A Gambassi, si trovano le uniche terme della provincia di Firenze: le Terme della Via Francigena. Celebri per la loro Acqua di Pillo, appartengono alla stessa tipologia di altre famose acque curative, come quelle di Vichy e di Montecatini.

 

Terme della Via Francigena: Gambassi, unico borgo termale della provincia di Firenze

Il centro benessere Terme della Via Francigena” si trova a Gambassi Terme, nel cuore della Toscana, là dove si lambiscono aree molto conosciute come il Chianti e la Valdelsa.

Vigne e colline sulla strada tra Certaldo e Gambassi Terme in Valdelsa

Le Terme di Gambassi: sorgenti termali sulle antiche vie toscane

Lo stabilimento deriva il nome dalla sua posizione lungo lo storico tracciato della Via Francigena. La nota strada di pellegrinaggio fa parte di un fascio di percorsi detti anche vie romee, che dall’Europa occidentale, in particolare dalla Francia, conducevano nel Sud Europa fino a Roma. Dalla capitale si proseguiva poi verso la Puglia, dove si trovavano i porti d’imbarco per la Terra Santa, meta di pellegrini e crociati.

Le Terme di Gambassi sorgono inoltre anche sul percorso della via Volterrana, importante direttrice stradale, un tempo via del sale, che collega Firenze alla costa tirrenica: si trovano pertanto al crocevia di alcuni dei tracciati culturalmente e storicamente più importanti della Toscana.

Le acque delle terme di Gambassi

Se si ripercorre a piedi l’epopea dei pellegrini medioevali, si può riscoprire questa località termale famosa per le proprietà dell’Acqua salsa di Pillo che prende il nome proprio dall’omonima località del comune di Gambassi in cui sgorga. Si tratta di una zona particolarmente ricca di sorgenti termali. Oltre alla più famosa Acqua di Pillo, usata dallo stabilimento termale, sono infatti presenti anche l’acqua sulfurea di Mommialle e le acque minerali di Luiano, utilizzate per l’imbottigliamento.

La via Volterrana, una delle più belle strade panoramiche della Toscana, nasce in epoca etrusca come via del sale

Storia delle Terme della Via Francigena

Se gli studi scientifici certificanti le proprietà terapeutiche delle Acque salse di Pillo risalgono alla seconda metà dell’Ottocento, la loro fama precede di diversi secoli queste trattazioni.

L’uso ai fini curativi delle acque è attestato per la prima volta agli inizi del Novecento. Risalgono infatti a questo periodo le prime notizie certe di gruppi di persone che si recavano in questa località del comune di Gambassi appositamente per sfruttare i benefici delle acque terapeutiche.

All’inizio del XX secolo l’acqua ricca di minerali di Pillo diventa celebre soprattutto fra gli sportivi che ne scoprono i benefici per l’attività fisica. Un nome per tutti? Gino Bartali.

Lo stabilimento per lo sfruttamento sistematico delle acque minerali viene invece aperto nel 1974 e, successivamente, viene completamente ristrutturato nel 2002/2003 per rimetterlo al passo con le più moderne esigenze di benessere.

In Toscana si trovano molte sorgenti termali, soprattutto nella provincia di Siena

L’Acqua salsa di Pillo delle Terme della Via Francigena

Lo stabilimento termale di Gambassi è alimentato dalla sorgente della cosiddetta Acqua salsa di Pillo. Questa sgorga alla temperatura di circa 15 gradi nel fondovalle del Rio Sanguigno, per questo è classificata come “acqua termale fredda”. È inoltre classificata anche come acqua salso-bromoiodica, sebbene in realtà sia ricca di molti altri oligominerali, come magnesio, sodio, zolfo, cloruri e acido carbonico libero.

Questo tipo di acqua naturale sorgiva, ad alta mineralizzazione, vanta complessivamente proprietà disintossicanti e antinfiammatorie, oltre che lassative. Grazie ai minerali che vi sono disciolti, l’acqua esplica un’efficace attività terapeutica nelle patologie dell’apparato respiratorio e digestivo/gastro-intestinale, in particolar modo grazie a speciali trattamenti curativi, quali terapie inalatorie e idropiniche.

La peculiare ricchezza di minerali in sospensione deriva all’acqua salsa di Pillo da una prolungata circolazione sotterranea, per un periodo superiore a 50 anni: questo le consente di arricchirsi di tutti gli elementi benefici rilasciati dal sottosuolo.

👉 Leggi anche: Via Francigena: le 16 tappe toscane sulle antiche orme dei pellegrini

Mani che raccolgono acqua termale trasparente

I trattamenti benessere delle Terme di Gambassi

Le terme di Gambassi, in aggiunta alle proposte curative, offrono anche trattamenti relax all’interno del percorso chiamato “Cammino del Benessere”. Qui si sfrutta l’acqua termale di Pillo per bagni rilassanti nelle due piscine, interna ed esterna.

Ma non solo: idromassaggio, sauna, bagno turco, completate da aromaterapia, cromoterapia e da specifiche zone dedicate alle cascate del ghiaccio, al fiotto d’acqua finlandese e alle docce refrigeranti, vi ridoneranno tonicità, freschezza, brillantezza.

Importante annotarsi che le cure inalatorie e idropiniche delle Terme di Gambassi sono convenzionate col Servizio Sanitario Nazionale, e che è sufficiente portare con sé la ricetta del medico curante.

Un uomo getta acqua sulle rocce calde nella sauna alle Terme di Gambassi

Non solo terme lungo: cosa vedere a Gambassi e dintorni

Per completare il soggiorno alle Terme della Via Francigena, bisogna tener presente che esse sono immerse nel cosiddetto “Parco Benestare”.

Il Parco Benestare

Questo grande parco naturale a cavallo fra Gambassi e Montaione, oltre a corroborare gli effetti del benessere termale con percorsi trekking appositamente studiati, consente di ammirare le principali attrazioni del territorio.

Tra queste troviamo: il Sacro Monte di San Vivaldo, le antiche formazioni rocciose di interesse geo-minerario e la Pieve di Santa Maria a Chianni, affascinante esempio di architettura romanica.

L’Area Archeologica di Poggio all’Aglione

Abitata almeno fin dal Neolitico, Gambassi raggiunse il periodo di maggior influenza dall’epoca etrusco-arcaica a quella tardo-romana, nel III secolo d.C.. Importanti resti sono stati infatti rinvenuti nell’Area Archeologica di Poggio all’Aglione, oltre che in molti altri siti sparsi su tutto il territorio comunale. I reperti archeologici possono essere ammirati nel Palazzo Civico e nella sede del Gruppo Archeologico.

Mostra permanente del Vetro a Gambassi

Molti secoli più tardi, dal Medioevo all’epoca moderna, la zona di Gambassi divenne nota per l’attività dei vetrai. Oggi è possibile visitare la Mostra permanente del Vetro che espone circa 3000 reperti archeologici, sia locali che genericamente italiani, risalenti al periodo tra il XIII e il XVI secolo, oltre a raccogliere studi e ricerche storico- archeologiche sulla produzione del vetro in Valdelsa.

Il paese è inoltre attraversato dalla Tappa 30 della via Francigena che da San Miniato arriva a Gambassi, passando dai comuni di Castelfiorentino e di Montaione, in cui la successiva Tappa 31 arriva a San Gimignano, ottima meta per una giornata di splendore medioevale.

👉 Leggi anche: La Val d’Elsa e le sue meraviglie nelle parole del primo cittadino di Casole

Chiesa romanica di Santa Maria dell'Assunta a Gambassi Terme in Toscana

Eventi da non perdere a Gambassi Terme

Il Palio delle Contrade di Gambassi Terme coinvolge le 4 contrade cittadine: Membrino, i’Porcello, La Pieve e Belvedere. Le squadre si sfidano in diverse prove di abilità fino a giungere alla tradizionale corsa delle bigonce che chiude la competizione.
Durante la settimana del Palio, l’ultima di settembre, il centro storico di Gambassi è animato anche da spettacoli, sfilate, concerti, e da stand in cui assaggiare prodotti tipici locali.

La Gambassina, evento enogastronomico di fine giugno

A giugno, la Gambassina anima il borgo medievale per un’intera settimana. La rassegna è dedicata alla riscoperta dei sapori e delle specialità enogastronomiche locali, oltre che alla valorizzazione dei percorsi sulla celebre Via Francigena.

Numerose le attività in programma: visite e workshop nelle botteghe e nei laboratori artigiani, degustazioni, mostre d’arte; inoltre escursioni a piedi o a cavallo consentono di immedesimarsi nei panni dei viandanti e dei pellegrini medioevali.

Piazza principale di Gambassi, sede delle uniche terme in provincia di Firenze

Be’, caro amico, cara amica amante del benessere, lo sapevi che queste sono le uniche terme in provincia di Firenze? Quindi, se stai nel capoluogo, non importa spostarsi chissà dove, ce l’hai a un tiro di schioppo. Parlane, condividi l’articolo, diffondi, vai sulle nostre pagine Facebook, Instagram o la nuova di Linkedin. Ci contiamo!

📍 PER APPROFONDIRE:

👉 Le terme toscane: il più ampio sistema di centri benessere d’Italia

👉 Valdichiana, fertile terra antica di borghi e terme, al gusto di vino Nobile e chianina

👉 San Giuliano Terme e Bagni di Pisa: acqua fonte di vita, salute e bellezza

La Toscana è la tua passione? Anche la nostra!

Teniamoci in contatto

 


Riproduzione Riservata ©Copyright TuscanyPeople

Informazioni sull'autore

Publisher, Blogger & Ambassador of Tuscany

Commenti

Commenti