Fattoria La Maliosa è un’azienda agricola maremmana (zona di Saturnia – GR) di circa 165 ettari, certificata biologica dal 2010. Vigneti, uliveti, terreni seminativi e boschivi per una produzione artigianale di vini naturali, olio EVO e miele con il Metodo Corino. La Maliosa – è un originale ecosistema agricolo a ciclo chiuso, basato sulla qualità, la bellezza e il rispetto del territorio.

Fattoria La Maliosa e Metodo Corino: sostenibilità fa rima con Maremma toscana

Questa, in pillole, l’istantanea della Fattoria La Maliosa (mappa). Ma a noi di TuscanyPeople piacciono le storie, sono la nostra vocazione, il nostro tratto distintivo. Ed è infatti una gran bella storia quella che andremo a raccontare.

 

Antonella Manuli e l’idea della fattoria super-naturaleLa Fattoria La Maliosa in Toscana è l'unica Azienda Agricola Biodinamica in Italia che segue il Metodo Corino per la produzione di vino e olio naturali.

Tutto nasce da lei, Antonella Manuli, imprenditrice cresciuta tra Italia, Svizzera e California (dove finisce gli studi universitari). Dall’89 Antonella Manuli è in Maremma. Per dieci anni, fino al 2001, amministra il Terme di Saturnia Spa Resort. Ed è qui che nasce l’idea della fattoria super-naturale: Abitando in questa zona,” – spiega Antonella Manuli – “non capivo come non venisse in mente a nessuno di creare qualcosa di estremamente naturale, salubre e sostenibile, a me sembrava talmente ovvio.

A Milano mangiavo tutto bio, qui no. Io sono una che se non trova una cosa che ritiene essenziale, la fa. Non sapevo nulla di agricoltura, però prima ancora di sapere il cosa sapevo già il come. Un progetto che comunque è stato nella mia testa per 10 anni. Ho impiegato 5 lunghi anni a trovare il terreno adatto ai miei scopi, poi nel 2008 sono partita.”

👉Leggi anche: Manciano, il cuore etrusco-medioevale della Maremma

 

L’incontro con il Professor Lorenzo CorinoLa Fattoria La Maliosa in Toscana è l'unica Azienda Agricola Biodinamica in Italia che segue il Metodo Corino per la produzione di vino e olio naturali.

Antonella Manuli aveva però bisogno di un esperto, o meglio di un vero e proprio scienziato dell’agronomia, che la capisse e realizzasse le sue idee. Qualcuno di speciale. Qualcuno come il piemontese, agronomo e ricercatore, professor Lorenzo Corino.

“Quando l’ho incontrato ci ho messo due minuti a comprendere che con lui avrei potuto fare il grande salto.” – spiega Antonella Manuli – “Abbiamo avuto fin da subito una bella dialettica: io avevo bisogno di capire, lui spiegava il perché. Questo per me è stato fondamentale: convincermi di essere sulla buona strada. E’ stato un percorso con delle sfide notevoli per entrambi, ma sempre nella logica scientifica con risultati dimostrabili.

La carriera del prof. Lorenzo Corino come dirigente presso il CRA  – Centro di Ricerca per l’Enologia di Asti – si conclude nel dicembre 2012, e subito dopo a gennaio 2013 diventa responsabile del progetto vitivinicolo della Fattoria La Maliosa dove può proseguire le sue ricerche sul campo. Ricerche che culminano in una codifica di pratiche agronomiche per il processo di produzione di uva e vino “naturale”, definite in accordo con Antonella, come riconoscimento al suo lavoro, Metodo Corino.

 

Metodo Corino: l’unico sistema per la produzione di uva e vino dotato di brevetto italiano La Fattoria La Maliosa in Toscana è l'unica Azienda Agricola Biodinamica in Italia che segue il Metodo Corino per la produzione di vino e olio naturali.

Ma non si tratta solo di un nome, è molto di più: il Metodo Corino è un marchio registrato e un brevetto: “Dopo un lungo lavoro, ma anche legale, il brevetto è ufficialmente approvato dal ministero da circa un mese.” – dichiara Antonella Manuli – Il Metodo Corino è l’unico metodo per la produzione di uva e vino “naturale” dotato di brevetto, un successo italiano. Questo perché siamo riusciti a dimostrare la nostra innovazione nel processo produttivo, soprattutto nella parte della vigna. In questo modo, tra l’altro, garantiamo totale trasparenza al consumatore.

Grande impegno viene dedicato alla gestione del terreno: in maniera misurabile viene incrementata la biodiversità e la qualità biologica del suolo. Pensi che tra prima di piantare la vigna e dopo averla piantata non cambia la QBS (qualità biologica del suolo). In altre parole: rispetto totale della vitalità e biodiversità del suolo, nessun impatto umano su di esso, noi non disturbiamo niente. Nel concetto di sostenibilità ci sono equilibri da non alterare. Equilibri che durano da secoli, a volte millenni. In questo modo otteniamo grossi vantaggi anche per ciò che concerne la longevità dei vigneti: i nostri durano 90-100 anni contro una media attuale di 18-20. Rispettiamo ancora le classiche tre generazioni umane che una volta erano una regola.”

👉Leggi anche: Bio davvero: quanto un prodotto può essere definito biologico?

 

I fattori della sostenibilitàLa Fattoria La Maliosa in Toscana è l'unica Azienda Agricola Biodinamica in Italia che segue il Metodo Corino per la produzione di vino e olio naturali.

Il Metodo Corino porta innovazioni per ciò che concerne le condizioni ambientali, i vitigni e le tecniche colturali per i vigneti mirando sempre alla massima conservazione di luoghi e paesaggi.
Due fattori segnano in maniera misurabile e trasparente la sostenibilità: la qualità biologica del suolo (QBS) e la Carbon Footprint (LCA – assessment), ossia le effettive emissioni di gas serra dell’azienda e dei prodotti. Questi sono due punti qualificanti del Metodo Corino.

L’uva deve provenire da una gestione sostenibile del vigneto, ma deve anche sempre essere in grado di fornire prodotti a forte identità e qualità organolettica.
La fermentazione dell’uva deve svolgersi grazie a lieviti e batteri indigeni. Nella successiva elaborazione del vino rimangono esclusi gli additivi così come qualsiasi tecnologia invasiva.

 

Metodo Corino: un Metodo Artigianale per la produzione del vinoLa Fattoria La Maliosa in Toscana è l'unica Azienda Agricola Biodinamica in Italia che segue il Metodo Corino per la produzione di vino e olio naturali.

L’uva è l’unica componente da cui si originerà il vino. L’uomo rappresenta invece l’artigiano e l’artefice della vigna e del vino quale prodotto salubre ed originale: “Il nostro è un metodo artigianale,”  – dice il prof. Corino – “in famiglia mia siamo tutti artigiani da generazioni.” 

Alla Fattoria La Maliosa si utilizzano vitigni coltivati dall’antichità, favorendo la variabilità genetica tra le diverse selezioni. Il recupero di una vigna di oltre 60 anni ha consentito la verifica del ricco germoplasma viticolo dei vitigni rossi e di quelli bianchi. Nell’azienda si trovano anche delle viti selvatiche (Vitis Vinifera subsp. silvestris) come testimonianze di una forma vegetale precedente alla vite attuale (Vitis Vinifera sativa) e come ulteriore dimostrazione di un ambiente preservato da sempre da azioni agricole intensive.

 

I vini prodotti alla Fattoria La MaliosaLa Fattoria La Maliosa in Toscana è l'unica Azienda Agricola Biodinamica in Italia che segue il Metodo Corino per la produzione di vino e olio naturali.

Attualmente l’azienda gode di 8,5 ettari coltivati nei quali prevalgono i vitigni rossi: Ciliegiolo, Sangiovese e Cannonau grigio. Mentre per quel che riguarda i vitigni bianchi abbiamo il Procanico e l’Ansonica.

5 sono i vini prodotti dall’azienda, 3 rossi e 2 bianchi: Il “La Maliosa Tarconte” è un rosso IGT 100% Sangiovese. Il “La Maliosa Rosso” è un IGT 90% Ciliegiolo, 10% Sangiovese e Cannonau grigio. Il “La Maliosa Saturnia rosso”, sempre un IGT, con un assemblaggio di tutti i vitigni a bacca rossa più una parte del torchiato.

Il “La Maliosa Saturnia Bianco” è un IGT a base maggioritaria di uve Procanico con aggiunta di 5% Ansonica. Il “La Maliosa UNI” è un IGT 60% uve Procanico e 40% Trebbiano.

 

Gli uliveti della Fattoria La MaliosaLa Fattoria La Maliosa in Toscana è l'unica Azienda Agricola Biodinamica in Italia che segue il Metodo Corino per la produzione di vino e olio naturali.

La Fattoria La Maliosa è anche impegnata nel recupero di cultivar di olivi storicamente radicate sul territorio: circa 180 piante di 80-100 anni di età in cui sono presenti cultivar tipiche toscane come il Leccino, il Frantoio, il Moraiolo, il Leccio del Corno e il Pendolino. I nuovi impianti sono invece costituiti da 3.500 piante, in cui è stato valorizzato in particolare il Leccio del Corno come monocultivar, e da cui si produce il CRU dell’azienda “La Maliosa Caletra”, che fin dal primo anno di produzione ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti in concorsi nazionali e internazionali.

La produzione è pregiata e ad alto valore salutistico con elevata presenza di polifenoli, antiossidanti, e bassa acidità.

La Fattoria La Maliosa, ad oggi, è stata la prima e tutt’ora unica azienda agricola a conduzione agronomica a ciclo chiuso biodinamica in Italia ad aver misurato la propria impronta ecologica, grazie alla collaborazione di IndaCO2, spin off dell’Università di Siena, gruppo di ricerca all’avanguardia nella misurazione della Carbon Footprint.

👉 Leggi anche: Nel paradiso di Bolgheri, la grande salubrità del biologico e del biodinamico

Ti piace questa Maremma naturale, sostenibile, innovativa pur nel rispetto della tradizione? Raccontaci la tua idea di Maremma, ti ascoltiamo. Scrivici.

La  Maliosa

 

Fattoria La Maliosa – Località Podere Monte Cavallo snc Manciano (GR) – Tel. +39 327 1860416

La Fattoria La Maliosa in Toscana è l'unica Azienda Agricola Biodinamica in Italia che segue il Metodo Corino per la produzione di vino e olio naturali.

Reportage fotografico realizzato da Luca Managlia per TuscanyPeople.com ©
  Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

Tommaso Baldassini
Publisher, Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti