Si è conclusa da pochissimo (lunedì 13 Maggio 2019) la Florence Cocktail Week 2019, che dal 6 al 12 Maggio ha trasformato Firenze nella capitale italiana della miscelazione internazionale.
A livello regionale il vincitore è stato Nicolò Pedreschi, del Makutu Tiki Bar di Livorno, col suo Signature Cocktail Monkey Jumpy Panky, dedicato quest’anno al Negroni, per il centenario della creazione.

Florence Cocktail Week 2019: Firenze la capitale italiana del Mixology

La Florence Cocktail Week 2019 ha avuto il merito di riunire grandi esperti del settore, stampa specializzata, professionisti da tutta Italia e dal mondo, insieme agli appassionati del bartendering in crescita esponenziale ogni anno.

La Florence Cocktail Week 2019 ha visto la partecipazione di 30 cocktail bar di Firenze, ospiti internazionali e 267 cocktail creati ad hoc

Gli ideatori della kermesse, Paola Mencarelli e Lorenzo Nigro, sottolineano infatti come il merito di Florence Cocktail Week sia quello di contribuire a creare una cultura del bere sempre più consapevole e indirizzata alla qualità e alla scelta di materie prime di alto livello.

30 cocktail bar a Firenze

Elemento portante dell’evento è stata la selezione dei 30 cocktail bar – tra bar di alberghi, caffè storici, e locali di tendenza fiorentini – i cui bartender hanno dato libero sfogo per una settimana alla loro creatività con un signature cocktail dedicato al Centenario del Negroni, storico cocktail fiorentino, e una cocktail list studiata ad hoc, animando una manifestazione itinerante che ha coinvolto l’intera città.

Io, nel mio piccolo, dalle 19:00 alle 23:50 di sabato 11, in una serata particolarmente dolce di questo freddo maggio, mi sono girato, magno cum gaudio, 4 bar di hotel.

La Florence Cocktail Week 2019 ha visto la partecipazione di 30 cocktail bar di Firenze, ospiti internazionali e 267 cocktail creati ad hoc

Empireo del Plaza Hotel Lucchesi

Ho iniziato con l’Empireo del Plaza Hotel Lucchesi, sul Lungarno della Zecca vecchia – terrazza fantastica in cima al tetto – in cui mi sono gustato “Camillo”. Realizzato dai bartender Lorenzo Bianco ed Eleonora Contessi, Camillo è un mix di 3 cl di Ginarte Premium Dry Gin, 1,5 cl di Campari Bitter, 3,5 cl di Vino del Conte Homemade, 1 cl di acqua di mare, oltre a lamponi, petali di rosa e polvere di fava Tonka. Armonico, intenso, floreale, buon tono alcolico.

Atrium Bar del Four Seasons

Mi sono poi spostato all’Atrium del Four Seasons Hotel, in Borgo Pinti, in cui Edoardo Sandri e Simone Corsini, ormai gloriosi bartender, hanno tirato fuori un ottimo “Negroni Completo”:  5 cl di Ginarte Premium Dry Gin, 2 cl di Etna Bitter, 2 cl di Martini Riserva Speciale Ambrato Vermouth, 1 cl di consomme’ di lampredotto chiarificato, 1.5 cl di salsa di prezzemolo acidificata, 1.5 cl di sciroppo al peperoncino, 0.5 cl di soluzione salina, 2 cl di Fill Leonia Brut Pomino doc 2015 Marchesi Frescobaldi, e infine essenza di pepe nero.
Il cocktail incontra l’emblema della tradizione gastronomica popolare cittadina, il lampredotto, bagnato con salsa verde piccante, sale e pepe. Il Leonia Frescobaldi rende armoniosi gli equilibri.

La Florence Cocktail Week 2019 ha visto la partecipazione di 30 cocktail bar di Firenze, ospiti internazionali e 267 cocktail creati ad hoc

Hotel Savoy

Quindi, eccomi trasferito in Piazza della Repubblica, nientemeno che all’Hotel Savoy, in cui il bartender Denis Giuliani, del bar Irene Firenze, proponeva il suo “InfusioNegroni”: 3 cl di Martin Miller’s London Dry Gin, 3 cl di Campari Bitter infuso con fiori di camomilla e scorze di limone, 3 cl di Martini Riserva Speciale Rubino Vermouth infuso alle bacche di vaniglia.
Fusione tra passato e presente, il cocktail è il risultato di una ricetta classica arricchita da note floreali e agrumate date dal Campari infuso con fiori di camomilla e scorze di limone, oltre a note speziate rilasciate dal vermouth infuso alle bacche di vaniglia, per infondere un gusto più complesso.

Picteau Cocktail Bar dell’Hotel Lungarno

Finisco degnamente il mio mixology-tour della Florence Cocktail Week 2019 col Picteau Cocktail Bar dell’Hotel Lungarno dove i bartender Marco Colonnelli e Vincenzo Civita hanno dato vita a un superbo cocktail “Il conte di Picche”: 4 cl di Winestillery Old Tom Gin, 3 cl di Blend di Amari Nardini (Rabarbaro 60%, Bitter 30%, Fernet 10%), 3,5 cl Vino di Lamponi fermentato homemade,

Il cocktail gioca sul contrasto contrapponendo l’Old Tom Gin con un’autorevole spessità amara fornita da spezie, erbe e agrumi. Dolce e amaro sapientemente miscelati insieme.

La Florence Cocktail Week 2019 ha visto la partecipazione di 30 cocktail bar di Firenze, ospiti internazionali e 267 cocktail creati ad hoc

Florence Cocktail Week: una kermesse internazionale

A conferma che la Florence Cocktail Week 2019 sia stato l’evento più importante in questo settore di quest’anno, ci sono state le numerose masterclass e gli incontri con alcuni nomi altisonanti del panorama internazionale: Antonio Naranjo – Bar Owner Dr. Stravinsky, Barcelona (XC World’s 50 Best Bars 2018) -, Vasilis Kyritsis – dal The Clumsies, Atene –  VII World’s 50 Best Bars 2018-, Peter Dorelli – Educational Officer and National Ambassador UK Bartenders Guild, Londra -, Mauro Mahjoub  -“The King of Negroni” da Monaco di Baviera -, Pippa Guy – Senior Bartender, American Bar at The Savoy, Londra (II World’s 50 Best Bars 2018).

Non potevano inoltre mancare barman italiani che tengono alta la nostra bandiera all’estero, come Salvatore Calabrese “The Maestro”, uno dei barman italiani più conosciuti al mondo e proprietario del Salvatore’s di Londra.

La Florence Cocktail Week 2019 ha visto la partecipazione di 30 cocktail bar di Firenze, ospiti internazionali e 267 cocktail creati ad hoc

Tra gli ospiti anche Anistatia Miller e Jared Brown, Award – winning drinks historians da Londra e David Wondrich da New York-, tra i massimi storici ed esperti mondiali del mondo della mixology.

Florence Cocktail Week Ceremony Awards

Il consueto Contest tra bartender fiorentini quest’anno è stato sostituito dalla FCW Ceremony Awards. L’appuntamento si è tenuto domenica 12 maggio presso il Fabbricato Viaggiatori in cui i main-sponsor hanno premiato i vincitori.
La stessa domenica 12 maggio si è tenuto il Contest Finale della Tuscany Cocktail Week che, dalla selezione  dei 49 cocktail bar in gara dall’intera regione, ha visto sfidarsi i 3 bartender dei 3 cocktail bar giunti in finale.

La Florence Cocktail Week 2019 ha visto la partecipazione di 30 cocktail bar di Firenze, ospiti internazionali e 267 cocktail creati ad hoc

A eleggere i vincitori di Tuscany Cocktail Week, una giuria d’eccezione rafforzata da nomi di spicco del mondo della miscelazione contemporanea quali Flavio Angiolillo – Bar Owner Mag Cafè, 1930 Cocktail Bar, Backdoor43, Barba, Iter -, gli special guest Babis Kaidalidis – organizzatore dell’Athens Bar Show -,  David Wondrich – Drinks historian e autore di Imbibe e Punch, NY -, oltre a Federico de Cesare Viola – Brand Ambassador e Direttore Editoriale Food&Wine Italia. A presentare il contest Federico Quaranta, conduttore televisivo e radiofonico.

Contest Tuscany Cocktail Week

Ad aggiudicarsi questa edizione del Contest Tuscany Cocktail Week è stato, come accennato, Nicolò Pedreschi del Makutu Tiki Bar di Livorno con il suo Monkey Jumpy.
Davanti alla stessa giuria si sono sfidati i partecipanti al  “Contest Giovane Talento under 25” – aperto a scuole di formazione e giovani professionisti – che premia le nuove leve della miscelazione fiorentina. Per questa edizione, Simone Covan, del Bar Varenne – Firenze si è aggiudicato l’ambito premio.

La Florence Cocktail Week 2019 ha visto la partecipazione di 30 cocktail bar di Firenze, ospiti internazionali e 267 cocktail creati ad hoc

Insomma, un successo su tutta la linea come testimoniano bene questi numeri riassuntivi della Florence Cocktail Week 2019: una rassegna lunga 7 giorni; 30 cocktail bar; 30 signature cocktail; 267 cocktail creati ad hoc; 35 relatori fra bartender ed esperti del settore; 40 appuntamenti tra masterclass, seminari ed eventi; 10 guest internazionali; 33 aziende sponsor.

Dobbiamo aggiungere altro?

E tu, di che cocktail sei? Scrivi la tua mixology preferita e ti risponderemo.

Gestisci un bar in Toscana e vuoi maggiore visibilità?

Clicca qui

 

Dal Febbraio 2014 in migliaia hanno cliccato qui sopra e centinaia hanno raccontato la loro storia. Vuoi conoscerne alcuni? (link)


Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Commenti

Commenti