Tra le colline della Val di Cornia, immersa tra il ferroso profumo della terra e la salmastra brezza del Mar Tirreno sorge l’Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri, una piccola azienda biologica dove degustare i diversi sapori delle emozioni.

Azienda Agricola Imperiale, varietà e originalità di Bolgheri

Si sono conosciuti su Instagram, Matteo Frollani, titolare dell’Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri, e Tommaso Baldassini, mitico editore di TuscanyPeople. E si sono piaciuti subito. Potenza delle sognanti “immagini instagrammiane”.

L' Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri è un'azienda biologica toscana che produce vino, miele, olio Evo, farina e pasta di grani antichi.

Ma anche dei numeri che possono sfoggiare i due: 58.500 followers, TuscanyPeople (in una sola settimana l’88% dei nostri fan osserva circa 196.000 foto); 1.309 followers, la recente Azienda Agricola Imperiale. Si sono piaciuti e si sono incontrati a  Bolgheri – dove sennò? – in mezzo alla dolcezza di quel paesaggio che pare quasi estraneo ai mali umani, sotto quel cielo che sembra dipinto ad acquerello, davanti a quel mare che sta là placido e che quasi si tocca con mano, sopra quella terra benedetta da Dio, ma soprattutto da chi ama la natura e il vino.

Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri: dalle Marche alla Toscana

Matteo Frollani, ha ripreso in mano l’azienda del babbo, l’ha resa da anni interamente biologica, e adesso produce vino, olio Evo, farine e pasta da grani antichi e moderni, miele millefiori, e anche miele delle barrique di Bolgheri.

Incredibile, tanta roba per questo ragazzo intraprendente ed entusiasta: “I miei nonni sono di origine marchigiana, come molti qui. Il mio bisnonno partì da là, dove c’era la mezzadria, ormai divenuta insostenibile, e arrivò qua. Ben presto un po’ tutti i marchigiani che si erano trasferiti si resero conto che le tecniche di lavorazione della loro regione di provenienza erano superiori, più avanti, rispetto a quelle della Toscana. Abituati alle colline e alla mancanza d’acqua, trovarono pianura, molta acqua, e terreni fertili. Coltivando inoltre patate, cipolle, pomodori, che qui non esistevano, arrivarono a guadagnare molto più dei toscani e riuscirono a comprare tantissimo, qui intorno.”

L' Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri è un'azienda biologica toscana che produce vino, miele, olio Evo, farina e pasta di grani antichi.

Tra i fondatori della DOC di Bolgheri

Un bellissimo territorio, un gioiellino di 5-6 ettari di vigneto biologico: “Mio babbo, Enio Frollani, è stato uno degli storici fondatori della DOC, insieme al marchese Niccolò Incisa della Rocchetta, Rosa Gasser, Eugenio Campolmi, Michele Satta e Federico Pavoletti. All’inizio erano pochi, Le Macchiole, Guado al Tasso, Ornellaia all’epoca di Lodovico Antinori, Sassicaia e Michele Satta. Alcuni, come il marchese Antinori, forse non credevano completamente nella DOC . Solo Eugenio Campolmi e Niccolò Incisa della Rocchetta erano riusciti a vedere oltre, tanto da appassionare mio padre che diventò consigliere. Poi però dette in affitto i vigneti.

Io ho fatto esperienza in aziende qui intorno, quindi, scaduto l’affitto, ho deciso di riprendere i terreni via via, 1 ettaro, 2 ettari, fino a oltre 5. Ho anche preso in affitto dei campi di ulivi secolari, alcuni di 500 anni. Le varietà sono frantoiano e moraiolo. Poi ho ripreso in mano tutta la parte dei grani antichi. E faccio il miele. Gestisco tutto io, anche se il babbo mi dà una grossa mano.”

L' Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri è un'azienda biologica toscana che produce vino, miele, olio Evo, farina e pasta di grani antichi.

Equilibrio biologico

Ci mostra le vigne ben tenute, ordinate: “Vedete? È allevato tutto a cordone speronato. L’ho trovato così e l’ho lasciato. Il guyot è un bel sistema d’allevamento, ma non dura quanto questo. La longevità delle piante è importante. Questi ettari sono un capitale vivo che acquisisce valore invecchiando. In Borgogna ci sono viti che hanno 200 anni, capite? Bisogna poi sempre pensare che per salvare una pianta occorrono tanti soldi. Io, ad esempio, uso i microelementi, a granuli o a farina da sciogliere nell’acqua, che prima si trovavano nel letame. Adesso però il letame non si trova più, soprattutto il biologico.

Questi microelementi funzionano come una medicina omeopatica, sono batteri che entrando in contatto con la radice delle piante ne favoriscono lo sviluppo e la rendono più forte e resistente ai funghi letali come il mal dell’esca. Bisogna crederci, logicamente. L’importante è comunque mantenere l’equilibrio biologico. Gli insetti, ad esempio, ci devono essere, ma non tutti d’una sola specie. Quest’anno è stato duro per le continue piogge. Abbiamo dovuto fare molti trattamenti di rame e zolfo.”

L' Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri è un'azienda biologica toscana che produce vino, miele, olio Evo, farina e pasta di grani antichi.

Qualità superiore

Prendiamo corpose manciate del magico terreno di Bolgheri, lo soppesiamo tra le mani in mezzo al sole e alla piacevole brezza che spira dal Tirreno:Terreno pesante, vedete? Sassoso e argilloso. Impegna grosse e potenti macchine agricole. Ci vuole il giusto compromesso tra il taglio dell’erba e la lavorazione della terra. D’estate, se l’argilla si secca, diventa durissima.”

Bisogna lavorare sodo per ottenere il meglio: “Sì, a noi interessa poco la quantità. A noi interessa far sempre la qualità e migliorarci. Il nostro obiettivo è arrivare a prodotti d’eccellenza. Si deve anche studiare tanto, certo, infatti collaboriamo con l’Università di Bologna, portando avanti studi sui grani antichi.”

Il gusto delle emozioni

Scapestrato

Ci spostiamo nella sala degustazioni dell’Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri. Assaggiamo “Scapestrato” 2017: syrah, cabernet franc e cabernet sauvignon: “Il vino si chiama così perché mi rispecchia. Mi dicevano sempre tutti: sei uno scapestrato, e così è venuto fuori il nome. La prima annata, il 2016, si è rivelata strepitosa, in 3 mesi avevamo già terminato le bottiglie. Fa solo acciaio e 6 mesi in bottiglia. Tutti i travasi vengono eseguiti sotto argon per togliere l’ossigeno. Questo mi aiuta perché il vino, ossidandosi meno, ha bisogno di una minor quantità di solfiti.”

Lo gustiamo con 2 diversi tipi di porchetta e con un formaggio sardo, un misto pecora-mucca, delicato, che non copre troppo gli altri sapori e che è stagionato da lui:  “Quello che voglio fare è regalare delle emozioni uniche – dice Matteo Frollani, osservando i nostri volti soddisfatti.

L' Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri è un'azienda biologica toscana che produce vino, miele, olio Evo, farina e pasta di grani antichi.

Imperfetto

Adesso tocca a “Imperfetto” Bolgheri DOC, cabernet sauvignon in purezza. Mostra un’inconsueta, ma interessante, etichetta inclinata. “Quando sono partito avevo solo il cabernet sauvignon. È un vitigno particolare, in purezza è difficile farlo apprezzare, qui matura molto tardi, il lavoro è più costoso, servono le barrique. Tutti mi dicevano di acquistare un po’ d’uva, di tagliare il vitigno con qualcos’altro, altrimenti sarebbe stato imperfetto, e così gli ho messo questo nome.”

Qui si sente tutta la sapidità del cabernet sauvignon bolgherese puro. Grandissima freschezza, nonostante sia un 2016: “Ha fatto 6 mesi in barrique e 6 in bottiglia. Nel 2017 lo porteremo a un anno di barrique più 6 mesi in bottiglia. Nel 2018 lo porteremo a 18 mesi di barrique più 6 mesi in bottiglia, fino ad arrivare a 24 mesi di barrique più un anno in bottiglia. È stato molto apprezzato in Francia, scelto da chef tra altri vini importanti di Bolgheri. Ha un ottimo rapporto qualità-prezzo. In più, avendo il tappo di sughero vivo, se il cliente trova una bottiglia che sa di tappo, può rimandarmelo indietro, io lo analizzo, trovo il principio attivo scatenante, e lo omaggio con due nuove bottiglie.”

L' Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri è un'azienda biologica toscana che produce vino, miele, olio Evo, farina e pasta di grani antichi.Per chi invece ha un Imperfetto che gli è un po’ sceso di livello, Matteo Frollani gli riabbocca la bottiglia e gli cambia il tappo. Lo fanno in pochi, chapeau: “Da dicembre, quando siamo usciti, di 6000 bottiglie me n’è tornata indietro solo una”. Doppio chapeau.

L’olio Evo e il Senatore Cappelli

Gustiamo l’olio dell’Azienda Agricola Imperiale, le varietà sono frantoiano e moraiolo. Franto entro 6 ore dalla raccolta. Eccezionale. Poi parliamo dei grani, della farina, della pasta. “Quando dissi a Ivano Boso, responsabile della cantina Pinchiorri che coltivavo il Senatore Cappelli a Bolgheri, lui mi rispose che quelli erano terreni vocati. È un grano molto salutare, non modificato con raggi gamma, ottimo per gli intolleranti al glutine. Lo portiamo al Molino Angeli, a Pietrasanta, per fare la farina e la pasta. Lavorazione al bronzo, essiccatura lenta di 48 ore a 30°. Ovviamente questo gli dà una qualità altissima ma il prezzo lievita.” La qualità si paga, ovvio.

L' Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri è un'azienda biologica toscana che produce vino, miele, olio Evo, farina e pasta di grani antichi.

La segale

“Coltiviamo anche la segale, una qualità di grano difficile ma che dà tante soddisfazioni. Ci facciamo la farina e il pane. Da quest’anno produrremo una pasta sempre di qualità ma con grani moderni, cercando di adottare un tipo di essiccatura più veloce che costi un po’ meno. Insieme a un’ottantina di agricoltori, da Cecina a Massa Marittima, abbiamo realizzato un piano di filiera in cui per ora useremo grani antichi Senatore Cappelli e Verna. Tutti dovranno seguire un regime bio, mentre i mulini saranno interni o convenzionati. L’obiettivo è ottenere un prodotto di qualità a basso prezzo, incrementando le quantità.”

Il miele

Non manca che il miele, di cui siamo curiosissimi: “Facciamo 2 tipi di mieli: un millefiori con un blend di nostri fiori di campo fuori stagione – siamo gli unici al mondo, credo, o quasi, che piantiamo fiori fuori stagione solo per le api. Il secondo, invece, è il miele delle barrique di Bolgheri, un mio brevetto. Le api costruiscono il favo dentro le barriques, la prima volta è stato casuale. Il miele è un po’ come il vino, una spugna, assorbe tutti gli odori e, stando dentro il rovere bagnato nel vino, ne ripropone il sapore. Non uso nessun trattamento per estrarre la cera.”

L' Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri è un'azienda biologica toscana che produce vino, miele, olio Evo, farina e pasta di grani antichi.

Il miele dai favi viene estratto manualmente spremendo ogni singolo favo in modo che le api siano costrette a ricostruirli ogni volta, ed è la ragione per cui la produzione della barrique è inferiore di circa l’80% a un’arnia tradizionale. Il ricambio di cera costante favorisce profumi e sapori miscelati col rovere delle barriques che sono state intrise di vino.

Qualità e passione

Dall’Azienda Agricola Imperiale di Bolgheri è tutto, ma è davvero tanto per questa piccola azienda che, nel rispetto della qualità e della salubrità, si dà un gran daffare per emergere e migliorare: un tipo di realtà che noi di TuscanyPeople amiamo e che sponsorizziamo sempre volentieri.

I migliori in bocca al lupo da parte di tutta la redazione.

 

Azienda Agricola  Imperiale – Strada Comunale delle Ferruggini, 155/a – Castagneto Carducci

Le 5 ragioni per passare un weekend a Bolgheri (Livorno) immersi nelle vigne toscane vicine al mare In collaborazione con Az. Agr. Imperiale                                                                               Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Commenti

Commenti