La Zuppa di trippa e fagioli è un’antica ricetta toscana proveniente dalla tradizione contadina che utilizza le parti meno nobili del manzo, per dar vita a un piatto saporito e nutriente.

Zuppa di trippa e fagioli

La trippa è una delle parti meno nobili del manzo che veniva utilizzata nei piatti della cucina contadina perché nutriente e poco costosa. La Zuppa di trippa e fagioli è un piatto leggero e digeribile perché, a differenza di quello che spesso si dice, la trippa non è grassa, è molto nutriente, contiene ferro e molte vitamine del gruppo B.

I fagioli hanno un alto valore nutritivo, pochissimi grassi, molte fibre e molti carboidrati, contengono alte percentuali di sali mineralilecitina, che fa ridurre il livello di colesterolo nel sangue. La mia mamma preparava sempre questo piatto quando eravamo piccoli, utilizzando la trippa fresca che comprata dal macellaio.

Dopo averla lavata bene sotto l’acqua corrente, la faceva bollire per qualche ora, per iniziare poi a preparare i piatti. Oggi si trova la trippa già scottata, sia dal macellaio, che al supermercato ed è ugualmente buona se cucinata bene. Così, per una cena con amici ho deciso di stupire, di osare, con un’antica ricetta toscana, buonissima, soprattutto quando fuori fa freddo e sentiamo il bisogno di un piatto caldo.

La Zuppa di trippa e fagioli è un'antica ricetta toscana: piatto saporito e semplice da realizzare che impiega la tecnica della vasocottura

La Zuppa di trippa e fagioli non ha una preparazione molto elaborata, ma richiede molta pazienza perché si sa il successo della cucina toscana è dovuto alla cottura lenta delle pietanze e alle antiche ricette che si tramandano di generazione in generazione.

Per la preparazione della mia cena ho voluto osare ancora di più: ho deciso di preparare Zuppa di trippa e fagioli con la tecnica della vasocottura. Questa tecnica in apparenza difficile è in realtà molto semplice: basta ridurre l’ultimo tempo di cottura di 15 minuti, mettere in vasetti di vetro la zuppa e passarla nel microonde per 6/7 minuti a media potenza.

In alternativa al microonde potete mettere i vasetti a bagnomaria o nel forno ventilato (da 60° a 15°) con dell’acqua. Questo passaggio nel vasetto sottovuoto permetterà agli ingredienti di rimanere morbidi e gustosi, esaltandone il sapore e il profumo .

La Zuppa di trippa e fagioli è un'antica ricetta toscana: piatto saporito e semplice da realizzare che impiega la tecnica della vasocottura

Per realizzare la Zuppa di trippa e fagioli prendete una casseruola abbastanza grande, versateci dell’olio extravergine di oliva toscano IGP (indicazione geografica protetta), aggiungete trito di cipolla, carota e sedano e uno spicchio di aglio intero. Fate rosolare il tutto aggiungendo un po’ di peperoncino. Nel frattempo, lavate la trippa, tagliatela a striscioline e la versatela nella casseruola per farla rosolare insieme agli altri ingredienti.

Quando sarà dorata, sfumatela con un bicchiere di vino bianco e, una volta evaporata la parte alcolica, aggiungete pomodori pelati a pezzetti. Lasciate cuocere a fuoco medio per 10-15 minuti e, quando gli ingredienti saranno ben amalgamati, aggiungete acqua o brodo vegetale. Aggiustate il sale e fate cuocere la trippa a fuoco basso, con la pentola coperta per almeno 35 minuti, rigirandola di tanto in tanto.

A questo punto aggiungete l’ultimo ingrediente, cioè i fagioli già cotti, e un pizzico di pepe. Proseguite la cottura per altri 30 minuti, sempre mescolando di tanto in tanto. A questo punto è arrivato il momento della vasocottura. Togliete la zuppetta dal fuoco e versatela in vasetti con il tappo di vetro, passandoli al microonde per 6/7 minuti a potenza media.

La Zuppa di trippa e fagioli è un'antica ricetta toscana: piatto saporito e semplice da realizzare che impiega la tecnica della vasocottura

Ero indecisa se servire la mia Zuppa di trippa e fagioli direttamente nei vasetti, che sono molto scenografici e ricordano la cucina casareccia, o impiattarla in alcune ciotole di coccio. Alla fine ho optato per queste, perchè era più semplice spolverare la zuppetta con una pioggia di parmigiano grattato. Per completare la cena, ho scelto un Morellino di Scansano DOCG Moris Farm, dal sapore asciutto,  ma armonico e tannini morbidi, eccellente con i piatti a base di trippa e con le zuppe, come per esempio la ribollita

La mia cena è stata un successo, la mia Zuppa di trippa e fagioli era buonissima ed i miei amici hanno mangiato tutto, rendendomi orgogliosa dell’idea che avevo avuto e del piatto che avevo preparato basandomi sui ricordi della mia infanzia e della mia mamma. Tutto questo dimostra, che si può preparare un piatto prelibato con ingredienti poveri e non eccessivamente costosi. La cucina a base di trippa è stata anche presentata all’Expo come piatto tradizionale del made in Tuscany. 

Vi lascio un riassunto degli ingredienti per preparare questa antica ricetta toscana.

Ingredienti per la Zuppa di Trippa e Fagioli:

La Zuppa di trippa e fagioli è un'antica ricetta toscana: piatto saporito e semplice da realizzare che impiega la tecnica della vasocottura

– 1 Kg. di trippa già cotta
– 300g. di fagioli cannellini già cotti
– 500g. di pelati in scatola
– 1/2 cipolla di Certaldo
– 1 spicchio d’aglio
– 1 carota
– 1 costa di sedano
peperoncino rosso piccante q.b.
– 4 cucchiai da tavola di olio EVO Toscano IGP
sale q.b.
– pepe nero q.b.
– 1 bicchiere di vino bianco secco.
– 60g. parmigiano grattugiato.

Allora cosa aspettate a scaldare i fornelli? Mi raccomando, appena preparato il tutto scrivete in calce all’articolo la vostra esperienza e…. buon appetito!


La cucina di TuscanyPeople:

Se realizzerete questa antica ricetta toscana della “Zuppa di trippa e fagioli” vi invitiamo a condividerla con noi usando i nostri hashtag #TuscanyPeople e #LeRicettediTuscanyPeople sui nostri canali social Instagram e Facebook.

Le foto più belle verranno ripostate sul nostro canale instagram www.instagram.com/tuscanypeople

Sei un Eccellenza Toscana? Clicca qui

 

Scopri come diventare “Ambasciatore di TuscanyPeople” e essere premiato.

Scopri come diventare “Ambasciatore di TuscanyPeople” ed essere premiato.

Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Commenti

Commenti