Montenero d’Orcia e Montegiovi sono due delle frazioni che fanno parte del Comune di Castel del Piano, uno dei più suggestivi del Monte Amiata, in Maremma. Entrambi hanno una lunga storia da raccontare e monumenti civili e religiosi da visitare.

Montegiovi: l’antico borgo sul poggio roccioso

Montegiovi (mappa) è una frazione di Castel del Piano situata su un poggio roccioso; citata anche dal poeta fiorentino Cecco Angiolieri nel suo sonetto “Se io avessi un sacco di fiorini“, ha visto il passaggio di Santa Caterina da Siena, che vi sostò nel 1377, e le sue origini si fanno risalire al XIII secolo.

Nel 1368 Montegiovi divenne proprietà della famiglia senese dei Salimbeni, ed ancora oggi, durante il Palio di Castel del Piano, il gonfalone della comunità di Montegiovi porta il simbolo della famiglia.  Oltre che lo stemma dei Salimbeni, Montegiovi ne aveva anche un altro, che si vede anche sulla lapide del Monumento ai Caduti che si trova nella piazza principale del paese.Montegiovi e Montenero d'Orcia sono le frazioni di Castel di Piano in Val d'Orcia, bellissimi borghi toscani da visitare, ricchi di tradizione e storia.

Nel corso del XV secolo Montegiovi entrò a far parte del dominio diretto della Repubblica di Siena, poi, dopo il passaggio al Granducato di Toscana, nel 1555, divenne parte del comune di Castel del Piano e successivamente fu annesso al Regno d’Italia.

 

Cosa vedere a Montegiovi

Nel suo territorio fu eretto un castello, del quale attualmente rimangono solo poche tracce, una porta ad arco ed un torrione, a pianta poligonale, ma nei pressi si trova una delle attrattive turistiche del paese, la Cappella di Sant’Elena, costruita nel secolo XI ed all’interno della quale è presente il dipinto “Sant’Elena e il ritrovamento della vera croce“, che secondo la tradizione locale è attribuibile alla scuola nasiniana.Montegiovi e Montenero d'Orcia sono le frazioni di Castel di Piano in Val d'Orcia, bellissimi borghi toscani da visitare, ricchi di tradizione e storia.

Altra chiesa di valore è quella di San Martino, costruita nel corso del secolo XIII, che ospita molti dipinti, tra i quali la “Madonna del Rosario“, dipinta da Francesco Nasini, ed una raffigurazione seicentesca di Santa Caterina, che viene attribuita al Vanni.

L’Oratorio, o Chiesa della Madonna degli Schiavi, situata proprio all’ingresso di Montegiovi, conserva al suo interno un affresco intitolato “Madonna col Bambino“, che alcuni critici ritengono sia stato realizzato da un artista della scuola di Simone Martini. Nell’antichità Montegiovi era circondato da mura, delle quali ad oggi rimangono solo alcune parti, come porta Sant’Elena, dalla quale si può entrare nel vero e proprio centro storico del paese. Un altro tratto, nella zona sud-occidentale, che era probabilmente un antico cassero, sporge dopo essere stato circondato nelle abitazioni.Montegiovi e Montenero d'Orcia sono le frazioni di Castel di Piano in Val d'Orcia, bellissimi borghi toscani da visitare, ricchi di tradizione e storia.

Montenero d’Orcia: dalle origini etrusche all’Italia unita

Le origini di Montenero d’Orcia (mappa) risalgono all’antichità; nel suo territorio infatti, in località Monte Salario, sono stati ritrovati resti di una necropoli etrusca, datata tra il III ed il II secolo a.C. tra cui alcune urne recanti iscrizioni e vasi cinerari, attualmente in mostra al Museo Civico di La Spezia. Dalle iscrizioni si è potuti risalire ad una famiglia gentilizia di quel periodo, i Fulni.

Il territorio di Montenero d’Orcia è stato citato in vari documenti di epoca longobarda e carolingia. In uno di questi documenti, dell’853 si parla dell’Abbazia di San Salvatore. In seguito compare il nome di Montenero, in primo luogo chiamato, nel 903, Casale Munteniru, e nel 1015 Castello di Monte Niro. Le fortificazioni di Montenero d’Orcia furono erette dagli Aldobrandeschi e dall’Abbazia di San Salvatore, riconoscendo il colle come un punto strategico per la difesa della Val d’Orcia, specialmente contro le incursioni dei pirati saraceni. Questo castello è il secondo del versante occidentale del Monte Amiata, dopo quello di Montelaterone. Successivamente vennero eretti anche quelli di Castel del Piano, Seggiano, Arcidosso e Montegiovi.Montegiovi e Montenero d'Orcia sono le frazioni di Castel di Piano in Val d'Orcia, bellissimi borghi toscani da visitare, ricchi di tradizione e storia.

Tra l’Abbazia di San Salvatore e la famiglia Aldobrandeschi ci fu una lunga contesa per il possesso del castello, ed a più riprese vennero interessati anche vari imperatori e la contessa Matilde di Canossa. I vari passaggi di potere portarono Montenero  d’Orcia ad essere un feudo dei conti Tignosi, poi dominato dalla Repubblica di Siena e successivamente dai Medici e dai Lorena, prima di entrare a far parte dell’Italia unita.

 

Montenero d’Orcia oggi

Oggi Montenero d’Orcia si presenta come un borgo toscano, appollaiato su uno sperone roccioso molto imponente, e caratterizzato da terrazzamenti e gradoni naturali, immerso in un territorio tipicamente collinare dove si producono Olio EVO I.G.P. e vino Montecucco D.O.C.,  oltre a cereali ed altri prodotti che trovano grandi apprezzamenti da parte di tutti.Montegiovi e Montenero d'Orcia sono le frazioni di Castel di Piano in Val d'Orcia, bellissimi borghi toscani da visitare, ricchi di tradizione e storia.

Importante è anche la ricettività turistica, caratterizzata da molti agriturismi dai quali si possono facilmente raggiungere numerose località limitrofe, tra cui Pitigliano, Pienza, Montepulciano ed anche il Parco Nazionale della Maremma. Nel borgo di Montenero d’Orcia meritano una visita la chiesa parrocchiale, Pieve di Santa Lucia, al cui interno si trovano una pala d’altare del 700, un’acquasantiera in travertino ed una croce dipinta probabilmente da Ambrogio Lorenzetti. Tra i monumenti civili il pozzo Mediceo, in pietra, che si trova nell’omonima piazza, e la storica Fattoria Avanzati.

 

I prodotti locali: D.O.C. (Denominazione di Orgina Controllata e I.G.P.

Tra le prelibatezze enogastronomiche un posto di rilievo è quello del vino Montecucco, una D.O.C. prodotta esclusivamente in provincia di Grosseto, e abbinabile principalmente con carni rosse e cacciagione. Il Montecucco è anche un vino da meditazione. Per promuovere questa D.O.C. e i prodotti gastronomici di questo territorio, è nata la “Strada del Vino Monteccucco e dei Sapori d’Amiata“; tra i prodotti tipici la castagna I.G.P., l’olio extra vergine di Seggiano, ed il Pecorino Toscano D.O.P., ma anche i tartufi, il miele e lo zafferano di Maremma.Montegiovi e Montenero d'Orcia sono le frazioni di Castel di Piano in Val d'Orcia, bellissimi borghi toscani da visitare, ricchi di tradizione e storia.

Montenero d’Orcia si trova lungo il secondo dei tre itinerari turistici che caratterizzano la “Strada del vino e dei Sapori d’Amiata” quello caratterizzato dal nome “Dalla Montagna alle Vigne del Montecucco“.

TuscanyPeople cerca belle storie da raccontare. Qualunque cosa tu sia, Agricoltore, Artigiano, Imprenditore, Locandiere, Oste, Viticoltore, narraci la tua.

Siamo curiosi

 


Riproduzione Riservata © Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

Redazione TuscanyPeople
Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti