Guida completa e mappa delle terme in Toscana provincia per provincia, da quelle libere fino agli stabilimenti termali.

Mappa delle terme in Toscana, provincia per provincia

Grazie alle numerose sorgenti termali, la Toscana è la regione d’Italia con più centri benessere e relax.

Centri termali della Toscana: una guida completa 

Le acque delle terme in Toscana, con temperature che variano tra i 25° e i 54°C, godono di molteplici proprietà benefiche per il corpo. Curano i reumatismi, le patologie vascolari, regalano sollievo alle patologie respiratorie e del tratto urinario. E spesso, visti i contesti naturali in cui sono inserite, rappresentano un toccasana anche per l’anima.

Non c’è bisogno di soffrire di qualche disturbo o patologia da curare per concedersi un trattamento termale. Quando il freddo e il tempo instabile minano le attività all’aperto, le terme in Toscana sono l’ideale per allontanarsi dallo stress, mangiare e dormire bene, godendo della natura circostante. Gli stabilimenti e le moderne tecnologiche spa, offrono ogni tipo di servizio per la cura e il benessere del corpo, trasformandosi in vere e proprie destinazioni turistiche.

In questo articolo, troverete una guida completa alle terme in Toscana, divise provincia per provincia. Iniziamo la nostra esplorazione da Siena, il territorio toscano termale per eccellenza.

Le terme di Saturnia hanno una parte libera e aperta al pubblico. Le Cascate del Mulino

Terme in Toscana: la provincia di Siena 

La provincia che ospita non solo il maggior numero, ma anche alcune delle più belle terme in Toscana, è Siena. In particolare l’area della Val d’Orcia e del Monte Amiata, il vulcano dormiente che dà origine al sistema di acque termali della zona.

I Bagni San Filippo, tra le più belle terme libere della Toscana

Tra gli stabilimenti che beneficiano di queste calde acque solfureo-solfate-bicarbonate ipertermali – conosciute già da etruschi e romani – si distinguono i Bagni San Filippo. Questa frazione di San Quirico d’Orcia si estende in mezzo alle suggestive crete della Val d’Orcia e ai boschi del Monte Amiata.

Terme naturali, libere e gratuite

Le terme, libere e gratuite, coi loro bianchi depositi calcarei, si snodano in magnifici percorsi immersi nella natura. Le ampie vasche termali e le cascatelle ricchissime di minerali – calcio soprattutto – raggiungono temperature fino a 50°C.

La Balena Bianca delle terme di San Filippo

Da vedere assolutamente la Balena bianca, una cascata che negli anni ha creato depositi calcarei bianchissimi e spettacolari, che si affaccia sul torrente Fosso Bianco. Il luogo è tanto bello da richiamare fotografi professionisti e registi che spesso vi ambientano scene di film.

Il complesso privato e l’hotel

Il complesso delle Terme San Filippo comprende l’Hotel, che conserva il fascino della sua origine settecentesca, le Terme curative, il Centro Benessere, e la piscina termale.

👉  Leggi anche: Bagni San Filippo in Val d’Orcia: quando la natura è spettacolare e curatrice

Bagni San Filippo, cascata colorata con acque termali in Val d'Orcia

Bagno Vignoni, il borgo toscano con una piscina come piazza

A Bagno Vignoni, sempre a San Quirico d’Orcia,  l’accesso è invece a pagamento. Qui sorge uno degli stabilimenti termali più importanti di tutta la Toscana, l’albergo Posta Marcucci, con splendida vista sulla Rocca di Castiglione d’Orcia

Piazza delle Fontane: il cuore dei Bagno Vignoni

Molto suggestiva Piazza delle Fontane, al centro del borgo, dove si apre una vasca medioevale circondata da edifici rinascimentali. Le acque sgorgano a una temperatura di circa 49°, ed erano già apprezzate in epoca romana per il loro potere curativo. Dal 1170, con l’Imperatore Federico I, vennero utilizzate per i trattamenti balneo-fango-terapeutici. Frequentatori di questo paradiso furono personaggi storici del calibro di Papa Pio II Piccolomini, Santa Caterina da Siena e Lorenzo il Magnifico.

Piazza delle Fontane, in cui però oggigiorno è vietato immergersi, è stata fonte d’ispirazione anche per molti registi.  Il grande maestro Andrej Arsen’evič Tarkovskij negli anni ’80 vi girò una delle più famose scene del suo capolavoro, Nostalghia. Qui, inoltre, hanno recitato attori come Carlo Verdone, Francesca Neri, Sergio Rubini, Christian De Sica e Rocco Papaleo.

👉  Leggi anche: Tarkovskij: la Toscana e Firenze, amori appassionati del grande regista russo

5 spa in Toscana categoria superior: relax, buona cucina, Luxury resort e trattamenti benessere sono gli ingredienti per un incantevole weekend in Toscana

Terme di Chianciano, sorgenti termali in Val di Chiana

In un contesto naturalistico di grande bellezza come la Val di Chiana, le Terme di Chianciano sono il luogo ideale per una vacanza con tutta la famiglia.

A Chianciano 4 tipi di acque termali

Nei grandi parchi termali di “Fucoli” e “Acqua Santa” sgorgano 4 tipi di acque benefiche: Acqua Santa, Acqua Fucoli, Acqua Sillene e Acqua Santissima. Tutte ricche di bicarbonato, solfato e calcio, curano in special modo le patologie del fegato e dell’apparato gastrointestinale.

Cure termali in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale

Queste naturali terme in Toscana offrono cure in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale. Tra queste, la cura idropinica con l’Acqua Santa, arricchita da bagni e fanghi epatici, artroreumatici e specifici per le patologie vascolari, presso le Terme Sillene. Qui è attivo anche un Centro di fisiochinesiterapia per la riabilitazione, coordinato da medici specialisti.

Due SPA a Chianciano da non perdere 

All’interno del parco termale di Chianciano si trova il Salone Sensoriale, elegante stabilimento, unico nel suo genere in Italia. Questo centro benessere si basa sui criteri della naturopatia e coniuga i chakra con soluzioni architettoniche modernissime. Le terme sensoriali offrono 20 diverse esperienze.

Da segnalare anche Theia, il bagno degli Etruschi, che arricchisce lo stabilimento Sillene. 4 piscine esterne e 3 interne, tutte collegate tra loro per oltre 500 metri quadri di vasche.

👉  Leggi anche: Chianciano Terme: una delle stazioni termali più famose d’Europa

Panorama di Chianciano Terme, uno dei borghi toscani più conosciuti per le sue acque termali

Terme di Montepulciano

Proseguendo il cammino lungo la mappa delle terme in Toscana, arriviamo a Montepulciano, borgo toscano famoso per il suo vino Nobile. Un po’ meno conosciute, ma assolutamente da scoprire sono le Terme di Montepulciano.

Le proprietà delle acque del centro termale di Montepulciano

Ricche di zolfo e bromo, queste acque offrono un ampio ventaglio di cure per le malattie respiratorie, artroreumatiche e le affezioni della pelle. Qui l’attenzione è rivolta al concetto di prevenzione termale e resilienza allo stress quotidiano, grazie a trattamenti specifici rilassanti, riequilibranti e tonificanti.

Oltre alle tradizionali terapie termali, il centro dispone di moderni strumenti diagnostico-terapeutici e si occupa anche di medicina dello sport e medicina estetica.

Signora in una piscina termale in Toscana

Terme di Petriolo

A Monticiano, immerse nel verde delle colline tra la Val di Merse e la Maremma, le Terme di Petriolo erano conosciute già intorno al 1200. Grazie alle proprietà curative delle sorgenti, erano frequentate da personaggi illustri, tra cui i Medici o uomini di grande prestigio religioso come il papa. Erano inoltre frequentatori dei Bagni di Petriolo anche i Malatesta di Pesaro, il Duca di Urbino Federico III di Montefeltro e i Gonzaga da Mantova.

Le terme libere più conosciute della Toscana

Le acque di queste terme libere in Toscana sgorgano a una temperatura di 43°C lungo un tratto del fiume Farma. Si caratterizzano per la presenza di idrogeno solforato, un’acqua ricca di sali e ipertermale, dalle molteplici proprietà terapeutiche.

Il centro benessere di Petriolo

Il complesso Termale Bagni di Petriolo ha come servizi le piscine termali terapeutiche, un moderno centro benessere, e le cure, convenzionate col SSN, di fanghi, bagni e inalazioni.

👉  Leggi anche: Terme di Petriolo, il caldo abbraccio della storia e della natura incontaminata

Le Terme di Petriolo si trovano nella Bassa Val di Merse, vicino al borgo toscano di Monticiano

Rapolano Terme, le terme più calde della Toscana

Nel cuore delle Terre di Siena, le acque termali sgorgano dal sottosuolo cariche di proprietà benefiche nei due stabilimenti di Rapolano Terme, l’Antica Querciolaia e le Terme di San Giovanni. Famosi per avere le acque più calde di tutta la Toscana, vantano eleganti strutture in pregiato travertino, materiale che nella zona viene estratto fin dal Cinquecento.
Pare che persino Giuseppe Garibaldi trovasse sollievo alle sue ferite in una vasca di travertino.

Piscina termale con panorama sulle colline a Rapolano Terme

San Casciano dei Bagni

Ultima tappa del nostro tour delle terme in provincia di Siena è San Casciano dei Bagni.

Breve storia delle terme di San Casciano

Gli etruschi fondarono le prime strutture per l’uso delle acque termali, ma è tramite i Romani che le proprietà curative di queste acque si diffusero in modo massiccio. Nei secoli queste terme naturali in Toscana continuarono ad attrarre visitatori. Dal Quattrocento in poi, mezza Europa si affidava alle acque di San Casciano dei Bagni per curare ogni genere di malanno.

San Casciano dei Bagni: tra le più grandi terme d’Europa

Adesso, con le sue 42 sorgenti termali, San Casciano dei Bagni è al terzo posto in Europa per portata d’acqua ed è annoverato tra i borghi più belli d’Italia. Un luogo incantevole in cui regalarsi un soggiorno di relax. Di questa località, tuttavia, sono meno conosciute le terme libere. Procedendo oltre via della Fontanaccia si possono raggiungere due vasche chiamate Bagno Grande e Bagno Boscolo. Una bellissima esperienza.

👉  Leggi anche: I Borghi più belli d’Italia in Toscana: 26 luoghi da scoprire

Il borgo di San Casciano dei Bagni in Toscana

Terme in Toscana in provincia di Pisa

La nostra guida delle terme in Toscana, seguendo la mappa provincia per provincia, ci conduce verso nord, tra le verdi colline pisane, ricche di sorgenti termali.

Casciana Terme, la perla termale d’Italia

Chiamata anche “Perla termale d’Italia”, adagiata in mezzo alle colline pisane, Casciana Terme è famosa per le sue acque terapeutiche, riconosciute già dal 1100.

Le terme di Casciana e Matilde di Canossa

La fama di questo paese di origine etrusca crebbe grazie all’Acqua Mathelda (dal nome della Contessa Matilde di Canossa) che, si diceva, potesse far ringiovanire. La leggenda narra infatti che la Contessa possedesse un vecchio e dolorante merlo il quale, tuffandosi ripetutamente in quest’acqua calda, finì per ringiovanire.

Le proprietà dell’Acqua Mathelda 

L’acqua sgorga dalla sorgente a una temperatura di 35,7 °C. E’ indicata per problemi circolatori, ossei, l’uricemia, il colesterolo, le affezioni delle vie respiratorie, e tutti i disturbi ginecologici. Attraverso i fanghi termali e la balneoterapia, l’Acqua Mathelda viene impiegata per la cura di patologie dermatologiche, ma anche per terapie di riabilitazione ortopedica.

Hotel e stabilimento termale di Casciana Terme

La struttura termale è composta da una grande piscina esterna e da una interna. L’offerta termale è completata da Villa Borri, residenza del 1700, con due piscine termali, bagno turco e trattamenti benessere di tradizione orientale. Qui il percorso acquatico è particolarmente ricco di emozioni e suggestioni.

Piscina termale all'aperto nello stabilimento di Casciana Terme in Toscana

San Giuliano Terme e il lussuoso resort Bagni di Pisa

Nel tracciare la mappa delle terme in Toscana in provincia di Pisa, è d’obbligo parlare delle rinomate Terme di San Giuliano. Sono perlopiù conosciute  col nome dello stabilimento termale, Bagni di Pisa, lussuoso resort del gruppo Italian Hospitality Collection, di cui fanno parte anche Grotta Giusti di Monsummano e Fonteverde.

Storia di San Giuliano Terme

La costruzione delle strutture termali si deve ai Romani. Plinio il Vecchio le definisce “acquae pisanae”. Nel Settecento, le Terme di San Giuliano diventano meta di villeggiatura grazie alle loro molteplici proprietà. Le fonti termali sono all’interno di un’unica SPA, nella residenza estiva del Granducato di Toscana, costruita nel 1743 per Francesco Stefano di Lorena.

Le sale delle piscine e dei trattamenti termali accolgono il visitatore con la suggestione dei marmi della struttura e il fascino settecentesco ricco di affreschi e di stucchi. L’effetto è straordinario.

Il paese di San Giuliano Terme in Toscana in provincia di Pisa

Parco Termale di Uliveto

Il Parco Termale di Uliveto è immerso nel suggestivo scenario naturalistico del Monte Pisano, nel comune di Vicopisano. L’importanza benefica delle sue acque bicarbonato-alcalino-ferrose è nota già dal lontano passato. Nel 1910, fu costruito il primo impianto di imbottigliamento industriale.

Oggi il Parco Termale sfoggia un grande giardino, ideale per le passeggiate e lo sport all’aria aperta. Le Acque di Uliveto – quelle, per intendersi, pubblicizzate da Alex Del Piero e dal suo famoso uccellino – hanno specifiche proprietà. Sono infatti rivolte essenzialmente alle terapie idropiniche, alla cura del tratto digerente, del fegato, dello stomaco, dell’intestino e dei reni.

👉  Leggi anche: Vicopisano e Uliveto Terme, storia e benessere

Ragazza immersa in una piscina termale a Chianciano in Toscana

Bagni di Lucca, le terme toscane della provincia lucchese

Il nostro tour delle terme in Toscana continua nella provincia lucchese, dove arriviamo a Bagni di Lucca. In passato è stato uno degli impianti termali italiani più famosi d’Europa, nonché una delle rarissime terme in Toscana a disporre di una grotta termale naturale. Nel corso dei secoli lo hanno frequentato poeti come Byron, Shelley, Montale. Scrittori come Dumas, Heine, Lamartine, Ouida. Musicisti come Paganini. Fra la nobiltà, Matilde di Canossa, Federico II, Napoleone Bonaparte, insieme alla bellissima sorella Paolina.

Le proprietà delle acque termali di Bagni di Lucca

Le Terme Bagni di Lucca comprendono i complessi termali Jean Varraud e Casa Boccella in cui si svolgono cure e trattamenti in convenzione col SSN. Le acque solfato-bicarbonatocalciche sgorgano alla temperatura di 54° e vantano uno straordinario potere curativo e rigenerante. Sono indicate per le patologie vascolari, artroreumatiche, broncopneumologiche, dermatologiche e ginecologiche.

Completano la struttura una piscina termale interna all’Hotel e il Centro Benessere Ouida. Qui si trovano anche la Grotta Grande e la Grotta Paolina, due gioielli naturali a vapore termale con una temperatura che oscilla tra i 42 e i 46 gradi.

Bagni di Lucca

Terme in Toscana: le sorgenti termali in provincia di Livorno

Anche Livorno può vantare le sue sorgenti termali: due sul continente (come direbbero gli amici sardi) e una all’Isola d’Elba.

Le terme di Sassetta all’interno dell’Agriturismo La Cerreta

Le Terme di Sassetta si trovano all’interno dell’Agriturisno La Cerreta. Parliamo di un organismo biodinamico di 75 ettari circondato da un fitto bosco di macchia mediterranea, nella vallata di Pian delle Vigne a Sassetta.

Le proprietà delle acque termali di Sassetta

L’acqua, ricca di solfati, calcio, minerali e oligoelementi, nasce alla temperatura di 49,6° C. E’ particolarmente indicata per le affezioni dell’apparato respiratorio, della pelle e dell’apparato osteo-muscolare.

Questa è la prima struttura termale toscana a proporre un percorso di benessere diffuso.  Manualità che affondano le radici nel mondo occidentale e orientale, esclusivi Trattamenti termali Viso-Corpo di ispirazione etrusca, fino al Menù di Cosmesi Fresca Biodinamica preparata al momento. Qui i trattamenti termali rientrano in un più ampio percorso olistico di riequilibrio psico-fisiologico, con l’utilizzo esclusivo dei loro prodotti freschi da Agricoltura Biodinamica.

👉  Leggi anche: Terme di Sassetta, il benessere diffuso

A Sassetta si trovano alcune delle più belle terme in Toscana

Venturina Terme, le acque termali della Costa degli Etruschi

Nella splendida cornice della Costa degli Etruschi, sgorgano le preziose “Aquae Populoniae”, ricche di zolfo, alcali e terra, che toccano i 36°C. La sorgente “Cratere” è stata utilizzata fin dagli etruschi e dai romani. La costruzione del primo stabilimento termale moderno risale al 1883.

Le proprietà delle aquae populoniae

Queste acque termali si sono rivelate particolarmente indicate per la cura di affezioni dell’apparato respiratorio, reumatiche e delle vie biliari. Le Terme di Venturina sono convenzionate col SSN e l’INAIL.
Il complesso termale è composto da uno stabilimento principale dove si effettuano fanghi, bagni, massaggi, idromassaggi, aerosol e cure estetiche, e da un parco dove si possono fare le cure idropiniche.

Uomo si sottopone a trattamenti benessere in un centro di terme in Toscana

Isola d’Elba: la talassoterapia delle Terme di San Giovanni

Le Terme di San Giovanni, davanti al Golfo di Portoferraio, sorgono su un bacino palustre di 5 ettari. Dal terreno si estrae un limo ad alto potenziale terapeutico che rende questo moderno impianto termale un importante centro talassoterapeutico di livello europeo.

Grazie al fango marino – ricco di iodio e zolfo organico -, la talassoterapia e i bagni di limo rappresentano una combinazione miracolosa per artrosi e reumatismi.
Le Terme di San Giovanni a Portoferraio dispongono anche di un centro di fisiochinesiterapia, di medicina estetica, e di un Thermarium. Questo è dotato di sauna finlandese, bagno turco, piscina idromassaggio, doccia emozionale, e “Stanza del Sale”.

Tra le curiosità sull'Isola Elba, nell'Arcipelago toscano, scopriamo che Victor Hugo passò i suoi primi anni di vita proprio a Portoferraio

Provincia di Firenze: le terme di Gambassi

Terra antica, abitata da etruschi e romani, Gambassi fu nel Medioevo stazione di sosta per viaggiatori e pellegrini che percorrevano la Via Francigena. Nel contesto del Parco Benestare, tra i comuni di Gambassi e Montaione, sorge lo stabilimento termale e il centro benessere “Terme della Via Francigena”. E’ famoso per la sua acqua da bere dalle alte proprietà depurative.

L’Acqua di Pillo

Lo stabilimento sfrutta l’Acqua di Pillo particolarmente indicata per chi soffre di disturbi della digestione. L’acqua di Pillo scorre sotto terra per 50 anni e viene rilasciata a una temperatura di 15°C. Viene quindi classificata come “acqua termale fredda”. Veniva utilizzata già nei primi anni del ‘900, e molti sportivi erano soliti fare tappa per sfruttare queste eccezionali proprietà benefiche. Tra questi sportivi ricordiamo il campione toscano di ciclismo Gino Bartali.

👉  Leggi anche: Gino Bartali: una medaglia appesa all’anima della Toscana

Piazza nel borgo toscano di Gambassi

Terme in Toscana in provincia di Massa Carrara

Nella provincia più settentrionale della regione, racchiusa tra alte montagne e mare blu, incontriamo due luoghi da aggiungere alla mappa delle terme in Toscana.

Equi Terme, acque curative che sgorgano dal marmo

Equi Terme si trova a ridosso di una delle cime più maestose delle Alpi Apuane, il Pizzo d’Uccello. Ed è proprio il cuore di marmo di queste bellissime montagne a dare origine alle acque termali di questo borgo toscano.

Le proprietà delle acque di Equi Terme

Le acque salso-solfato-alcaline sono sorgenti ipotermali con una temperatura variabile fra i 17° e i 27°, e un valore medio di 24°C circa. I bagni in vasca, dai 36° ai 39°, e quelli nelle piscine a 27°, sono indicati per curare le affezioni dell’apparato respiratorio e quelle della cute. Così come anche le affezioni osteoarticolari e dei sistema sanguigno e linfatico.

👉  Leggi anche: Terme in provincia di Grosseto: sorgenti sulfuree in Maremma

Il borgo di Equi Terme in Toscana in provincia di Massa Carrara

Terme della Versilia

La fonte termale di Villa Undulna è frutto di una scoperta casuale, durante alcuni scavi, all’inizio del XXI secolo. Si tratta di uno degli stabilimenti termali più giovani d’Italia.

A pochi chilometri da Viareggio e Forte dei Marmi, Villa Undulna è un resort di lusso, emblema delle Terme della Versilia. Sono le uniche terme toscane, insieme alle Terme dell’Elba, ad affacciarsi direttamente sul mare.

👉  Leggi anche: Terme della Versilia: acqua, relax e torba termale

La piscina delle Terme della Versilia a Villa Udulna

Terme della Toscana in provincia di Pistoia

La mappa delle terme toscane ci conduce nel pistoiese, territorio storicamente riconosciuto per le grandi proprietà benefiche delle sue sorgenti termali.

Montecatini, uno dei più importanti centri termali italiani

Le Terme di Montecatini sono il maggiore centro termale d’Italia e uno dei primi a livello europeo. Qui, benessere, turismo, business e sport trovano un importante sbocco in uno dei grandi cuori pulsanti del termalismo toscano.

Le terme per eccellenza della belle époque toscana

Montecatini Terme, le cui sorgenti sono note fin dall’epoca romana, nacque come centro termale ai piedi dell’antico Castello, oggi Montecatini Alto. I Bagni di Montecatini sono rinomati dai tempi del Granduca Leopoldo, fautore dello sviluppo urbanistico e infrastrutturale dei “bagni”, che rese le terme un patrimonio internazionale. Frequentate da nobili e personaggi celebri provenienti da tutto il mondo, le terme di Montecatini sono l’ideale anche per chi ama l’atmosfera della belle époque. Qui infatti trova una sua alta espressione in locali storici come il Caffè delle Terme, la Locanda Maggiore, i portici Gambrinus e negli stabilimenti termali affrescati e decorati in stile liberty.

Le sorgenti termali di Montecatini

Gli stabilimenti Excelsior, Redi e Tettuccio propongono un sistema completo di trattamenti termali gestito da esperti ed equipe mediche qualificate. Le cure termali, seguendo l’alternarsi delle stagioni, rispondono a tutte le esigenze di benessere.

Le acque termali impiegate per le cure provengono dalle fonti Rinfresco, Tettuccio, Regina e Leopoldina, classificate come salso-solfato-bicarbonato-sodiche. Vengono utilizzate a livello terapeutico per malattie del metabolismo, dell’apparato digerente, per le patologie del fegato , oltre che per trattamenti benessere.

👉  Leggi anche: Montecatini Terme il fascino e il lusso della Città Termale pistoiese

Galleria a Montecatini Terme, borgo toscano in provincia di Pistoia

Monsummano Terme

La Grotta Giusti, la più grande d’Europa,  è una cavità millenaria intatta che si estende per oltre 200 metri nel sottosuolo di un resort nel comune di Monsummano Terme. È nota come l’ottava meraviglia del mondo, ed è suddivisa in tre aree denominate Paradiso, Purgatorio e Inferno. Le temperature variano dai 28° ai 34°C.

Il vapore emanato è benefico e terapeutico. L’ambiente è ricco di stalattiti e stalagmiti, di labirinti sotterranei con antri spaziosi per abbandonarsi al benessere più totale. Le ampie volte nella roccia disegnano sale ideali dove sostare per un bagno di vapore naturale e detossinante. Sul fondo della grotta si trova il Limbo, uno specchio cristallino di acque termali calde, con una temperatura costante, d’inverno e d’estate, di 36ºC.

Le proprietà delle acque della Grotta Giusti

Qui si riducono artrosi e i reumatismi, flebopatie, alcune disfunzioni del metabolismo, affezioni dermatologiche, e stati ipertensivi e ansiosi dovuti a stress.
Il resort offre inoltre una vasta gamma di terapie termali come fanghi, bagni, aerosol, inalazioni, acquagym. Si possono avere trattamenti fisioterapici o beneficiare di discipline orientali come il massaggio shiatsu o quello thai. Non mancano nemmeno le proposte estetiche per il viso e per il corpo, nonché trattamenti dermatologici e specifici per l’uomo.

Mani che raccolgono acqua termale trasparente

Provincia di Grosseto: la mappa delle terme

Siamo arrivati al termine del nostro benefico tour, che ci ha portato a ripercorrere tutti i centri presenti sulla mappa delle terme in Toscana. Durante questa ultima tappa, andremo alla scoperta delle sorgenti termali in provincia di Grosseto.

Terme di Saturnia: libere e a pagamento

Ai piedi dell’omonimo borgo, conosciuto come la più antica città italica, nel cuore della Maremma toscana, le famose Terme di Saturnia sono divise in 2 mondi diversi.

Terme di Saturnia Spa & Golf Resort

Il Terme di Saturnia Spa & Golf Resort è una struttura di altissimo livello, ricavata da un’antica costruzione in travertino. Il resort si specchia sulla sorgente millenaria le cui acque termali sgorgano alla temperatura di 37,5°. Immersi nelle 4 piscine termali all’aperto, si può godere del panorama sulla natura circostante. L’offerta è completata dai percorsi vascolari ad acqua fredda e calda, area relax, centro benessere e Spa Cafè.

Le Cascate del Mulino, terme libere in Toscana

Oltre che nel centro termale, si può beneficiare di queste acque presso le Cascate del Mulino che formano una serie di suggestive vasche naturali. Queste terme toscane sono libere e gratuite, sempre aperte anche di notte.

👉  Leggi anche: Terme di Saturnia: le regine dei paradisi termali della toscana

Le Cascate del Mulino si trovano a Saturnia e sono terme libere

Terme di Sorano: sorgenti termali tra i borghi del tufo

Nell’Area del Tufo, a poca distanza da Pitigliano e Sovana, sgorgano sorgenti d’acqua termale che alimentano,  a una temperatura costante di 37,5°, le piscine delle Terme di Sorano. Lo stabilimento è piccolo e intimo, ma ha il fascino dei tempi antichi, con quella vasca termale che i frati della Pieve utilizzavano già nel Medioevo.

Siamo giunti in fondo a questa lungo articolo dedicato alla mappa delle terme in Toscana suddivise provincia per provincia. Questa pagina pilastro costituisce la base per molti altri articoli di approfondimento. Scorri nuovamente la pagine e clicca sulle parole in rosso se vuoi scoprire tanti altri contenuti dedicati a borghi, territori e curiosità che qui, per ragioni di spazio, abbiamo solo citato. Ci contiamo!

📍 PER APPROFONDIRE:

👉  Le 10 province della Toscana: una guida territorio per territorio

👉  Terme in provincia di Siena: dieci giorni di bellezza e benessere

👉  Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori: 20 itinerari da non perdere in Toscana

👉  Terme libere in Toscana: quando il benessere è gratis

La Toscana è la tua passione? Anche la nostra!

Teniamoci in contatto

 


Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti