Il Golfo di Baratti è un piccolo scorcio di paradiso che si snoda tra il Mar Tirreno e il Mar Ligure, a pochi passi da Piombino, sul tratto litorale toscano che da Livorno prosegue verso Grosseto. Una meta obbligata per chi voglia godersi un frammento di mondo in cui natura, storia e arte si mescolano in un caldo abbraccio senza tempo.

Come arrivare a Baratti

Arrivare a Baratti è semplice. In macchina, dalla superstrada che collega Livorno a Grosseto, si prende l’uscita “San Vincenzo” o la successiva “Venturina” e si prosegue in direzione di Piombino. Le indicazioni per Baratti si trovano sulla destra.
In treno, è possibile arrivare a San Vincenzo, a una quindicina di chilometri, e prendere un bus in direzione di Piombino: il tratto di strada che dall’arteria principale, chiamata Principessa, si snoda verso Baratti, è percorribile a piedi, una camminata di una ventina di minuti. C’è inoltre una stazione ferroviaria a Populonia collegata col golfo.

Chi c’era a Baratti prima degli Etruschi?

Il Golfo di Baratti è una delle spiagge più belle della dell'Alta Maremma: una fresca pineta, acque limpide e i resti etruschi di PopuloniaIl golfo di Baratti ha una storia antica che affonda le sue radici addirittura nel periodo villanoviano, ante-etrusco, in cui si pensa che sia stato sfruttato come porto del rame e del bronzo. Solo in un secondo momento, a partire dal VI secolo a.C., il ferro irrompe nella vita di Populonia, caratterizzandone le sorti per i secoli a venire. Ancora oggi il colore della sabbia è di un nero-argenteo-rossastro, brillante sotto i raggi del sole. Sono i residui dell’antica lavorazione del ferro, tanto che talvolta, scavando qua e là, se ne possono trovare interi pezzi.

Gli Etruschi a BarattiIl Golfo di Baratti è una delle spiagge più belle della dell'Alta Maremma: una fresca pineta, acque limpide e i resti etruschi di Populonia

Tra il IX e il IV secolo a.C., Populonia fu uno dei più importanti centri dell’Etruria, una delle dodici città stato, l’unica sul mare. Alla sua posizione, che dall’alto del Poggio del Telegrafo domina il mare su tre lati vedendo le isole dell’Arcipelago Toscano, si deve in parte la fortuna della città, da subito protagonista negli scambi commerciali del Mediterraneo (👉 Lo sapevi che l’Arcipelago Toscano è il Parco Nazionale marino più grande d’Europa?).

Il vero fil rouge che lega lo sviluppo di Populonia dalla Preistoria agli altiforni dei giorni nostri è però la presenza di giacimenti minerari che, uniti alla ricchezza di torrenti e boschi di querce da cui ricavare legname e carbone, hanno fatto di questo territorio il luogo ideale per la produzione metallurgica. Più tardi la città divenne alleata di Roma e molte sono le tracce di testimonianze architettoniche rimaste fino a oggi, oltre ai resti di cave, quartieri industriali e necropoli.

Il Parco Archeologico di Baratti e Populonia

Il Golfo di Baratti è una delle spiagge più belle della dell'Alta Maremma: una fresca pineta, acque limpide e i resti etruschi di PopuloniaAttraversando la stretta strada che percorre il golfo di Baratti fino alla sua estremità meridionale ci s’imbatte in un vero e proprio museo a cielo aperto: la necropoli, oggi parte del Parco Archeologico di Baratti e Populonia ( 👉 Scopri di più sul Parco Archeologico di Populonia). Uno scorcio di civiltà etrusca che pare aver oltrepassato la dimensione temporale per fondersi coi turisti che si rilassano sulle spiagge o coi passanti che si fermano per un caffè, una foto, o un pranzo in uno dei ristoranti caratteristici della zona.

Il Parco Archeologico di Baratti e Populonia (link) è un’area di circa 80 ettari, compresa nei parchi della Val di Cornia, raggiungibile tramite il sentiero della Via delle Cave (👉 Scopri i Parchi della Val di Cornia, le montagne toscane che profumano di mare). Al suo interno si trovano necropoli più antiche, come quelle di San Cerbone, di Casone e di Poggio alla Porcareccia, risalenti al VII-VI sec. a.C. Le famiglie aristocratiche dei “principi guerrieri” venivano sepolte insieme dentro tombe monumentali chiamate “a tumulo” o in quelle “a edicola”, simili a dei tempietti decorati internamente. Un tipo di tomba più umile e semplice è invece quella “a sarcofago” o “a cassone”, tumuli singoli, non decorati. All’esterno del Parco si trovano altre necropoli più antiche risalenti al periodo villanoviano (IX-VIII sec. a.C.).

La Buca delle Fate

Il Golfo di Baratti è una delle spiagge più belle della dell'Alta Maremma: una fresca pineta, acque limpide e i resti etruschi di PopuloniaVale davvero la pena addentrarsi nel percorso tra i boschi per raggiungere Buca delle Fate, una bellissima cala vicina: nascosti tra gli alberi, e meno definiti delle tombe della necropoli, si ergono dal suolo molti tumuli. C’è chi sostiene che siano anch’essi resti di quella che fu l’antica città dei morti

La spiaggia di Baratti

Il Golfo di Baratti è una delle spiagge più belle della dell'Alta Maremma: una fresca pineta, acque limpide e i resti etruschi di PopuloniaLa spiaggia di Baratti ha alle sue spalle una folta pineta che ogni anno, all’arrivo della primavera, si popola di visitatori. Per gli appassionati di snorkeling e immersioni, Baratti è un vero tesoro tutto da scoprire: molto  suggestiva l’enorme ricchezza dal punto di vista faunistico e floreale ma i veri tesori potrebbero anche nascondersi tra le rocce all’estremità del golfo o sotto i fondali sabbiosi che di tanto in tanto restituiscono i resti di quella civiltà così lontana e così presente, come accaduto per la famosa anfora d’argento, trovata 40 anni fa, e oggi custodita nel museo di Piombino (👉 Lo sapevi che Piazza Bovio a Piombino è considerata una delle piazze più belle d’Europa).

Il porto turistico di Baratti

Il Golfo di Baratti è una delle spiagge più belle della dell'Alta Maremma: una fresca pineta, acque limpide e i resti etruschi di PopuloniaA Baratti c’è anche un piccolo porticciolo turistico. Un tempo, tuttavia, l’attività portuale era molto più importante e redditizia e le dimensioni del porto ben diverse, così come la sua posizione: il mare ha eroso gran parte del golfo, tanto che si presume l’antico porto si trovi sommerso a una cinquantina di metri dalla riva.

Consigli per mangiare? Perla del golfo, La Pergola, I tre etruschi.

Consigli per dormire? Torre Baratti, Cascina al Colle, Glamping Poggio rosso, un ottimo campeggio di lusso.

Sei anche tu appassionato di Alta Maremma? Scrivici la tua esperienza.

Hai un’attività in Alta Maremma ma non tutti ti conoscono? Scrivici.

Clicca qui

 

Dal Febbraio 2014 in migliaia hanno cliccato qui sopra e centinaia hanno raccontato la loro storia. Vuoi conoscerne alcuni? (link)


Riproduzione Riservata © Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

Tommaso Baldassini
Publisher, Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti