Sì è vero. Abbiamo proposto diversi piatti, tratti dal ricettario originale della tata del Maestro, vissuta al suo fianco fin dall’età di 16 anni. Presenze costanti del nostro menu, sono le polpette e gli spaghetti al pomodoro.

Visitando la vostra pagina Instagram, si riconoscono volti noti: Luca Calvani, Maurizio Aiello, Linus, Serra Yilmaz e tanti altri

Ginevra: Abbiamo avuto il piacere di conoscere personaggi dello spettacolo. Il Museo del Maestro Zeffirelli ed i vari eventi, richiamano numerose personalità, ma lavoriamo molto anche sul passa parola. Generalmente mandiamo avanti Aurora per chiedere di fare una foto.

Aurora: Sì, sono sempre io seppur nell’imbarazzo, che chiedo di immortalare il momento.

Progetti per il futuro? Dove vi immaginate tra 10 anni?

Ludovica: L’idea è di proseguire il nostro lavoro con costanza e dedizione. Ci piacerebbe, oltre che continuare con lo Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant aprire altri locali. Chissà, magari a Londra, dove vive la nostra amica Lidia Rossi, che è un’importante ristoratrice.

Prendiamo d’esempio Annie Feolde e Giorgio Pinchiorri, che posseggono già tre stelle Michelin, e quest’anno hanno guadagnato la prima stella all’estero, nel loro ristorante di Nagoya in Giappone. Mantengono un’altissima qualità, perché supervisionano personalmente i loro locali con attenzione, ed immutata passione.

Ginevra: Sì, vogliamo mantenere vivo questo sogno. Col tempo, mi piacerebbe specializzarmi in quello che più amo: ovvero il customer care e il floral design.

Aurora: Non so cosa mi riserverà il futuro, ho 22 anni e devo laurearmi. Il sogno comune di lavorare insieme permane, mi sto sempre più appassionando al settore, lo dimostra la tesi che presto discuterò. È tutto in divenire.

Zeffirelli's Tea Room Bar&Restaurant: un locale chic nel vecchio Tribunale fiorentino

Zeffirelli’s Tea Room Bar&Restaurant: cortesia, cura dei dettagli e buon cibo, accortezze che non è scontato ricevere.

Un trio brillante e volenterosochapeau ragazze, ci rivediamo presto!

Paese che vai, usanza che trovi. In Toscana, tanto la nostra cultura culinaria è variegata, potremmo anche parafrasare: città che vai, piatto che trovi. Perché allora non ci racconti i piatti tipici della tua zona? Oltre che curiosi siamo anche golosi. Scrivici.

Raccontaci la tua Storia

 

Dal Febbraio 2014 in migliaia hanno cliccato qui sopra e centinaia hanno raccontato la loro storia. Vuoi conoscerne alcuni? (link)


Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Commenti

Commenti