I duomi di Toscana sono in tutto 32 e ognuna delle cattedrali toscane rappresenta un gioielli architettonico senza tempo.

 

I 32 duomi di Toscana

A ennesima testimonianza di quanto la nostra regione sia ricca di arte, storia e cultura, oggi parliamo dei duomi di Toscana che, forse qualcuno non lo sa, sono ben 32. Per completezza d’informazione li citeremo tutti, pur non potendo, per ovvie esigenze di spazio, parlare di ciascuno per esteso.

Duomo di Pitigliano - Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo

Duomo di Arezzo – Cattedrale dei Santi Pietro e Donato

Sorge sul sito di una chiesa paleocristiana. La facciata, costruita tra il 1901 e il 1914, è ricca di decorazioni scultoree. L’interno, a tre navate, è diviso da pilastri a fascio polistili e archi ogivali. Capolavoro dell’arte vetraia è il ciclo delle sette vetrate di Guillaume de Marcillat. Stile architettonico gotico. Inizio costruzione: 1278. Completamento: 1914.

Duomo di Arezzo, Cattedrale dei Santi Pietro e Donato

Duomo di Carrara – Abbazia Mitrata di Sant’Andrea Apostolo

Tra i duomi di Toscana, troviamo il Duomo di Carrara. È quasi interamente rivestito di marmo bianco pregiato, estratto nelle vicine cave. Fu edificato col marmo a vista, lavorato a scalpello, poi rimaneggiato e ampliato con elementi gotici. La pianta è rettangolare con tre navate e abside semicircolare. La facciata, del ‘300, è bicroma, tipica delle chiese pisane. Stile architettonico romanico, gotico. Inizio costruzione: XII secolo. Completamento: XIV secolo.

Duomo di Carrara, Abbazia Mitrata di Sant'Andrea

Duomo di Cortona – Concattedrale di Santa Maria Assunta

Edificato nel 1000 sui resti di un tempio pagano, fu completato nel 1400. Ha una pianta longitudinale divisa in tre navate da colonne con capitello e pulvino d’ispirazione brunelleschiana. La facciata reca tracce d’interventi di epoche diverse: i resti più antichi risalgono alla facciata medievale romanica. Stile architettonico romanico, rinascimentale.

Duomo di Cortona, cattedrale di Santa Maria dell'Assunta

Duomo di Fiesole – Cattedrale di San Romolo

Basilica romanica del 1028, a tre navate, su colonne di pietra con capitelli figurati, presbiterio rialzato sulla cripta e tetto a capriate. L’interno è maestoso e severo nella sua semplicità. Stile architettonico: romanico.

Duomo di Fiesole, cattedrale di San Romolo

Duomo di Firenze – Basilica Cattedrale di Santa Maria del Fiore

Appare come monumento unitario grazie al suo marmo bianco, verde, rosso e al cotto delle tegole. Ha mille diversità stilistiche dovute alla sua lunga storia. Ha un corpo basilicale a tre navate saldato ad una enorme rotonda triconca che sorregge l’immensa cupola del Brunelleschi, la più grande in muratura mai costruita. Inizio costruzione: 1296. Completamento, con la cupola, nel 1436. La facciata è del 1887.

La cupola del Duomo di Firenze è molto più che un capolavoro. E' quasi un miracolo, un favoloso mistero non del tutto svelato, creato dalla mente geniale di Filippo Brunelleschi.

Duomo di Grosseto – Cattedrale di San Lorenzo

La facciata fu eseguita a metà Ottocento, di stile romantico con una bicromia bianco-rossa e forme goticheggianti. Pianta a croce latina: tre navate suddivise da pilastri e coperte da volte a crociera su pilastri cruciformi. Stile architettonico romanico, gotico. Inizio costruzione: 1294. Completamento: 1302.

Luciano Bianciardi, scrittore e giornalista toscano, fu genio tormentato, che grazie alla sua sensibilità ha composto bellissimi capolavori

Duomo di Livorno – Cattedrale di San Francesco

Iniziato nel 1500, terminato nel 1700. Ha una facciata unica con un portico con arcate a tutto sesto. La navata era originariamente coperta da un preziosissimo soffitto ligneo intagliato e dorato eseguito nel 1600. Stile architettonico: tardo-rinascimentale.

Duomo di Livorno, Cattedrale di San Francesco

Duomo di Lucca – Cattedrale di San Martino

Alla facciata è addossato il portico-nartece. L’interno è a croce latina divisa in tre navate, con le due laterali sormontate da matronei con trifore gotiche e la centrale terminante con un’abside semicircolare illuminata da tre grandi monofore romaniche. Consacrazione: 1070. Stile architettonico: romanico, gotico. Inizio costruzione: XI secolo. Completamento: XII secolo.

Duomo di Lucca, cattedrale di San Martino

Duomo di Massa – Cattedrale dei Santi Pietro e Francesco

Quasi totalmente ricostruito tra il 1660 e il 1670, dagli architetti Bergamini che progettarono la sistemazione e l’arredo dell’area presbiteriale realizzando un monumentale altare maggiore: fastosa quinta scenografica al centro del presbiterio.

Duomo di Massa, Cattedrale dei Santi Pietro e Francesco

Duomo di Massa Marittima – Cattedrale di San Cerbone

Nella facciata, il portale centrale è dotato di una piattabanda affiancata da due protomi leonine che presenta cinque pannelli. I fianchi rivelano un’esecuzione duecentesca di carattere pisano, con decorazione bicolore dell’alzato. Stile architettonico: barocco. Inizio costruzione: XV secolo. Completato nel XVII secolo.

👉 Leggi anche: Massa Marittima, il gioiello della Maremma

Duomo di Massa Marittima, Cattedrale di San Cerbone

Duomo di Montalcino – Concattedrale del Santissimo Salvatore

Ha un pronao di sei colonne con capitelli in stile ionico e trabeazione. Tre portali in facciata indicano una divisione in tre navate con volte a botte. Stile architettonico: neoclassico. Inizio costruzione: 1818. Completamento: 1832.

Duomo di Montalcino - Concattedrale del Santissimo Salvatore

Duomo di Montepulciano – Cattedrale di Santa Maria Assunta

Austero ed elegante all’interno per la nitidezza delle superfici ad intonaco che si alternano ai paramenti murari in conci di pietra. A croce latina, è diviso in tre navate da possenti pilastri sorreggenti archi a tutto sesto. Stile architettonico: rinascimentale. Inizio costruzione: 1594. Completamento: 1680.

Duomo di Montepulciano - Cattedrale di Santa Maria Assunta

Duomo di Pienza – Concattedrale di Santa Maria Assunta

Ha la facciata tripartita in travertino: quattro paraste la dividono in tre zone corrispondenti alle navate interne. L’interno, in puro gotico, è diviso in tre navate, quella centrale più larga, da due file di pilastri con semi-colonne addossate e capitelli decorati. Stile architettonico: rinascimentale e gotico. Inizio costruzione: 1459. Completamento: 1462.

Duomo di Pienza - Concattedrale di Santa Maria Assunta

Duomo di Pisa – Cattedrale di Santa Maria Assunta

Tra i duomi di Toscana più conosciuti è il Duomo di Pisa. Capolavoro romanico pisano, è la testimonianza del prestigio e della ricchezza della città come repubblica marinara. Ha ricche decorazioni con marmi multicolori, mosaici e numerosi oggetti di bronzo. L’interno è rivestito di marmi bianchi e neri, con colonne monolitiche di marmo grigio e capitelli di ordine corinzio. Stile architettonico: romanico-pisano. Inizio costruzione: 1063. Completamento: 1092.

👉 Leggi anche: Piazza dei Miracoli, un’allegoria della vita

Piazza dei Miracoli a Pisa è una delle piazze più belle della Toscana

Duomo di Pistoia – Cattedrale di San Zeno

La facciata è romanica. Sulle estremità della cuspide sono poste le due statue marmoree dei santi patroni. L’interno, a tre navate con presbiterio rialzato e cripta, nel corso del tempo è stato riportato alle forme primitive. Stile architettonico: romanico, barocco.

Duomo di Pistoia - Cattedrale di San Zeno

Duomo di Prato – Cattedrale di Santo Stefano

Iniziato nel 1200, terminato nel 1400, riassume l’essenza degli stili romanico, gotico e barocco. La facciata è tardo gotica. La pianta è a croce latina con tre navate divise da ampie arcate su preziose colonne, in serpentino verde e con raffinati capitelli. Stile architettonico: romanico, gotico, barocco. Inizio costruzione: XII secolo. Completamento: XIV secolo.

👉 Leggi anche: Prato: capoluogo toscano, bello, grande e poco conosciuto

Duomo di Prato, città toscana regina del tessile

Duomo di San Gimignano – Collegiata di Santa Maria Assunta

Alla sommità di un’ampia scalinata, fu eretto nel 1056, ristrutturato nel 1239, ingrandito nel 1460. Ha una spoglia facciata duecentesca, trasformata nel corso dei secoli con l’apertura di porte laterali e finestre circolari. L’interno è a tre navate – coperte da volte nel 1300 – divise da colonne. Stile architettonico: romanico. Inizio costruzione: X secolo. Completamento: 1056.

Duomo di San Gimignano - Collegiata di Santa Maria Assunta

Duomo di Siena – Cattedrale Metropolitana di Santa Maria Assunta

Altro dei duomi di Toscana molto conosciuti è il Duomo di Siena. Massimo esempio dello stile romanico-gotico italiano. La facciata, in marmo bianco con decorazione in rosso senese e serpentino di Prato, è divisa in due metà riferibili a due distinte fasi costruttive. La ricchezza della decorazione scultoree nasconde irregolarità e asimmetrie derivate dalla lunga fase d’edificazione. Stile architettonico: romanico, gotico italiano. Inizio costruzione: 1220 circa. Completamento: 1370 circa.

Cosa vedere a Siena in un fine settimana: da Piazza del Campo al Duomo, da Fontebranda ai musei, un tour indimenticabile di storia e bellezza

Duomo di Sovana – Concattedrale dei Santi Pietro e Paolo

In puro stile romanico, realizzata tra il 700 e il 1200, ha un’ampia cripta voltata in tuffo, alte paraste marmoree interne intagliate da piatti girali e da simboliche decorazioni geometriche: un vero e proprio unicum toscano, trasportato qui da un’epoca remota. Stile architettonico: romanico. Inizio costruzione: VIII secolo. Completamento: XIII secolo.

Duomo di Sovana - Concattedrale dei Santi Pietro e Paolo

Duomo di Volterra – Cattedrale di Santa Maria Assunta

Nell’antica Volterra troviamo un altro dei bellissimi duomi di Toscana. Mostra decorazioni classiche, lunette abbellite con la tecnica dell’ornato appiattito di gusto preromanico, e rombi digradanti con bacini ceramici. Gli stessi rombi sono presenti anche nella facciata a salienti, ripartita in tre comparti da lesene quadrangolari di tipo lombardo. Stile architettonico: romanico, barocco. Inizio costruzione: XII secolo. Completamento: XVIII secolo.

👉 Leggi anche: Volterra, un’antica città fondata dagli Etruschi

La Cattedrale di Santa Maria dell'Assunta a Volterra

Gli altri Duomi in Toscana

Ricordiamo infine anche gli altri duomi in Toscana, non meno belli e ricchi di storia, di cui, per esigenze di spazio, non abbiamo potuto parlare per esteso: Duomo di Barga – chiesa di San Cristoforo; Duomo di Castelnuovo di Garfagnana – chiesa dei Santi Pietro e Paolo; Duomo di Chiusi – Concattedrale di San Secondiano; Duomo di Colle di Val d’Elsa – Concattedrale dei Santi Alberto e Marziale; Duomo di Orbetello – Concattedrale di Santa Maria Assunta;

Duomo di Pescia – Cattedrale di Maria Santissima Assunta e di San Giovanni Battista; Duomo di Pietrasanta – Collegiata di San Martino; Duomo di Piombino – Concattedrale di Sant’Antimo; Duomo di Pitigliano – Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo; Duomo di Pontremoli – Concattedrale di Santa Maria del Popolo; Duomo di San Miniato – Basilica di San Miniato al Monte; Duomo di Sansepolcro – Concattedrale di San Giovanni Evangelista.

 

📍PER APPROFONDIRE:

👉 Duomo di Firenze: dalla prima pietra allo gnomone

👉 Il Duomo di Siena e il suo pavimento rivelato

👉 Duomo di Lucca: 5 cose da sapere assolutamente

Sei un abile Imprenditore Toscano? Sei un innovatore? Allora…

Teniamoci in contatto

 


Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

Publisher, Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti